UFO, il mistero della foresta di Rendlesham

4.8
(110)

Nel 1983, il ricercatore americano Robert Todd, documentò alcuni fatti parecchio insoliti, accaduti nella foresta di Rendlesham, Gran Bretagna.

Ben presto il caso della misteriosa foresta cominciò ad avere la stessa importanza di noti casi come ad esempio l’incidente di Roswell.

Rendlesham

Web Hosting

Considerando le innumerevoli pagine pubblicate da Robert Todd, le varie inchieste svolte e i documenti resi noti dallo stesso Governo Britannico, è possibile avere una visione più chiara degli avvenimenti che conducono ai misteri di Rendlesham, anche se ciò non basta a risolvere questo intrigato mistero.

Il mistero di Rendlesham

27 dicembre del 1980 – ore 3 AM

Due uomini del servizio di sicurezza della base di Woodbridge notarono strane luci fuori dal cancello, il primo sospetto fu quello di pensare a un probabile aereo precipitato o che avesse cercato di fare un atterraggio forzato di fortuna.

I due militari decisero di andare a controllare, ma giunti sul punto dell’avvistamento videro che non si trattava affatto di un normale aereo.

Ritornarono alla base e riferirono di aver visto uno strano oggetto metallico di forma triangolare, luminoso e che lievitava a circa 2 metri da terra.

Il giorno seguente

Il giorno dopo, proprio sul luogo dell’avvistamento, vennero scoperte 3 profonde depressioni nel terreno, di circa 7 pollici di diametro (1 pollice = 2,54 cm).

La zona venne setacciata al fine di rilevare eventuali radiazioni, ma gli unici picchi (dichiarati relativamente nella norma) vennero registrati proprio nelle tre depressioni e al centro del triangolo che essi formavano (vedi fig. seguente).

Rendlesham

Continuano gli avvistamenti a Rendlesham

Durante lo stesso giorno, una intensa luce pulsante di colore rosso fu vista muoversi attraverso gli alberi, questa poi si divise in 5 oggetti di luce bianca per poi sparire nel nulla.

Quasi nello stesso momento furono avvistati altri 3 oggetti volanti non identificati nel cielo, due a nord e uno a sud, si muovevano molto velocemente producendo luci verdi, rosse e blu.

I due oggetti a nord erano ellittici e rimasero visibili per circa un’ora, l’oggetto volante a sud invece fu osservato per molto più tempo circa tre ore.

Nota: Questa testimonianza è stata resa nota dal Tenente Colonnello Charles Halt, testimone diretto del fenomeno insieme ad altre numerose persone.

Colonnello Charles Halt

Le indagini

Le indagini cominciarono presto a riscaldarsi, inoltre cominciarono ad uscir fuori i primi interrogativi:

  • Perché all’inizio si affermò che i picchi radioattivi erano poco più della norma, mentre in seguito risultò che si trattava di valori almeno 10 volte superiori?
  • Per quale motivo gli animali di una vicina fattoria, durante l’avvistamento manifestarono segni di strana irrequietezza?
  • Come mai questo UFO fu  avvistato proprio vicino alla base militare di Woodbridge? Guarda caso deposito di armi.

Nota: Nell’Ufologia la casistica vuole che la maggior parte degli avvistamenti ufo solitamente viene fatta il prossimità di basi militari dove vengono anche custoditi armamenti nucleari.

Testimoni dell’evento

Uno dei due uomini della sicurezza James Penniston, in seguito interrogato sull’accaduto, disse che lo strano oggetto non assomigliava a nessun veivolo convenzionale da lui conosciuto, nel suo interrogatorio dice:

Quando si riferisce ad un oggetto triangolare intende dire che ha 3 facce o simile ad una corvetta?

No, era triangolare e dritto su ogni lato

Ripensi a quanto ha visto, riesce a descriverne l’esterno?

Era di forma triangolare, la parte superiore non era visibile perché nascosta da una forte luce bianca, una parte di questa luce si notava nel fondo dell’oggetto.

A sinistra c’era una luce bluastra, mentre dall’altro lato era rossa.

Le luci sembrava che fossero come integrate nella parte esterna della struttura.

In che senso?

Non saprei spiegarlo, la struttura era liscia, quasi come in dissolvenza.

Poi ho iniziato a scattare delle foto, ricordo che avevo un rullino da 36 in bianco e nero.

Dove avete portato quelle foto?

Al laboratorio fotografico della base.

Dove si trovano adesso?

US Air Force.

Quindi il rapporto steso a suo tempo e quello trascritto in seguito non sono completi?.

No, gli inglesi sapevano e sanno molto poco di quanto accadde, tutto il resto passò per i canali degli Stati Uniti e giunse al Pentagono.

E’ riuscito ad avvicinarsi all’oggetto?

Si, gli ho girato intorno e l’ho anche toccato. Era opaco, nero, sembrava di toccare del vetro anche se a distanza sembrava di consistenza metallica.

James Penniston

Cosa vide realmente James Penniston rimane ancora un mistero, bisogna anche considerare che era un militare esperto, quindi non poteva certo scambiare un semplice aereo in avaria con qualsiasi altra cosa.

Penniston, era un militare con un solida carriera nelle Forze Aeree degli Stati Uniti d’America, si arruolò a soli 18 anni nel 1973 e dopo la preparazione di base fu reclutato dal Comando Aereo Strategico (SAC) della Guardia Elite.

Nel 1980, fu assegnato all’Ala del Combattimento Tattico, e più precisamente alla Squadra della Polizia di Sicurezza nella Base Aerea Bentwaters.

Durante la sua carriera fu insignito di ben 27 onorificenze militari, oltre a ricevere personalmente l’encomio del Presidente.

Altre ipotesi sul caso di Rendlesham

Alcuni ricercatori ipotizzarono che l’oggetto avvistato poteva essere il leggendario TR3B, anche questo coperto dal segreto militare.

Il TR3B non esiste ufficialmente.

Si dice che sia un particolare veivolo che utilizza mercurio ad alta pressione, accelerato dall’energia nucleare per produrre un plasma che crea un campo di antigravità attorno alla nave.

I propulsori convenzionali situati sulle punte dell’imbarcazione gli consentono di eseguire qualsiasi tipo di manovra rapida ad alta velocità lungo tutti e tre gli assi.

È interessante notare che il plasma generato riduce anche significativamente la ricezione da parte del radar, rendendolo invisibile o quasi.

Ciò significa che il TR3B letteralmente può andare in qualsiasi paese che gli piace senza essere rilevato dal controllo del traffico aereo e dai sistemi di difesa aerea.

Ciò nonostante al momento, l’esistenza del TR3B da molti viene considerata come una semplice leggenda metropolitana.

rappresentazioni del presunto TR3B

Il messaggio alieno in codice binario

Penniston dopo tempo  decise di parlare di fronte a una platea di oltre 300 persone durante la conferenza “Tornando nel bosco di Rendlesham”, e rivelò alcune informazioni che non erano mai state divulgate prima.

Nel suo resoconto dichiarò anche di essersi avvicinato all’oggetto triangolare, a pochi passi da esso decise di toccarlo, sentì immediatamente una sensazione di grande calore e intravide una serie di simboli, che furono sovrascritti sul suo corpo, inoltre uno strano messaggio era stato proiettato nella sua mente., una strana sequenza di 1 e 0 che lui trascrisse su carta non appena tornò a casa.

Penniston non aveva mai rivelato questa informazione, come non cercò mai di decifrarlo da solo, non ne aveva la competenza, ma nell’ottobre del 2010 consegnò 6 pagine piene di numeri 1 e di 0 ad un programmatore di computer, con la speranza che potesse tradurli in un messaggio comprensibile.

La sequenza binaria

01000101 01011000 01010000 01001100 01001111 01010010 01000001 01010100 01001001 01001111 01001110 00100000 01011011 01101111 01100110 01011101 00100000 01001000 01010101 01001101 01000001 01001110 01001001 01010100 01011001 00001101 00001010 00110101 00110010 11001011 10011010 00100000 00110000 00111001 11100010 10000000 10011001 00100000 00110100 00110010 00101110 00110101 00110011 00110010 11100010 10000000 10011101 00100000 01001110 00001101 00001010 00110001 00110011 11001011 10011010 00100000 00110001 00110011 11100010 10000000 10011001 00100000 00110001 00110010 00101110 00110110 00111001 11100010 10000000 10011101 00100000 01010111 00001101 00001010 01000011 01001111 01001110 01010100 01001001 00100000 01011011 01001110 01010101 01001111 01010101 01010011 01011101 00001101 00001010 01000110 01001111 01010010 00100000 01010000 01001100 01000001 01001110 01000101 01010100 01000001 01010010 01011001 00100000 01000001 01000100 00100000 01011011 01010110 01000001 01001110 01000011 01000101 01011101

Il programmatore trascrisse tutto il codice binario sul suo computer e dopo aver effettuato le opportune operazioni per la conversione ottenne quanto segue:

“Esplorazione dell’Umanità

52° 09’ 42.532 N – 13° 13’ 12.69 W 

CONTI (NUA) PER PROGRESSO PLANETARIO”.

Se volete potete copiare e incollare la sequenza di 0 e 1 riportata sopra, collegarvi QUI e incollare il tutto, il traduttore binario online confermerà il significato della sequenza binaria.

Traduzione dell’ipotetico messagio alieno con un moderno software online

Nel messaggio si trovano anche alcune coordinate che corrispondono ad un’antica isola, oggi sommersa, l’isola HY Brazil.

Secondo alcune leggende celtiche era il fulcro di una civiltà super tecnologica, mille anni più progredita rispetto al suo tempo.

52° 09’ 42.532 N

13° 13’ 12.69 W 

Le coordinate 52° 09’ 42.532 N – 13° 13’ 12.69 W  tramite Google Earth

web site: BorderlineZ

-

Quanto è stato utile questo post?

Fai clic su una stella per votarla!

Voto medio 4.8 / 5. Conteggio voti: 110

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Miglioriamo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

condividi questo articolo
Share

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

iscrizione newsletter borderlinez

Tieniti informato iscrivendoti alla nostra Newsletter

Ti informeremo solo per le news riguardanti i nostri articoli

BorderlineZ odia lo spam

ISCRIVITI ADESSO!!!

Share
Share