Robert the Doll, la leggendaria bambola malvagia in un museo della Florida

Robert the Doll, la leggendaria bambola malvagia in un museo della Florida

5
(1)
-

autore BorderlineZ, per ulteriori info vai alla pagina  CHI SIAMO


Robert Eugene Ottos o semplicemente Gene, come lo chiamava la sua famiglia, era solo un ragazzino dei primi del 1900, quando la cameriera della sua famiglia gli diede una strana bambola in paglia con cui giocare.

Robert the Doll

Robert the Doll

Gene adorava la sua bambola a grandezza naturale e la portava ovunque, anche chiamandola “Robert” come se stesso.

Non passò molto tempo, tuttavia, prima che le persone iniziassero a notare segni della natura malvagia e birichina di Robert the Doll.

Secondo le indiscrezioni, gli Ottos e i loro servitori sentivano spesso Gene nella sua camera da letto, conversando con se stesso con due voci completamente diverse.

Inoltre, gli Ottos si svegliavano nel mezzo della notte con le urla di Gene, solo per trovare il ragazzo spaventato nel letto, circondato da mobili rovesciati.

Gene solitamente incolpava Robert la bambola, per aver rovinato la camera da letto rovesciando i mobili.

Nel tempo cominciarono a uscir fuori anche altri strani eventi come ad esempio diversi giocattoli mutilati, e Gene continuò ogni volta a dire: “Robert l’ha fatto!”.

Sebbene gli Ottos non credessero abbastanza a Gene, è stato riferito che potevano sentire il suono inquietante di Robert che ridacchiava in casa, e i passanti affermavano addirittura di vedere una piccola bambola muoversi da una finestra all’altra.

Robert fu infine trasferito in soffitta, dove rimase per un certo numero di anni.

Gene ereditò la dimora della sua famiglia a Key West dopo che i suoi genitori morirono, e Robert la bambola tornò nella sua vecchia camera da letto al secondo piano.

Robert the Doll

primo piano del volto di Robert the Doll

Gene aveva lavorato come artista, si racconta che avrebbe trascorso le sue intere giornate da solo nella sua dimora, dipingendo con il suo vecchio amico Robert.

Alla fine Gene si sposò e sorsero molte storie sul disprezzo di sua moglie per la bambola Robert.

Sono emerse voci contrastanti, alcune sostenendo che la moglie di Gene fosse morta per “follia” dopo aver riportato Robert in soffitta, altri raccontano che Gene è morto con Robert al suo fianco.

Oggi, la residenza di Gene opera come un bed and breakfast chiamato Artist House, e i visitatori possono persino soggiornare nella vecchia camera da letto di Gene.


Robert the Doll invece si trova al Fort East Martello Museum di Key West, in Florida , dove alcuni credono che il suo colore di capelli e la sua anima stiano lentamente svanendo.

Si racconta che l’atto preferito di Robert prevede il lancio di maledizioni su coloro che scattano la sua foto senza prima chiedere il permesso.

Ad oggi, le pareti vicino alla sua teca di vetro sono coperte da numerose lettere di precedenti visitatori e oppositori, chiedendo perdono a Robert e chiedendogli di rimuovere qualsiasi maledizione che ha lanciato.

Potrebbe interessarti anche:

La bambola maledetta Mandy al Quesnel Museum

web site: BorderlineZ

Supporta BorderlineZ (donazione libera)

-

Quanto è stato utile questo post?

Fai clic su una stella per votarla!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Miglioriamo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

condividi questo articolo
Share
BorderlineZ

“Non paragonarmi al Diavolo , lui a differenza di me crede in Dio “ :)

Invia il messaggio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

iscrizione newsletter borderlinez

Tieniti informato iscrivendoti alla nostra Newsletter

Ti informeremo solo per le news riguardanti i nostri articoli

BorderlineZ odia lo spam

ISCRIVITI ADESSO!!!

Share
Share