Per quanto tempo riesce a vivere un coronavirus fuori da un’organismo

5
(3)

Per quanto tempo persistono i coronavirus su superfici come maniglie delle porte o comodini ospedalieri? Quali metodi possono essere usati per ucciderli in modo efficace? Un team di ricerca di Greifswald e Bochum ha raccolto tutti i dati pubblicati oggi noti ai ricercatori e li ha pubblicati sul Journal of Hospital Infection il 6 febbraio 2020.

Web Hosting

Trasmissione tramite goccioline, mani e superfici

Il nuovo coronavirus 2019-nCoV ormai sta facendo notizia in tutto il mondo, ad oggi ci sono oltre 30,000 infetti e più di 700 decissi causati da questo nuovo patogeno.

Poiché non esiste una terapia specifica contro di essa, la prevenzione delle infezioni è di particolare importanza per arginare l’epidemia.

Come tutte le infezioni, il virus può diffondersi attraverso le mani e le superfici che vengono spesso toccate.

Negli ospedali, ad esempio, possono essere le maniglie delle porte, i pulsanti di chiamata, i comodini, le reti e altri oggetti nelle immediate vicinanze dei pazienti.

Molto spesso persistono in oggeti di metallo o plastica come spiega il professor Günter Kampf, dell’Istituto di igiene e medicina ambientale presso l’ospedale universitario di Greifswald.

Greitswald insieme al professor Eike Steinmann, capo del Dipartimento di virologia molecolare e medica della Ruhr-Universität Bochum (RUB), ha compilato risultati esaurienti di 22 studi sui coronavirus.

Ma quanto vive 2019-nCoV senza un’ospite?

Gli studi valutati, incentrati sugli agenti patogeni Sars coronavirus e Mers coronavirus, hanno dimostrato, ad esempio, che i virus possono persistere sulle superfici e rimanere infettivi a temperatura ambiente per un massimo di nove giorni.

In media, sopravvivono tra quattro e cinque giorni, ma le basse temperature e l’umidità dell’aria elevata ne aumentano ulteriormente la durata, come dichiarato dal dottor Kampf.

Test con varie soluzioni di disinfezione hanno mostrato che gli agenti a base di etanolo, perossido di idrogeno o ipoclorito di sodio sono efficaci contro i coronavirus.

Se questi agenti vengono applicati in concentrazioni appropriate, riducono il numero di coronavirus infettivi in circa un minuto, ciò significa che il numero dei virus può scendere da un milione a solo 100 particelle patogene.

web site: BorderlineZ

-

Quanto è stato utile questo post?

Fai clic su una stella per votarla!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 3

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Miglioriamo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

condividi questo articolo
Share

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

iscrizione newsletter borderlinez

Tieniti informato iscrivendoti alla nostra Newsletter

Ti informeremo solo per le news riguardanti i nostri articoli

BorderlineZ odia lo spam

ISCRIVITI ADESSO!!!

Share
Share