Il CDN, pubblica una guida provvisoria per i medici per la gestione del coronavirus

5
(1)

La seguente, è una guida clinica provvisoria redatta dal CDN (Center for Disease Control and Prevension), per la gestione dei pazienti con infezione da coronavirus 2019-nCoV.

Questa guida provvisoria è per i medici che si occupano di pazienti con tale infezione,  il CDN aggiornerà questa guida intermedia non appena saranno disponibili ulteriori informazioni.

CDN (Center for Disease Control and Prevension)

CDN (Center for Disease Control and Prevension)

Presentazione clinica

Al momento esistono un numero limitato di segnalazioni atte a descrivere la presentazione clinica di pazienti con infezione confermata 2019-nCoV e la maggior parte sono limitati a pazienti ospedalizzati con polmonite.

Il periodo di incubazione è stimato in circa 5 giorni, segni e sintomi riportati frequentemente comprendono febbre (83-98%), tosse (76% -82%) e mialgia o affaticamento (11–44%) all’insorgenza della malattia.

Mal di gola è stato anche riportato in alcuni pazienti all’inizio del decorso clinico. I sintomi meno comunemente riportati comprendono la produzione di espettorato, mal di testa, emottisi e diarrea.

I fattori di rischio per le malattie gravi non sono ancora chiari, sebbene i pazienti più anziani e quelli con patologie croniche possano presentare un rischio più elevato di malattie gravi.

Quasi tutti i casi segnalati si sono verificati negli adulti (età media 59 anni), in uno studio su 425 pazienti con polmonite e infezione confermata 2019-nCoV, il 57% era di sesso maschile.

Circa un terzo alla metà dei pazienti segnalati presentava diabete, ipertensione e malattie cardiovascolari.

Corso clinico

La presentazione clinica tra i casi segnalati di infezione 2019-nCoV varia in gravità dall’infezione asintomatica o da malattia lieve a malattia grave o fatale.

Alcune segnalazioni suggeriscono il potenziale deterioramento clinico durante la seconda settimana di malattia.

Test diagnostici

Attualmente, la conferma dell’infezione 2019-nCoV viene eseguita dal CDC utilizzando il test RT-PCR su campioni respiratori (che possono includere lavaggi nasofaringei o orofaringei, tamponi rinofaringei o orofaringei, lavaggio broncheoveolare, aspirati tracheali o espettorato) e siero.

Informazioni sulla raccolta, la manipolazione e la conservazione dei campioni sono disponibili sul sito: Real-Time RT-PCR Panel for Detection 2019-Novel Coronavirus.

Dopo la conferma iniziale dell’infezione 2019-nCoV, ulteriori test su campioni clinici possono aiutare a informare la gestione clinica, compresa la pianificazione delle dimissioni.

Risultati di laboratorio e radiografici

Le anomalie di laboratorio più comuni riportate tra i pazienti ospedalizzati con polmonite al momento del ricovero includevano leucopenia (9-25%), leucocitosi (24-30%), linfopenia (63%) e livelli elevati di alanina aminotransferasi e aspartato aminotransferasi (37%).

La maggior parte dei pazienti presentava normali livelli sierici di procalcitonina al momento del ricovero. Le immagini TC del torace hanno mostrato un coinvolgimento bilaterale nella maggior parte dei pazienti.

L’RNA 2019-nCoV è stato rilevato da campioni del tratto respiratorio superiore e inferiore e il virus è stato isolato dal liquido di lavaggio bronco alveolare.

La durata dello spargimento dell’RNA 2019-nCoV nelle vie respiratorie superiori e inferiori non è ancora nota ma può essere di diverse settimane o più, che è stata osservata in caso di infezione da MERS-CoV o SARS-CoV.

Gestione e trattamento clinici

Non è attualmente disponibile alcun trattamento specifico per l’infezione 2019-nCoV.

La gestione clinica comprende l’immediata attuazione delle misure raccomandate di prevenzione e controllo delle infezioni e la gestione di supporto delle complicanze, incluso il supporto avanzato degli organi se indicato.

I corticosteroidi devono essere evitati a meno che non sia indicato per altri motivi.

Il personale sanitario dovrebbe prendersi cura dei pazienti in una camera di isolamento per infezione nell’aria (AIIM).

Precauzioni standard, precauzioni di contatto e precauzioni aerotrasportate e protezione degli occhi devono essere utilizzate durante la cura del paziente.

I pazienti con una lieve presentazione clinica potrebbero non richiedere inizialmente il ricovero in ospedale.

Tuttavia, i segni e i sintomi clinici possono peggiorare con la progressione verso la malattia del tratto respiratorio inferiore nella seconda settimana di malattia, tutti i pazienti devono essere attentamente monitorati.

I possibili fattori di rischio per progredire in una malattia grave possono includere, a titolo esemplificativo, l’età avanzata e le patologie croniche sottostanti quali patologie polmonari, tumori, insufficienza cardiaca, malattie cerebrovascolari, malattie renali, malattie del fegato, diabete, condizioni immunocompromesse e gravidanza.

La decisione di monitorare un paziente in regime ambulatoriale o ambulatoriale deve essere presa caso per caso.

Questa decisione dipenderà non solo dalla presentazione clinica, ma anche dalla capacità del paziente di impegnarsi nel monitoraggio e dal rischio di trasmissione nell’ambiente domestico del paziente.

Per ulteriori informazioni, consultare CDN

web site: BorderlineZ

-

Quanto è stato utile questo post?

Fai clic su una stella per votarla!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Miglioriamo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

condividi questo articolo
Share
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

iscrizione newsletter borderlinez

Tieniti informato iscrivendoti alla nostra Newsletter

Ti informeremo solo per le news riguardanti i nostri articoli

BorderlineZ odia lo spam

ISCRIVITI ADESSO!!!

Share
Share
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x