Coronavirus, tutta Italia è zona rossa

Coronavirus, tutta Italia è zona rossa

5
(2)
-

autore BorderlineZ, per ulteriori info vai alla pagina  CHI SIAMO


Nel giro di poco meno 48 ore il cambio radicale, non esistono più zone rosse e arancioni, ma c’è un unico provvedimento che riguarderà l’intero Paese, l’Italia è stata dichiarata interamente zona rossa.

Italia zona rossa

Esteso il decreto del presidente del Consiglio emanato per la Lombardia e per le 14 province a tutta Italia. I provvedimenti dureranno fino al prossimo 3 aprile.

I bar e i ristoranti in tutta la nazione dovranno chiudere entro le ore 18 e potranno aprire dopo le 6. Ma in queste 12 ore di tempo i titolari dei locali dovranno rispettare le vigenti norme sulle distanze di sicurezza.

Rimarranno chiusi pub, discoteche, sale gioco, sale bingo, musei, teatri e cinema.

Saranno proibiti anche gli assembramenti nelle piazze, le celebrazioni (comprese quelle di matrimoni e funerali).

Rimarranno attivi i trasporti pubblici, per garantire alla continuità di consentire di andare a lavorare.Scuole e atenei non riapriranno fino al 3 aprile

Viene uniformato lo stop alle scuole, di ogni ordine e grado, e alle università fino al 3 aprile. Un provvedimento preso inizialmente per la zona arancione e che da oggi entrerà in vigore in tutta la Penisola.

Sono sospesi tutti i corsi professionali e i master e le attività formative, unica eccezione per i corsi di medicina e le attività tirocinanti sempre in ambito sanitario.

Gli spostamenti saranno consentiti ma solo per comprovate necessità personali, di lavoro o di salute.

Nelle restrizioni viene considerato anche lo sport a tutti i livelli: la seria A si ferma, così come tutti gli altri campionati.

Inoltre accesso vietato a chi frequenta palestre, centri sportivi e spa, solo gli atleti professionisti potranno, invece, allenarsi.

Ci si può spostare solo per comprovate necessità (lavorative, motivi di salute, rientro al proprio domicilio o residenza) compilando una autocertificazione.

Chi viola le prescrizioni rischia fino a 3 mesi di arresto e una multa di 206 euro.

Pene ancora più gravi a chi, infetto, fuggirà dalla quarantena, il reato che si prospetta è quello di delitto colposo contro la salute pubblica.


Spetterà ai singoli prefetti delle province farà rispettare i divieti, a loro anche il compito di avvisare i cittadini delle conseguenze in caso di infrazioni.

web site: BorderlineZ

Supporta BorderlineZ (donazione libera)

-

Quanto è stato utile questo post?

Fai clic su una stella per votarla!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 2

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Miglioriamo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

condividi questo articolo
Share
BorderlineZ

“Non paragonarmi al Diavolo , lui a differenza di me crede in Dio “ :)

Invia il messaggio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

iscrizione newsletter borderlinez

Tieniti informato iscrivendoti alla nostra Newsletter

Ti informeremo solo per le news riguardanti i nostri articoli

BorderlineZ odia lo spam

ISCRIVITI ADESSO!!!

Share
Share