Sangue fattore Rh Negativo mutazione Spontanea o ibridazione aliena?

globuli rossi

Sangue fattore Rh Negativo mutazione Spontanea o ibridazione aliena?

-

autore BorderlineZ, per ulteriori info vai alla pagina  CHI SIAMO

Il mistero del sangue RH negativo – Il sangue Rh negativo del gruppo 0, risulta essere il fattore sanguigno più perfetto e puro al mondo, poiché a livello scientifico risulta negativo al test Rhesus ovvero al nesso genetico tra uomo e scimmia.

globuli rossi

globuli rossi

La particolarità dell’Rh negativo è quella che può essere donato a tutti i tipi di sangue umano (a parte rarissime eccezioni), come paradosso tutti gli Rh negativo possono ricevere sangue solo da un’altro Rh negativo.

A livello statistico nel mondo a possedere un fattore Rh negativo è solo il 15% degli esseri umani. Questo fa si che l’Rh negativo sia un sangue oltre che raro anche molto pregiato.

Nota: Il fattore Rh negativo essendo negativo al test Rhesus, la scienza non riesce a capire l’origine di questo sangue e come sia apparso sulla terra.

Fattore Rh, o Rhesus, si riferisce nel dettaglio alla presenza di un antigene (una proteina), proprio sulla superficie dei globuli rossi.

Praticamente chi presenta questa proteina appartiene al gruppo sanguigno Rh positivo (Rh+), al contrario in assenza di tale proteina  apparterrà al fattore Rh negativo (Rh-).

Come accennato tutt’oggi la popolazione mondiale per 85% possiede sangue Rh positivo, il restante 15% Rh negativo.

Secondo alcuni studiosi la spiegazione è abbastanza semplice, l’Rh negativo è il frutto di una mutazione che si è verificata in un periodo relativamente recente (non è chiaro in quale periodo), per poi diffondersi nella popolazione umana.

Il fattore Rh negativo è, inoltre, un fattore recessivo, perciò si manifesta a livello fenotipico solo negli individui omozigoti per questo carattere.

Da dove proverrebbero coloro che hanno Rh negativo?

Tutti i soggetti con fattore Rh positivo a quanto pare discendono da una scimmia chiamata Macacus Rhesus, probabilmente compatibile con homo erectus.

Il fattore Rh negativo invece da dove proviene? Per la scienza purtroppo è ancora un mistero.

Teorie scientifiche sull’Rh negativo

Secondo molti studiosi la comparsa del Rh negativo viene collocata a circa 35mila anni fa, infatti si ipotizza che provenga da una mutazione genetica.

Altri studiosi in contrasto affermano che tutto ciò non è possibile, in quanto dagli antenati si può ereditare il sangue e non la sua mutazione genetica.

Se l’Uomo e la scimmia si sono evoluti dallo stesso antenato, perché una stretta minoranza hanno seguito lo stesso processo? Tutti i primati sono Rh positivo, allora da dove derivano Rh negativo? Se gli Uomini primitivi analizzati sino ad ora risultano avere il gruppo Rh positivo da dove derivano i Rh negativo?

Se si tratta di mutazione genetica, quale sarebbe la causa? A chi o cosa dobbiamo attribuire questa mutazione? Non si sono ancora scoperte prove tangibili o si vuole solo nascondere qualcosa?

evoluzione scimmia-uomo

evoluzione scimmia-uomo

Europa e fattore Rh negativo

E’ molto curioso il fatto che in Europa c’è la massima concentrazione di appartenenti al fattore Rh negativo. In Italia si registra molta concentrazione a Pescara (Abruzzo). Ma come mai è proprio qui la più alta concentrazione di Rh negativo?

Domanda: Perché lo Stato americano monitora gli Rh negativi in tutto il mondo da quasi 40 anni e cioè fin dal 1976?

Teoria del complotto

Secondo questa teoria, i gruppi sanguigni caratterizzati dal raro fattore Rh negativo, hanno origine da geni non umani incorporati nel DNA.

Per quanto strano possa sembrare c’è chi sostiene che il sangue RH negativo sia una modifica genetica degli antichi Dei, gli “angeli caduti” della Bibbia ed altri antichi testi, i Nephilim (gli antichi giganti), una razza parallela al genere umano.

incisione a rilievo (rappresentazione Nephilim)

incisione a rilievo (rappresentazione Nephilim)

Il ricercatore Robert Spehar si sarebbe spinto oltre fornendoci ulteriori indicazioni circa l’enigmatico fattore Rh neg. affermando che:  “Ci sono 612 specie di primati e sottospecie riconosciute dal IUCN e non hanno sangue RH negativo”.

Sempre secondo Robert Spehar, se l’umanità si fosse evoluta dal medesimo antenato africano, il loro sangue sarebbe compatibile, ma non è così, ci sono varie possibili combinazioni di compatibilità del sangue dell’essere umano.

Esistono vari tipi di sangue, i più comuni sono: 0+ (38%), A+ (34%) e B+ (9%), i più rari sono: AB- (1%), B- (2%), AB+ (3%).

I gruppi sanguigni

I gruppi sanguigni sono quattro, chiamati A, B, AB e 0. Ognuno di essi si distingue dall’altro per la presenza o assenza di molecole dette antigeni, presenti sulla superficie dei globuli rossi.

  •  Gruppo A: la superficie dei globuli rossi presenta una sostanza chiamata antigene A, e quindi sono presenti gli anticorpi B.
  • Gruppo B: la superficie dei globuli rossi presenta una sostanza chiamata antigene B, e quindi sono presenti gli anticorpi A.
  • Gruppo AB: la superficie dei globuli rossi presenta sia l’antigene A che l’antigene B, e quindi non vi sono anticorpi. E’ il ricevente universale.
  • Gruppo 0: la superficie dei globuli rossi non presenta né l’antigene A né l’antigene B. Può donare il sangue a tutti, ma non può riceverlo da nessuno tranne dal suo stesso gruppo sanguigno.

Compatibilità gruppi sanguigni

compatibilità sanguigna

compatibilità sanguigna

Zecharia Sitchin e i sumeri

Lo studioso Zecharia Sitchin, famoso studioso degli antichi sumeri ha affermto più volte che l’uomo come è oggi è frutto di un intervento genetico attuato dal un misterioso popolo degli Anunnaki (Elohim per gli Ebrei).

Questo indicato dalle migliaia di tavolette di argilla scritte in caratteri cuneiformi rinvenute nei vari scavi mesopotamici, principalmente ad Uruk.

Di seguito vi fornisco alcuni cenni sintetizzati  dei loro contenuti:

… In un tempo lontano ad Enki, scienziato Anunnaku, venne l’idea di creare un “lavoratore” che potesse estrarre l’oro nelle miniere dell’Abzu al posto degli Anunnaki, stanchi e sfibrati dal duro lavoro …

… Un essere simile a loro, anzi ad “immagine e somiglianza”…

… Enki, dopo aver ottenuto il parere favorevole degli altri capi Anunnaki, convocò la sua sorellastra ed ufficiale medico Ninmah, alla quale diede il compito di aiutarlo nel “creare” il nuovo essere, partendo dagli ominidi (homo erectus) che già esistevano sulla Terra …

… Ninmah iniziò il suo lavoro, nel laboratorio chiamato Bit Shimti, qui l’essenza del sangue di un maschio Anunnaki veniva mescolato con l’ovulo di un ominide femmina. L’ovulo così fecondando veniva poi inserito nell’utero di una donna Anunnaki … 

… Quando nacque il primo “modello”, Ninmah, chiamata dai sumeri Mammi (mamma), lo sollevò in alto ed esultando disse: “io l’ho creato! Le mie mani l’hanno fatto”. Da questo unico modello l’Adamu (l’Adamo ebraico) …

… venne lanciato un processo di replicazione di massa …

… I “misti” vennero messi a lavorare nelle miniere d’oro dell’Abzu, motivo della loro creazione …


tutte le immagini di questo articolo sono state prese dal web

protrebbe anche interessarti questo articolo: Nibiru esiste secondo il fisico nucleare Claudia Albert

web site: BorderlineZ

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (4 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

-
condividi questo articolo
Share
BorderlineZ

“Non paragonarmi al Diavolo , lui a differenza di me crede in Dio “ :)

Invia il messaggio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share
Share