Oumuamua

Oumuamua, il misterioso oggetto interstellare fa parlare ancora di se

4.9
(17)

Il dibattito sulle origini e sulla struttura molecolare di ‘Oumuamua continua con il nuovo annuncio su The Astrophysical Journal Letters, nonostante le precedenti affermazioni si è dichiarato che, l’oggetto interstellare non è costituito di ghiaccio molecolare di idrogeno.

Oumuamua

Oumuamua

In uno studio precedente, pubblicato da Seligman & Laughlin nel 2020, si dichiarava  che ‘Oumuamua fosse un grosso iceberg formato da idrogeno, ma gli scienziati del Center for Astrophysics | Harvard & Smithsonian (CfA) e il Korea Astronomy and Space Science Institute (KASI) si sono chiesti se un oggetto a base di idrogeno potesse effettivamente aver compiuto un viaggio dallo spazio interstellare fino al nostro sistema solare.

La teoria di Seligman e Laughlin sembrava promettente, in quanto poteva spiegare l’estrema forma allungata di ‘Oumuamua così come le anomalie sull’accelerazione non gravitazionale.

Tuttavia, la loro teoria si basa sul presupposto che il ghiaccio H2 possa formarsi in dense nubi molecolari.

Se questo è vero, gli oggetti di ghiaccio H2 potrebbero essere abbondanti nell’universo, e quindi avrebbero implicazioni di vasta portata.

Il ghiaccio H2 è stato anche proposto per spiegare la materia oscura, un mistero dell’astrofisica moderna.

Il dottor Avi Loeb, Frank B. Baird professore di scienze ad Harvard e coautore dell’articolo, ha dichiarato:

“Eravamo sospettosi che gli iceberg dell’idrogeno non potessero sopravvivere al viaggio, che probabilmente durerà centinaia di milioni di anni, perché evaporano troppo velocemente e se potrebbero formarsi in nubi molecolari “.

Il misterioso oggetto interstellare

Viaggiando a una velocità vertiginosa di circa 196.000 miglia orarie nel 2017, ‘Oumuamua è stato classificato per la prima volta come un asteroide e, quando in seguito ha accelerato, si è scoperto che aveva proprietà più simili alle comete.

Ma neppure l’oggetto interstellare con un raggio di 0,2 km rientrava in quella categoria e il suo punto di origine è rimasto un mistero.

I ricercatori si sono concentrati sulla nube molecolare gigante (GMC) W51, una delle GMC più vicine alla Terra a soli 17.000 anni luce di distanza, come potenziale punto di origine di ‘Oumuamua, ma si è ipotizzano che se fatto di idrogeno non avrebbe potuto percorrere tale distanza rimanendo intatto.

‘Oumuamua ha acquisito notorietà per la prima volta nel 2017, quando è stato scoperto dagli osservatori dell’Osservatorio Haleakalā, e da allora è stato oggetto di studi in corso.

Come dichiarato da molti ricercatori questo misterioso oggetto è difficile da capire perché mostra proprietà peculiari che non si sono mai viste sia nelle comete che negli asteroidi nel nostro sistema solare.

Nonostante la natura dell’oggetto interstellare sia attualmente un mistero irrisolto, Loeb suggerisce che non lo rimarrà per molto tempo, soprattutto se non è solo.

Se ‘Oumuamua è un membro di una popolazione di oggetti simili su traiettorie casuali, allora l’Osservatorio Vera C. Rubin (VRO), dovrebbe rilevare circa un oggetto simile a Oumuamua al mese .

web site: BorderlineZ

-

Quanto è stato utile questo post?

Fai clic su una stella per votarla!

Voto medio 4.9 / 5. Conteggio voti: 17

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Miglioriamo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

condividi questo articolo
Share
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

iscrizione newsletter borderlinez

Tieniti informato iscrivendoti alla nostra Newsletter

Ti informeremo solo per le news riguardanti i nostri articoli

BorderlineZ odia lo spam

ISCRIVITI ADESSO!!!

Share
Share
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x