I bambini indemoniati di Illfurth: un caso di presunta possessione diabolica

5
(1)

La storia dei bambini indemoniati di lIlfurth, a quanto pare tratta di un caso accertato di presunta possessione diabolica, con un’ampia testimonianza e documentazione anche clinica.

I bambini indemoniati di Illfurth

Sono venuto a conoscenza della vicenda dei bambini diabolici di Illfurth circa 5 anni fa, ogni tanto ho fatto qualche ricerca su Google per approfondire questa strana storia, ma non ho mai trovato nulla di veramente interessante.

Qualsiasi link del web riportava sempre le solite cose, trite e ritrite, ripetute all’infinito.

Poi l’illuminazione, ho deciso di dare un’occhiata  sul dark web che normalmente utilizzo per tutt’altro, ed è stato proprio li che ho trovato “materiale” adeguato in un particolare sito onion specializzato in paranormale.

In questo sito del web oscuro, l’autore dell’articolo che descrive la vicenda dei bambini posseduti di Illfurth, dichiara di aver utilizzato come fonte un estratto di un libro originariamente pubblicato in Francia nel 1959, molto più dettagliato di qualsiasi altra fonte esistente sul web.

Nota: non c’è stato nessun modo possibile di venire a conoscenza del titolo di questo libro. L’autore del link è totalmente anonimo, impossibile contattarlo tramite commenti, mail o altro.

Sul surf web (il web normale navigabile ad esempio con Google) invece, su questo link potete scaricare gratuitamente il libro in formato PDF di Roberto Brunelli – Gli indemoniati di Illfurth.

I bambini posseduti di Illfurth

Tutto ebbe inizio verso la fine del 1864 nel villaggio di Illfurth nella regione alsaziana della Francia nord-orientale al confine con la Germania.

Thiebaud Burner  di 9 anni e suo fratello Joseph  di 7, cominciarono a mostrare i primi strani ed inconsueti comportamenti, i medici locali, non riuscivano esattamente a capire a cosa fossero dovuti.

Nel settembre del 1865, le condizioni dei due ragazzi cominciarono ad  andare peggio del solito, fu così che la strana vicenda cominciò a diffondersi a livello locale.

Gli strani comportamenti dei due bambini

A volte, i loro addomi si gonfiavano fino a raggiungere dimensioni allarmanti, i due bambini sostenevano che c’era una specie di palla nel loro stomaco e che avevano un animale che correva all’impazzata dentro di loro.

Quando dormivano, si giravano ripetutamente dalla schiena allo stomaco, con una tale velocità e rigidità al punto che tali movimenti sembravano come fossero controllati da una forza sconosciuta, capace di farli roteare nel loro stesso letto.

Tutto questo diventò un calvario durato ben cinque anni.

I due ragazzi dopo qualche periodo iniziarono a dormire con le braccia e le gambe intrecciate l’una con l’altra come fossero di gomma.

Quando dormivano così, apparentemente nessuna forza applicata era abbastanza forte da separarli.

Si diceva anche che fossero in grado di arrampicarsi sugli alberi senza sforzo, come fossero scoiattoli, inoltre riuscivano ad appollaiarsi su rami che in teoria non avrebbero mai dovuto sostenere il loro peso.

Ancuni testimoni hanno affermato che i ragazzi potevano piegarsi all’indietro fino al punto da sembrare spezzati in due, abilità fisiche apparentemente impossibili, contorsioni che sfidano la spiegazione razionale.

La conoscenza di più lingue

I due ragazzi avevano l’innata capacità di rispondere alle domande poste in più lingue, francese, tedesco, latino, inglese e, secondo alcune fonti anche in spagnolo.

Gli scettici hanno sottolineato che sia il francese che il tedesco erano e sono ancora lingue comunemente parlate nella regione nativa dei due ragazzi, visto che l’Alsazia è rimbalzata avanti e indietro tra il controllo francese e tedesco molte volte nel corso dei secoli.

Resta il fatto che i due ragazzi, oltre il francese e il tedesco, conoscevano altre 3 lingue compreso il latino.

Ma sempre gli scettici spiegano che la famiglia Burner era cattolica, quindi il latino potenzialmente era una lingua con cui i ragazzi potevano avere una certa familiarità.

L’inglese e lo spagnolo infine erano pur sempre lingue europee che i ragazzi potevano interpretare.

Ma in realtà restava il fatto che in un modo o in un’altro i due ragazzi conoscevano ben 5 lingue, di cui una antica come il latino, la cosa era parecchio strana, considerando che più del 90% delle persone che lo studiano al liceo, lo dimenticano completamente dopo qualche anno.

Ma qui arriva il bello, i due ragazzini erano in grado di capire e parlare anche il mandarino e l’aramaico, qui nessuno riuscì a dare una spiegazione plausibile.

Altri eventi inspiegabili

Si dice che molto spesso i due ragazzi sono stati visti levitare in aria, inoltre secondo molti testimoni nella casa si avvertiva la tipica attività di tipo poltergeist con mobili che si muovevano, oggetti che volavano attraverso la stanza e finestre che si aprivano da sole.

A quanto pare i ragazzi erano anche in grado di raccontare eventi che non avevano mai avuto modo di conoscere.

Uno di questi fu quando Thiebaud informò i presenti che qualcuno nel villaggio era appena morto, infatti quel giorno guarda caso era morta una donna anziana e un’ operaio edile caduto da un edificio su cui stava lavorando.

In entrambi i casi, il ragazzo ha deriso le loro morti cadendo in ginocchio e fingendo di suonare la campana del lutto per segnare la loro scomparsa.

Una delle cose più strane era quando qualcuno, di nascosto, spruzzava l’acqua santa nel cibo dei ragazzi, questi sembrava che lo percepissero e si rifiutavano di mangiarlo.

Reagivano con ostilità nei confronti dei simboli religiosi e dei membri del clero, ma secondo gli scettici questo è plausibile, infatti è un comportamento tipico di chi crede di essere posseduto.

I bambini indemoniati di Illfurth

L’esorcismo

1° Esorcismo a Thiebaud

Ci sono voluti cinque anni affinchè il vescovo della diocesi approvasse i loro esorcismi.

Fu solo nell’ottobre del 1869 che fu intrapreso il primo dei due rituali separati per liberarli dalla loro diabolica influenza, nonostante per la scienza medica si trattasse di malattia mentale.

Il primo esorcismo iniziò il 3 ottobre, Thiebaud fu portato nella cappella da tre uomini e legato a una sedia in quanto si dimenava e si contorceva con forza.

Durante le litanie e le preghiere dell’esorcismo, Thiebaud iniziò a gridare e lanciare insulti al sacerdote.

Nel momento in cui al demone possedente fu ordinato di dare il suo nome, esso si rifiutò.

L’esorcismo continuò per diverse ore, ma raggiungendo una situazione di stallo, si decise di riportare il ragazzo nella sua stanza, a quel punto si calmò e divenne di nuovo amabile.

Il pomeriggio seguente, fu ripreso l’esorcismo,  Thiebaud fu legato alla sedia e indossava una camicia di forza, prima ancora che il rito iniziasse la sedia si sollevò da terra nonostante tre uomini cercassero di tenerla ferma, dopo un pò il rituale iniziò.

Quando al demone fu nuovamente ordinato di dare il suo nome, rispose che erano in due e che i loro nomi erano Oripas e Ypes.

Durante il rituale volarono molti insulti al prete che invocò il nome di Maria, a quel punto i demoni furono sconfitti e cacciati.

Secondo le testimonianze Thiebaud perse conoscenza per un’ora e quando si svegliò non mostrò avversione per la croce e all’acqua santa, inoltre non aveva memoria di ciò che era accaduto o di come fosse arrivato a trovarsi in quel posto.

2° Esorcismo a Joseph

L’esorcismo di Joseph iniziò più tardi sempre dello stesso mese (il 27 ottobre).

Uno dei demoni di Joseph si vantò che i demoni di Thiebaud erano deboli e stavolta con lui la cosa non sarebbe stata così facile, ma a quanto pare fu semplice spavalderia, infatti il secondo demone fu scacciato in poche ore.

Questa volta il rituale fu celebrato dal loro parroco locale, padre Brey.

La cerimonia si svolse nella cappella all’interno del cimitero di Burnkirch, appena fuori Illfurth, un luogo appropriato per un esorcismo.

Come suo fratello, Joseph urlò, si lamentò e si dimenò mentre veniva portato nella cappella.

A differenza di suo fratello, che indossava una camicia di forza, legato a una sedia e trattenuto da tre uomini, Joseph fu trattenuto da un solo uomo.

Joseph rimase calmo durante le formalità iniziali del rituale, diventò ostile e combattivo solo quando padre Brey lo affrontò direttamente.

Alla domanda su quanti demoni fossero presenti e quali fossero i loro nomi, Joseph rispose che non era necessario che lui lo sapesse.

Quando padre Brey alzò il “tono” leggendo il Vangelo di San Giovanni, Joseph cominciò a lanciargli insulti.

Ciò continuò per circa tre ore, durante le quali uno dei demoni si identificò con il nome di Zolalethiel.

A questo punto, padre Brey decise di invocare il nome di Maria,  i demoni annunciarono che stavano lasciando il corpo del ragazzo per passare ad  un branco di maiali.

Padre Brey però ordinò loro di tornare direttamente all’inferno, i demoni risposero che non conoscevano la strada e che la loro controfferta era quella di andare in uno stormo di oche.

Padre Brey respinse questa proposta e gli ordinò nuovamente di ritornare all’inferno.

Ancora una volta i demoni annunciarono che avrebbero infestato un gregge di pecore, ma padre Brey non era in vena di contrattare, ordinado ancora una volta di ritornare all’inferno.

I demoni costretti dal rito risposero che sarebbero andati via, Joseph si scosse un po ‘, emise un respiro profondo e rimase incosciente per alcuni istanti, quindi aprì gli occhi e si stirò come se si fosse svegliato da un lungo pisolino.

Dopo l’esorcismo

Thiebaud morì due anni dopo all’età di 16 anni, mentre Joseph morì nel 1882 all’età di 25 anni, probabilmente quell’evento fu la causa della morte prematura.

Quanto è vera questa storia? Fu un reale caso di possessione o si trattava di semplice malattia mentale?

Sicuramente il fatto di credere oppure no dipende molto da ognuno di noi, resta il fatto che qualcosa di straordinario in quel periodo a Illfurth successe per davvero.

Esiste ancora oggi una statua della Vergine Maria dedicata a questi eventi nella piazza della città di Illfurth, che è stata commissionata direttamente da padre Brey, che include una targa inscritta, in latino, con su scritto:

“In ricordo perpetuo della liberazione dei due posseduti Thibaut e Joseph Burner ottenuti per intercessione della Beata Vergine Maria Immacolata, nell’anno del Signore 1869. ”

web site: BorderlineZ

Quanto è stato utile questo post?

Fai clic su una stella per votarla!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Miglioriamo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

condividi questo articolo
Share
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

iscrizione newsletter borderlinez

Tieniti informato iscrivendoti alla nostra Newsletter

Ti informeremo solo per le news riguardanti i nostri articoli

BorderlineZ odia lo spam

ISCRIVITI ADESSO!!!

Share
Share
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x