Citazione di Henri-Frédéric Amiel

Citazione di Henri-Frédéric Amiel


Web Hosting

articolo di BorderlineZ, per ulteriori info vai alla pagina  CHI SIAMO

Nato a Ginevra da una famiglia di stretta osservanza calvinista, in giovanissima età rimase orfano. Rimasto solo al mondo si gettò negli studi fino a venti anni, quando, terminati questi, cominciò a viaggiare. Prima in Svizzera poi, tra il 1841 e l’agosto del 1842, lungo l’Italia, Malta, la Francia e successivamente, fino al 1848, in Germania. Frequentando l’università di Berlino trovò quell’ambiente culturale affascinante, un’influenza che tentò di conciliare con la sua formazione latina per tutta la vita. Fu uno dei primi stranieri ad interessarsi alla filosofia di Schopenhauer, ma la sua educazione calvinista e il suo carattere gli impedirono di aderirvi, facendodogli preferire quella di Krause.

Henri-Frédéric Amiel

Henri-Frédéric Amiel

Citazione di Henri-Frédéric Amiel

Le masse saranno sempre al di sotto della media.

La maggiore età si abbasserà, la barriera del sesso cadrà, e la democrazia arriverà all’assurdo rimettendo la decisione intorno alle cose più grandi ai più incapaci.

Sarà la punizione del suo principio astratto dell’uguaglianza, che dispensa l’ignorante di istruirsi, l’imbecille di giudicarsi, il bambino di essere uomo e il delinquente di correggersi.

Il diritto pubblico fondato sull’uguaglianza andrà in pezzi a causa delle sue conseguenze. Perché non riconosce la disuguaglianza di valore, di merito, di esperienza, cioè la fatica individuale: culminerà nel trionfo della feccia e dell’appiattimento.

Frammenti di diario intimo

[12 giugno 1871]

web site: BorderlineZ

-
Condividi questo articolo
BorderlineZ

Articolo by BorderlineZ, per ulteriori info sull’autore leggi la pagina “CHI SIAMO”.

Invia il messaggio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.