Il caso UFO di Lonnie Zamora e come indagare secondo la CIA

Il caso UFO di Lonnie Zamora e come indagare secondo la CIA

5
(4)
-

autore BorderlineZ, per ulteriori info vai alla pagina  CHI SIAMO


Di seguito uno dei casi più documentati che riguardano gli avvistamenti UFO, con 10 consigli della CIA (Central Intellingence Agency) su come indagare su un presunto oggetto volante non identificato.

Prima di elencare i dieci consigli della CIA su come indagare su un evento UFO senza commettere errori, descriveremo un evento che secondo le dichiarazioni ufficiali è uno dei più documentati in assoluto.

Il caso di Lonnie Zamora

Diretto a sud su un’autostrada solitaria nel deserto, l’agente di polizia Lonnie Zamora era alla ricerca di un’auto in corsa fuori dalla città di Socorro, nel New Mexico, quando fu sorpreso da un forte rumore.

loading...

Pochi secondi dopo, vide una grande fiamma sollevarsi da terra e trafiggere il cielo sopra una remota zona di deserto a sud-ovest dell’autostrada.

Temendo che un vicino stabile di dinamite potesse esplodere, Zamora lasciò andare l’auto in corsa, svoltò a destra e percorse una strada accidentata di ghiaia che costeggiava lo stabile (si dice che era una baracca).

Zamora percorse la strada rocciosa fino a quando non si imbatté in una ripida collina. Da dietro la collina si levava un fuoco senza fumo che brillava in un imbuto di fiamme colorate di blu e arancione.

La collina oscurò l’origine delle fiamme, quindi Zamora tentò di risalirla. Le gomme del suo mezzo slittavano sulla ghiaia, ma dopo tre tentativi, Zamora riuscì finalmente ad arrivare in cima.

Un oggetto lucido, delle dimensioni di una berlina, brillava nel sole del tardo pomeriggio a circa 150-200 iarde da dove Zamora era appollaiato sulla cima di una collina.

A prima vista, pensò che fosse un’auto rovesciata in un arroyo (letto a secco del torrente), ma quando si avvicinò, sembrava essere di colore alluminio, non cromato e di forma ovale come un pallone da calcio.

Lonnie Zamora

Zamora si diresse verso l’oggetto, lungo la cresta della collina, per circa 50 piedi e poi fermò la macchina. Per radio avvisò lo sceriffo dicendogli che sarebbe stato impegnato a controllare un relitto “giù nell’arroyo”, dopo di ciò discese a piedi giù per la collina verso l’oggetto.

Zamora di colpo fu di nuovo sorpreso da un rombo molto forte, non esattamente come un’esplosione ma piuttosto come un motore a reazione.

La fiamma sembrava provenire dalla parte inferiore dell’oggetto, con una luce blu brillante nella parte superiore e arancione nella parte inferiore. Zamora fu presa dal panico, temendo che l’oggetto stesse per esplodere.

Corse per mettersi al riparo, ma si voltò a guardare l’oggetto mentre fuggiva. Notò un simbolo rosso sul lato, a forma di punta che era alta e larga circa 2 pollici.


L’oggetto era liscio, color alluminio bianco lucido, senza finestre o porte visibili. Sembravano esserci due gambe di metallo, inclinate verso l’esterno, che la sostenevano.

Zamora corse in macchina, nel panico colpì il parafango e si schiantò a terra. Si alzò, e quando si voltò di nuovo a guardare, vide l’oggetto iniziare a sollevarsi a circa 20-25 piedi in aria sopra la macchina.

Zamora si buttò a terra, si coprì il viso con le braccia per proteggerlo, ma all’improvviso, l’oggetto si allontanò da lui, verso sud-ovest, sembrando andare in linea retta a circa 10-15 piedi da terra, fino a quando non ha superato le alte montagne del deserto per poi scomparire.

ricostruzione grafica dell’UFO avvistato da Zamora

Hector Quintanilla, l’ultimo ufficiale del famoso programma investigativo sugli UFO della US Air Force, il Progetto BLUE BOOK, era responsabile del caso Zamora.

Il suo team era convinto che Zamora stesse dicendo la verità e, nonostante un’indagine estremamente approfondita, non erano in grado di localizzare l’oggetto o le sue origini.

Hector Quintanilla

In un articolo di Studies in Intelligence intitolato “The Investigation of UFO”, Quintanilla afferma che l’avvistamento di Zamora è “il caso meglio documentato”, purtroppo rimase irrisolto o meglio dissero così.

Con oltre 20 anni di indagini, dalla fine degli anni ’40 fino alla conclusione del Progetto BLUE BOOK nel 1969, la CIA e USAF hanno imparato una o due cose su come investigare un avvistamento UFO.

Mentre la maggior parte dei funzionari e scienziati del governo ora respinge i rapporti sui dischi volanti come una reliquia caratteristica degli anni ’50 e ’60, c’è ancora molto che si può imparare dalla storia e dalla metodologia dell ‘”intelligenza dei dischi volanti”.

10 consigli per studiare un disco volante

1. Istituire un gruppo per indagare e valutare gli avvistamenti

Prima del dicembre 1947, non vi era alcuna organizzazione specifica incaricata di indagare e valutare gli avvistamenti di UFO.

Non c’erano standard su come valutare i rapporti in arrivo, né c’erano punti di dati misurabili o risultati di esperimenti controllati per il confronto con avvistamenti segnalati.

Per porre fine alla confusione, il capo del comando del servizio tecnico dell’aeronautica, il generale Nathan Twining, nel 1948 istituì il progetto SIGN (inizialmente denominato progetto SAUCER) per raccogliere, valutare e distribuire all’interno del governo tutte le informazioni relative a tali avvistamenti, sul premettere che gli UFO potrebbero essere reali (sebbene non necessariamente extraterrestri) e preoccupanti per la sicurezza nazionale.

Il progetto SIGN alla fine lasciò il posto al progetto GRUDGE, che alla fine si trasformò nel progetto BLUE BOOK nel 1952.

Nathan Twining

2. Determinare gli obiettivi della tua indagine

La preoccupazione della CIA per gli UFO era notevole fino agli inizi degli anni ’50 a causa della potenziale minaccia alla sicurezza nazionale da questi oggetti volanti non identificati.

La maggior parte dei funzionari non credeva che gli avvistamenti fossero di origine extraterrestre, erano invece preoccupati che gli UFO potessero essere nuove armi sovietiche.

Il team del Progetto BLUE BOOK, secondo Quintanilla, ha definito tre obiettivi principali per le loro indagini:

  • Per determinare se i fenomeni UFO rappresentano una minaccia per la sicurezza degli Stati Uniti
  • Determinare se i fenomeni di UFO mostrano progressi tecnologici che potrebbero essere incanalati nella ricerca e sviluppo degli Stati Uniti
  • Spiegare o identificare gli stimoli che hanno indotto l’osservatore a segnalare un UFO.

Sebbene BLUE BOOK, come i precedenti progetti investigativi sull’argomento, non escludessero la possibilità di fenomeni extraterrestri, le loro ricerche e indagini si sono concentrate principalmente sulle implicazioni della sicurezza nazionale, in particolare sui possibili progressi tecnologici sovietici.

3. Consultare gli esperti

Durante gli anni ’50 e ’60, vari progetti, panel e altri studi furono condotti o sponsorizzati dal governo degli Stati Uniti per ricercare il fenomeno UFO.

Ciò include il Comitato scientifico consultivo del 1953, sponsorizzato dalla CIA, sugli oggetti volanti non identificati, noto anche come “Pannello di Robertson”.

Prende il nome dal noto fisico H.P. Robertson del California Institute of Technology, che ha contribuito a mettere insieme il gruppo distinto di scienziati non militari per studiare il problema degli UFO.

Progetto Blue Book

Il progetto BLUE BOOK ha anche consultato frequentemente esperti esterni, tra cui:

  • astrofisici
  • funzionari dell’aviazione federale
  • piloti
  • US Weather Bureau
  • stazioni meteorologiche locali
  • accademici,
  • National Center for Atmospher Research
  • NASA
  • Kodak (per analisi fotografica)
  • vari laboratori (per campioni fisici).

Perfino il famoso astronomo Carl Sagan prese parte a un panel per esaminare le scoperte del Progetto BLUE BOOK a metà degli anni ’60.

Il rapporto di quel gruppo concludeva che “non era stato trovato nessun caso UFO che rappresentasse progressi tecnologici o scientifici al di fuori di un quadro terrestre”, ma il comitato raccomandò che gli UFO fossero studiati intensamente per risolvere il problema una volta per tutte.

L’asronomo Carl Sagan

4. Creare un sistema di segnalazione per organizzare i casi in arrivo

L’Air Technical Intelligence Center (ATIC) dell’Aeronautica militare americana ha sviluppato questionari da utilizzare per la raccolta di segnalazioni di possibili avvistamenti di UFO, che sono stati utilizzati per tutta la durata del Progetto BLUE BOOK.

I moduli sono stati usati per fornire agli investigatori informazioni sufficienti per determinare quale fosse il fenomeno sconosciuto molto probabilmente.

La durata dell’avvistamento, la data, l’ora, il luogo o la posizione nel cielo, le condizioni meteorologiche e il modo di apparire o scomparire sono indizi essenziali per gli investigatori che valutano gli avvistamenti UFO segnalati.

Il progetto BLUE BOOK ha classificato gli avvistamenti in base a ciò a cui il team sospettava fossero attribuibili:

  • Astronomico (compresi stelle luminose, pianeti, comete, palle di fuoco, meteore e stelle filanti aurorali)
  • Aeromobili (velivoli ad elica, aeromobili a reazione, missioni di rifornimento, aeromobili fotografici, aeromobili pubblicitari, elicotteri)
  • Palloncini
  • Satelliti
  • e altro inclusi missili, riflessi, miraggi, proiettori, uccelli, aquiloni, indicazioni radar spurie, bufale, fuochi d’artificio e razzi

Secondo Quintanilla, “un avvistamento è considerato non identificato quando un rapporto contiene apparentemente tutti i dati necessari per suggerire un’ipotesi valida, ma la sua descrizione non può essere correlata con nessun oggetto o fenomeno noto”.

5. Elimina i falsi positivi

Elimina ciascuna delle cause note e probabili degli avvistamenti UFO, lasciando concentrare una piccola parte di casi “inspiegabili”. Escludendo spiegazioni comuni, gli investigatori possono concentrarsi su casi davvero misteriosi.

Alcune spiegazioni comuni per gli avvistamenti di UFO scoperte da prime ricerche includevano:

  • Velivoli erroneamente identificati (i voli U-2, A-12 e SR-71 rappresentavano più della metà di tutti i rapporti sugli UFO della fine degli anni ’50 e della maggior parte degli anni ’60)
  • Eventi celesti
  • Isteria di massa e allucinazioni
  • Isteria di guerra
  • Follia di mezza estate
  • Bufale
  • Acrobazie pubblicitarie
  • Interpretazione errata di oggetti noti.

Anche la storia può far luce. Un’interessante citazione trovata dal pannello Robertson del 1953 notò che alcuni avvistamenti erano stati attribuiti a un fenomeno più vecchio – “Foo Fighters” – che ha preceduto il moderno concetto di UFO:

Questi erano fenomeni inspiegabili avvistati dai piloti di aerei durante la seconda guerra mondiale, sfere di luce che volavano vicino o con l’aereo e si muovevano rapidamente.

Si credeva che fossero fenomeni elettrostatici (simili al fuoco di Sant’Elmo) o elettromagnetici … ma la loro causa o natura esatta non fu mai definita.

Se il termine “dischi volanti” fosse stato popolare nel 1943-1945, questi oggetti sarebbero stati così etichettati.

6. Sviluppare una metodologia per identificare i velivoli comuni e altri fenomeni aerei spesso scambiati per UFO

vecchia foto di un UFO

A causa della notevole probabilità che un aereo comune (o militare segreto) possa essere scambiato per un UFO, è importante conoscere le caratteristiche dei diversi tipi di aeromobili e il fenomeno aereo da valutare rispetto a ciascun avvistamento.

Per aiutare gli investigatori a superare le scoperte di segnalazioni in arrivo, il Progetto BLUE BOOK ha sviluppato una metodologia per determinare se l’avvistamento UFO potrebbe essere attribuibile a un fenomeno aereo o aereo noto.

Hanno scritto descrizioni dettagliate che caratterizzano ogni tipo di velivolo o fenomeno astronomico, incluso come potrebbe essere scambiato per un UFO, per aiutare gli investigatori a valutare i rapporti in arrivo.

7. Esaminare la documentazione dei Testimoni

Eventuali fotografie, video o registrazioni audio possono essere estremamente utili nella valutazione di un avvistamento UFO segnalato.

Un caso famoso esaminato dal pannello di Robertson fu il “Tremonton, Utah Sighting” del 1952, in cui una coppia e due bambini che attraversavano il paese sulla State Highway 30 fuori Tremonton videro quelli che sembravano essere 10-12 oggetti luminosi che si muovevano verso ovest in il cielo in una formazione ruvida.

Il marito è stato in grado di catturare alcuni degli oggetti in un filmato.

Il caso è stato considerato significativo a causa delle “eccellenti prove documentali sotto forma di film cinematografici di Kodachrome (circa 1600 fotogrammi)”.

Il gruppo di esperti scientifici ha esaminato il film, la case history, l’interpretazione di ATIC e ha ricevuto un briefing dai rappresentanti del USN Photo Interpretation Laboratory sulla loro analisi del film.

Il laboratorio riteneva che gli oggetti non fossero uccelli, palloncini, aerei o riflessi, e quindi doveva essere “auto-luminoso”.

Il panel non era d’accordo con la valutazione che gli oggetti erano auto-luminosi, credendo che se fosse stato condotto un esperimento controllato, una spiegazione terrestre per l’avvistamento sarebbe stata confermata.

8. Conduci esperimenti controllati

Come suggerito dal Panel Robertson per indagare l’avvistamento di Tremonton, Utah (menzionato nel suggerimento n. 7), potrebbero essere necessari esperimenti controllati per provare a replicare i fenomeni sconosciuti.

Nel caso Tremonton, il gruppo di esperti scientifici ha suggerito un esperimento in cui gli scienziati avrebbero fotografato “palloncini a cuscino” a diverse distanze in condizioni meteorologiche simili sul sito.

Credevano che un simile esperimento potesse aiutare a dissipare la teoria “auto-luminosa” sugli oggetti nel film. Sfortunatamente, in questo caso, il costo di condurre un simile esperimento ha reso l’idea irrealizzabile.

9. Raccogliere e testare prove fisiche e forensi

Nel caso Zamora (dall’introduzione), Quintanilla sostiene che nel corso dell’indagine e subito dopo “è stato verificato tutto ciò che era umanamente possibile verificare”.

Ciò ha incluso l’arrivo di segnalini Geiger dalla base aeronautica di Kirtland per testare le radiazioni nell’area di atterraggio e l’invio di campioni di terreno al laboratorio aeronautico.

L’analisi del suolo non ha rivelato materiale estraneo. Le radiazioni erano normali per le “tracce” e l’area circostante.

L’analisi di laboratorio del pennello bruciato non ha mostrato sostanze chimiche che avrebbero potuto essere residui di propellente.

I risultati sono stati tutti insieme negativi. Non è stata trovata alcuna spiegazione nota per l’evento misterioso.

10. Scoraggiare i rapporti falsi

Il pannello di Robertson ha scoperto che l’Aeronautica Militare aveva “istituito un ottimo canale per ricevere notizie di quasi tutto ciò che chiunque vede in cielo e non riesce a capire”.

Questo è un classico esempio della necessità di separare il “segnale dal rumore”.

Se hai troppi rapporti falsi o spazzatura, diventa sempre più difficile trovare quei pochi buoni meritevoli di indagine o attenzione.

La CIA all’inizio degli anni ’50 era preoccupata che, a causa della tensione della guerra fredda e delle maggiori capacità sovietiche, i sovietici potessero usare i rapporti sugli UFO per innescare il panico e l’isteria di massa.

Ancora peggio, i sovietici potevano usare gli avvistamenti di UFO per sovraccaricare il sistema di allarme aereo degli Stati Uniti in modo che non potesse distinguere obiettivi reali da presunti UFO.

Al fine di ridurre la quantità di segnalazioni di falsi positivi, il gruppo di esperti Robertson ha suggerito di educare i militari, i ricercatori e persino il pubblico su come identificare oggetti o fenomeni comunemente scambiati per gli UFO.

Ad esempio, hanno raccomandato l’addestramento del personale arruolato, comandato e di ricerca su come riconoscere correttamente oggetti insolitamente illuminati (come palloncini o riflessi di aerei), nonché fenomeni naturali (come meteore, palle di fuoco, miraggi o nuvole notturne notturne) .

Sapendo come riconoscere correttamente gli oggetti che erano comunemente scambiati per gli UFO, gli investigatori potevano eliminare rapidamente i falsi rapporti e concentrarsi sull’identificazione di quegli avvistamenti che erano rimasti inspiegabili.


tutte le immagini di questo articolo sono state prese dal web ai fini illustrativi

fonte: CIA.org

web site: BorderlineZ

-

Quanto è stato utile questo post?

Fai clic su una stella per votarla!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 4

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Miglioriamo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

condividi questo articolo
Share
BorderlineZ

“Non paragonarmi al Diavolo , lui a differenza di me crede in Dio “ :)

Invia il messaggio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

iscrizione newsletter borderlinez

Tieniti informato iscrivendoti alla nostra Newsletter

Ti informeremo solo per le news riguardanti i nostri articoli

BorderlineZ odia lo spam

ISCRIVITI ADESSO!!!

Share
Share