5G tra realtà, finzione e cospirazione

5
(2)

Fin dall’inizio i possibili pericoli della nuova rete 5G sono stati una preoccupazione per buona parte della comunità.

La nuova tecnologia 5G, che promette alte velocità, bassa latenza e l’attivazione di Internet of Things (IoT), è ancora estremamente controversa sotto molti punti di vista.

Web Hosting

Nonostante molti operatori di rete affermano che la paura verso il 5G sia notevolmente esagerata e che i pericoli sono limitati o inesistenti, buona parte della comunità e alcuni scienziati sostengono che l’esposizione all’energia in radiofrequenza (RF), in particolare la parte ad alta frequenza dello spettro utilizzato dal 5G, è pericolosa per le persone e l’ambiente.

John Giusti, direttore generale della GSMA dichiara:

“Venti anni di ricerca dovrebbero rassicurare le persone che non ci sono rischi per la salute …”

Motivi per cui si sono diffuse le paure sul 5G

Alte frequenze 5G

Le reti 5G utilizzano tre tipi di frequenze, nello specifico utilizza le bande:

  • basse (0,6 GHz – 3,7 GHz)
  • medie (3,7 – 24 GHz)
  • alte(24 GHz e superiori)

Sono proprio le alte frequenze di banda che hanno suscitato maggiore preoccupazione, sebbene le preoccupazioni in corso su 2G, 3G e 4G, che utilizzano la parte bassa e media della gamma, non si siano mai attenuate.

Le preoccupazioni principali del 5G rientrano in due categorie:

  • in primo luogo, che lo spettro delle onde millimetriche (MMW) utilizzato dal 5G e trasmesso attraverso la parte dello spettro da 30-300 Ghz, questo ha maggiori probabilità di causare danni cellulari rispetto alle onde a frequenza più bassa
  • in secondo luogo, queste onde corte non viaggiano lontano, il che significa che sono necessari più trasmettitori di piccole celle per fornire una copertura completa , quindi il numero di trasmettitori necessari, per molti è preoccupante.

Impatto dello spettro MMW sulle cellule

Una tra le più grandi preoccupazione riguarda lo spettro MMW, poiché giace tra le microonde, per molti presentano pericoli per le cellule umane.

Infatti alcuni studi sembrano dimostrare che l’esposizione prolungata a MMW può influire sulla struttura cellulare.

Secondo Joel Moskowitz, direttore del centro per la salute della famiglia e della comunità, Università di Berkeley, sostiene che gli MMW possono influenzare la membrana plasmatica della cellula, modificando l’attività del canale ionico o modificando il doppio strato di fosfolipidi.

La Moskowitz dichiara:

“Le terminazioni nervose della pelle sono un probabile bersaglio di MMW e il possibile punto di partenza di numerosi effetti biologici”.

L’altra parte della medaglia

Sul sito dell’American Council for Science and Health, Alex Berezow cita l’ astrofisico Dr. Ethan Siegel quando tenta di spiegare come determinare se una fonte di radiazione sia pericolosa o meno.

Siegel sostiene che ci sono tre considerazioni da fare:

  • l’energia per fotone
  • la quantità totale di energia
  • la capacità dell’oggetto esposto di assorbire la radiazione.

Esso sostiene che i fotoni associati allo spettro radio del 5G sono troppo deboli per causare il cancro, inoltre la quantità totale di energia a cui i nostri corpi sono esposti alle radiazioni RF è bassa, quindi il corpo umano non le assorbe.

Nel marzo 2020 è stato annunciato che la Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti ( ICNIRP ) ha formalmente ritenuto il 5G sicuro a seguito di ricerche approfondite.

Eric van Rongen, presidente della Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ICNIRP) ha affermato:

“Sappiamo che parti della comunità sono preoccupate per la sicurezza del 5G e speriamo che le linee guida aggiornate aiuteranno le persone a sentirsi a proprio agio”.

Nel Regno Unito il “regolatore” delle telecomunicazioni, Ofcom, ha effettuato i primi test di sicurezza su stazioni base 5G e non ha mai riscontrato rischi identificabili da quando è stata implementata la tecnologia 5G e che i livelli di radiazione sono a “piccole frazioni” di limiti di sicurezza.

Misurando 16 siti 5G in 10 città del Regno Unito, l’Ofcom si è concentrato sulle aree in cui è probabile che l’uso mobile sia il più alto.

In ogni sito, Ofcom ha riscontrato che le emissioni rientravano nella norma, come stabilito dalla Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti.

NOTA: Non ionizzante si riferisce al tipo che non danneggia il DNA e le cellule.

Radiazione 5G

Nonostante tutte le attuali prove di sicurezza, resta il fatto che ci sono ancora alcuni scienziati che sono scettici riguardo il 5G.

Kenneth R Foster, professore di bioingegneria all’Università della Pennsylvania è uno di questi.

In una recente pubblicazione nel Scientific American ha dichiarato:

“molti degli studi che riguardano gli effetti dannosi di RF e 5G sono di natura esplorativa e mancano di precauzioni elementari per garantire risultati affidabili “.

Un approccio molto equilibrato per stabilire se il 5G causerà danni è dato da organismi come il National Institute of Environmental Health Sciences (NIEHS) con sede negli Stati Uniti.

Un portavoce del gruppo ha affermato di non sapere ancora quale sarà l’impatto dell’esposizione a RF sui tessuti biologici e che la gamma di frequenze utilizzate dal 5G complica ulteriormente le problematiche:

“Sappiamo che l’assorbimento di RF a frequenze più alte differisce significativamente dall’assorbimento a frequenze più basse in quanto lunghezze d’onda più brevi non possono penetrare quasi altrettanto in profondità nel corpo. Ciò significa che gran parte dell’assorbimento di frequenza più elevata si verifica nella pelle e non penetrerebbe abbastanza in profondità da raggiungere il cuore, il cervello o le ghiandole surrenali …

… A questo punto, non è chiaro se, o fino a che punto, l’esposizione umana alla RF cambierà con il 5G. Ciò che è noto, tuttavia, è che mentre continuano ad essere esposti alle frequenze attuali, anche i consumatori wireless saranno esposti alle frequenze più alte. “

In una recensione del 2018 , l’Autorità svedese per la sicurezza delle radiazioni è stata altrettanto avveduta.

Ha sostenuto che, sono necessarie ulteriori ricerche sui nuovi domini di frequenza utilizzati per il 5G.

Spesso i “critici” del 5G citano uno studio del 2011 dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) che in un primo momento ha classificato le radiazioni RF come “probabilmente cancerogene per l’uomo”.

In seguito in un rapporto del 2014, la stessa OMS ha dichiarato esplicitamente che “l’uso di telefoni cellulari non ha prodotto effetti negativi sulla salute”.

Le teorie della cospirazione

In una tematica come quella del 5G, abbondano anche le teorie della cospirazione, che vanno dalle teorie plausibili, fino ad arrivare alle cose più bizzarre.

Una teoria abbastanza diffusa, è quella di Mark Steele nel suo libro , 5G Apocalypse: The Extinction Event , dove dichiara che il lancio del 5G sarà usato come arma per ridurre la popolazione.

Alcuni sostengono che ci sono prove che Google sia coinvolto nei piani per costruire una rete 5G nazionalizzata nel tentativo di monitorare e controllare la popolazione.

Martin Pall, professore in pensione di biochimica e scienze mediche di base presso la Washington State University è uno dei critici più citati del 5G e sebbene non sia esattamente un teorico della cospirazione, le sue affermazioni sono estreme.

Sostiene che il 5G causerà problemi nella riproduzione umana, insonnia, affaticamento, depressione, ansia, grandi cambiamenti nella struttura del cervello in tutto il regno animale, danni al DNA cellulare, stress ossidativo, disturbi ormonali e cancro.

Un altro ricercatore olandese UFO John Kuhles, fondatore del gruppo Facebook Stop5G, ha diffuso l’idea che la misteriosa morte di 300 uccelli nei Paesi Bassi sia stata il risultato di test del 5G.

Quindi Il 5G è pericoloso?

Il grande volume di dati che riguardano le ricerche sul 5G al momento rende difficile distinguere le ricerche buone da quelle cattive, ancora troppi scienziati sono in contrasto, quindi come afferma ad esempio l’autorità svedese per la sicurezza delle radiazioni, queste ricerche richiedono ancora ulteriori studi.

Potrebbe interessarti anche:

La Svizzera vieta l’utilizzo delle nuove reti 5G, pericolo salute

web site: BorderlineZ

-

Quanto è stato utile questo post?

Fai clic su una stella per votarla!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 2

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Miglioriamo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

condividi questo articolo
Share

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

iscrizione newsletter borderlinez

Tieniti informato iscrivendoti alla nostra Newsletter

Ti informeremo solo per le news riguardanti i nostri articoli

BorderlineZ odia lo spam

ISCRIVITI ADESSO!!!

Share
Share