Internet Day e i 30 minuti di connessione gratis per tutti

0
(0)

 


Lo hanno fatto a Montecitorio durante il discorso all’Internet Day organizzato da Agi e Censis.

Una dei punti  evidenziati dal ministro di Maio all’Internet Day è quello di favorire gratuitamente almeno per 30 minuti al giorno il diritto all’acceso internet, ha detto:

“Da sempre la forza politica da cui provengo lavora affinché un giorno i referendum via Rete, senza quorum e propositivi, possano diventare la normalità. E per far questo, ma anche per una idea di cittadinanza digitale che non possiamo ulteriormente rimandare, è necessario che la connessione a Internet diventi un diritto primario di ogni singolo cittadino”.

inoltre ha aggiunto:

“E immagino uno Stato che, per tutelare questo diritto, interviene e fornisce gratuitamente una connessione a Internet di almeno mezz’ora al giorno a chi non può ancora permettersela. La Rete è al centro del cambiamento. E questo cambiamento non può più aspettare!”

Uno dei punti più importanti discussi all’Internet Day e la tematica che riguarda la riforma del copyright che arriva direttamente dall’Europa.

Riforma del Copyright

La scorsa settimana, nonostante gli  eurodeputati italiani abbiano provato ad opporsi, è passata una linea che mette in grave pericolo tutta la rete.

Di Maio: “vogliono mettere il bavaglio alla rete inserendo la cosiddetta link tax, ovvero un diritto per gli editori di autorizzare o bloccare l’utilizzo digitale delle loro pubblicazioni. E, soprattutto, vorrebbero garantire un controllo ex ante sui contenuti che i cittadini vogliono condividere. Praticamente deleghiamo a delle multinazionali che spesso nemmeno sono europee, il potere di decidere cosa debba essere o meno pubblicato . Ci opporremmo con tutte le nostre forza a partire dal Parlamento europeo, siamo anche disposti a non recepire la direttiva se dovesse rimanere cosi’ com’è.  Immagino uno Stato che, per tutelare il diritto all’informazione, interviene e fornisce gratuitamente una connessione a Internet di almeno mezz’ora al giorno a chi non può ancora permettersela”.

Fake News

Nell’evento si è parlato inoltre della diffusione pericolos delle fake news, dei finti account e dei comportamenti scorretti protetti dall’anonimato, secondo la ricerca:

  1. il 76,8% degli itliani dei quali sarebbe favorevole all’introduzione dell’obbligo di fornire un documento di identità all’atto di iscriversi a un social network

  2. il 33,2% vorrebbe la verifica sull’identità per evitare profili anonimi

  3. il 28,7% per fare in modo che gli utenti rispondano direttamente dei loro comportamenti in rete

  4. il 14,9% per controllare l’età minima di iscrizione

  5. il 12,3% si dice invece contrario perchè sarebbe un altro modo di fornire informazioni alle aziende

  6. mentre il 10,8% ritiene che in rete si dovrebbe essere liberi, compreso quello di creare un profilo anonimo

  7.  il 73,4% degli utenti internet fa un uso continuativo dei servizi di messaggistica istantanea durante il corso della giornata

  8. il 64,8% scambia mail e il 61% sta sui social, mentre solo il 3,7% non usa mai le chat, lo 0,8% le email e il 6,4% i social.

COSA SUCCEDEREBBE SE PASSASSERO LE DIRETTIVE EUROPEE E TUTTO QUESTO NON FOSSE PIU’ GRATIS?
web site: BorderlineZ

Quanto è stato utile questo post?

Fai clic su una stella per votarla!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Miglioriamo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

condividi questo articolo
Share
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

iscrizione newsletter borderlinez

Tieniti informato iscrivendoti alla nostra Newsletter

Ti informeremo solo per le news riguardanti i nostri articoli

BorderlineZ odia lo spam

ISCRIVITI ADESSO!!!

Share
Share
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x