L’incidente UFO di Teheran del 1976

5
(3)

L’incidente UFO di Teheran del 19 settembre 1976 consiste in un doppio avvistamento (radar e visivo) di un oggetto volante non identificato su Teheran, la capitale dell’Iran, durante le prime ore del mattino di 43 anni fa.

Durante l’intercettazione, due F-4 Phantom II persero l’uso della strumentazione di bordo, compreso il sistema di armi man mano che si avvicinavano all’oggetto per attaccarlo, per poi ripristinarle al momento del ritiro.

ufo di teheran

Web Hosting

Ufo di Teheran

Il 19 settembre 1976, il posto di comando dell’aeronautica militare iraniana a Teheran ricevette quattro strane segnalazioni telefoniche, da parte di civili nel distretto della città di Shemiran, che riguardavano attività insolite nel cielo notturno.

Gli stani avvistamenti facevano riferimento ad un oggetto simile a una stella, ma molto più luminoso.

Il quel momento il posto di comando non disponeva di elicotteri sul posto per controllare la situazione, quindi fu costretta a chiamare il generale Yousefi, assistente vice comandante delle operazioni.

Il generale Yousefi all’inizio disse che l’oggetto era sicuramente solo una stella, ma dopo aver parlato con la torre di controllo all’aeroporto internazionale di Mehrabad, capì che si trattava di uno strano  oggetto non identificato molto luminoso più grande di una stella.

Invio del primo F-4

A questo punto il generale decise di inviare un F-4 da combattimento dalla base aeronautica di Shahrokhi ad Hamadan a ovest per l’ Ufo di Teheran.

L’F-4 era pilotato dal Capitano Mohammad Reza Azizkhani.

A quanto pare l’oggetto avvistato era così brillante che poteva essere visto da 70 miglia (110 km) di distanza.

Quando l’aereo si avvicinò a circa 25 miglia dall’oggetto, l’F-4 perse tutta la strumentazione e le capacità di comunicazione, spingendo il pilota a interrompere l’intercettazione e tornare indietro verso Shahrokhi, l’F-4 dopo essersi allontanato riprese il funzionamento del sistema di bordo.

Invio del secondo F-4

Fu cosi che partì un secondo F-4, pilotato dal tenente Parviz Jafari e dal tenente Jalal Damirian.

Nota: Jafari parteciperà il 12 novembre 2007 a una conferenza del National Press Club che chiede un’indagine mondiale sui fenomeni UFO.

Jafari aveva acquisito su radar l’oggetto a una distanza di circa 50 km, dal radar l’UFO assomigliava a un Boeing 707, ma man mano che il pilota si avvicinava l’oggetto iniziò a muoversi, mantenendo una distanza costante di 46 km dall’F-4 .

La dimensione dell’oggetto era difficile da determinare a causa della sua intensa luminosità. Le luci dell’oggetto si alternavano fra il blu, il verde, il rosso e l’arancione ed erano disposte in uno specifico schema quadrato.

ufo di teheran

questa è solo un’immagine rappresentativa

Le luci lampeggiavano in sequenza, ma il lampeggiamento era così rapido che potevano essere visti tutti in una volta.

Mentre l’oggetto e l’F-4 proseguivano su un percorso verso sud, un secondo oggetto più piccolo si staccava dal primo e avanzò versol’F-4 ad alta velocità.

Il tenente Jafari, pensando di essere sotto attacco, cercò di lanciare un missile sidewinder AIM-9, ma improvvisamente perse tutta la strumentazione, compreso il controllo delle armi e tutte le comunicazioni.

Jafari quindi fu costretto a fare una specifica manovra come azione evasiva, l’oggetto cadde dietro di lui a circa 3-4 miglia (7,4 km) per un breve periodo per poi allontanarsi.

Ancora una volta, non appena l’F-4 si allontanò, la strumentazione e le comunicazioni furono ripristinate.

Fu così che l’equipaggio dell’F-4 vide un altro oggetto illuminato che si staccava dall’altro lato dell’oggetto primario e scendeva verso il basso ad alta velocità al punto che i piloti dell’F-4 pensarono che si sarebbe schiantato al suolo, ma non fu così, infatti l’oggetto si posò delicatamente.

L’F-4 sorvolò il sito a una quota ridotta e segnalò la posizione dell’UFO.

Nota: Jafari in seguito avrebbe commentato che l’oggetto era così luminoso che illuminava il terreno e poteva vedere le rocce intorno ad esso. L’oggetto era atterrato vicino alla raffineria di petrolio di Rey, alla periferia dell’Iran. 

Mentre l’F-4 era in avvicinamento finale, fu avvistato ancora un altro oggetto, a forma di cilindro, con luci luminose e fisse su ciascuna estremità e una luce lampeggiante nel mezzo.

La torre Mehrabad non segnalò altri velivoli nell’area, ma il personale della torre fu in grado di vedere l’oggetto grazie alle indicazioni di Jafari.

Anni dopo, un generale investigativo ha dichiarato che l’oggetto era riuscito anche a  compromettere la strumentazione della torre di controllo.

ufo di teheran

Il giorno successivo

Il giorno successivo, l’equipaggio dell’F-4 con l’appoggio di un elicottero va sul luogo in cui avevano visto atterrare l’oggetto più piccolo, ma non si vedevano tracce.

Quindi girarono attorno all’area verso ovest e captarono un segnale “beeper” evidente, il segnale era più forte vicino a una piccola casa, quindi atterrarono in quel punto e interrogarono gli occupanti della casa su eventuali eventi insoliti della notte precedente.

I testimoni dichiararono di aver sentito forti rumori e avvistato una luce intensa come un fulmine.

A quanto pare, sono state condotte ulteriori indagini sul sito di atterraggio, compresi i test delle radiazioni nell’area, ma i risultati non sono mai stati resi pubblici.

Il rapporto della D.I.A

D.I.A (Defence Intelligence Agency)

Il caso fu talmente eccezionale che la D.I.A (Defence Intelligence Agency) la classificò come un evento che soddisfava tutti i criteri necessari per uno studio valido del fenomeno UFO, nel suo rapporto indicò:

a) L’oggetto è stato visto da più testimoni da diverse località (ad esempio, Shamiran, Mehrabad e il letto del lago asciutto) e punti di vista (sia aerei che da terra).

b) La credibilità di molti dei testimoni era alta (un generale dell’Aeronautica, equipaggi qualificati ed esperti operatori di torri).

c) Gli avvistamenti visivi sono stati confermati dal radar.

d) effetti elettromagnetici simili (EME) sono stati segnalati da tre velivoli separati.

e) Ci sono stati effetti fisiologici su alcuni membri dell’equipaggio (cioè perdita della visione notturna a causa della luminosità dell’oggetto).

f) Una quantità eccessiva di manovrabilità è stata mostrata dagli UFO.

Nel 1994, il programma TV Sightings ha intervistato i vari sogetti coinvolti nell’incidente. Quasi tutti hanno espresso l’opinione di aver a che fare con un mezzo extraterrestre ad altissima tecnologia.

Altro caso Ufo a Teheran nel 1978

Un incidente UFO un po’ simile a quello del 1976 si verificò nel 1978, coinvolgendo nuovamente l’interesse della DIA degli Stati Uniti.

Il rapporto fu inviato dall’ufficio della Difesa degli Stati Uniti ai capi di stato maggiore congiunti, il Segretario di Stato, l’NSA e la CIA.

Il rapporto è stato citato dal giornale in lingua inglese iraniana Tehran Journal, datato 18 luglio 1978.

L’articolo diceva che un UFO era stato visto da un numero di persone nella notte del 16 luglio, sempre nella parte settentrionale di Teheran.

Un testimone ha detto di aver visto l’oggetto emergere improvvisamente nel cielo e librarsi direttamente sopra di lui, i testimoni hanno affermato che si trattava di uno “strano oggetto luminoso” che sembrava fluttuare verso sud-ovest verso Saveh (circa a metà strada tra Teheran e Hamadan).

Testimoni hanno contattato la National Radio Network e la torre di controllo di Mehrabad, confermando l’esistenza dell’oggetto ma senza fornire ulteriori dettagli. L’articolo ha aggiunto: “I funzionari della torre di controllo dell’aeroporto di Mehrabad e un’equipaggio della Lufthansa hanno riportato letture insolite sui loro strumenti”.

L’articolo menzionava anche brevemente un altro recente incidente UFO dell’aprile 1978.

Un pilota locale disse che lui e il suo copilota avevano fotografato un oggetto “luccicante” mentre volavano tra Ahvaz e Teheran.

Non poteva rilasciare le fotografie fino a quando la divisione di sicurezza delle autorità dell’aviazione civile non avesse dato il permesso.

Apparentemente c’era anche una conferma del radar di terra, infatti un funzionario del controllo radar Mehrabad disse che in quell’occasione avevano rilevato un oggetto circa 20 volte più grande di un jumbo-jet sui loro schermi.

Si disse che le autorità dell’aviazione civile stessero indagando, ma i risultati non furono resi pubblici.

web site: BorderlineZ

-

Quanto è stato utile questo post?

Fai clic su una stella per votarla!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 3

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Miglioriamo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

condividi questo articolo
Share

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

iscrizione newsletter borderlinez

Tieniti informato iscrivendoti alla nostra Newsletter

Ti informeremo solo per le news riguardanti i nostri articoli

BorderlineZ odia lo spam

ISCRIVITI ADESSO!!!

Share
Share