La leggenda dell’uomo uncino – The Hook man

4.4
(55)

The Hook (o The Hook Man) è una spaventosa leggenda metropolitana su un ragazzo e una ragazza che parcheggiano in una notte buia in una zona isolata di Lovers ‘Lane.

the hook man

img. dal web

Era una tipica notte d’estate, quando un adolescente esce da casa per andare a prendere la sua nuova ragazza. Si diressero verso la periferia della città dove parcheggiarono l’auto in un luogo appartato noto come Lovers ‘Lane.

Mentre ammiravano in lontananza le luci della città, il ragazzo mise un braccio intorno alla ragazza e accese la radio dell’auto in modo che potessero ascoltare della musica romantica.

I due ragazzi iniziarono a baciarsi e coccolarsi, quando di colpo la musica si interruppe improvvisamente per dare voce al notiziario.

L’annuncio era di estrema emergenza, infatti un assassino impazzito era scappato dal manicomio statale.

La polizia avvertiva i cittadini di stare molto in guardia, poiché il paziente era considerato armato e molto pericoloso.

Il folle assassino era soprannominato “The Hook Man” (l’uomo uncino) perché, dopo aver perso la mano destra in un incidente, gli fu sostituita con un gancio d’acciaio.

Terminata la notizia, la ragazza, spaventata, chiese di essere riportata a casa, sapeva che il manicomio statale dove era scappato il folle non era lontano da Lovers ‘Lane.

Il ragazzo, più coraggioso, cercò di rassicurarla dicendogli che erano perfettamente al sicuro, dopo di ciò chiuse a chiave tutte le portiere dell’auto.

Il ragazzo poi, cercò di baciare nuovamente la ragazza, ma questa nervosamente lo respinse insistendo di andarsene via da quel posto isolato.

Il ragazzo velocemente, mise in moto l’auto e andò via dal parcheggio.

Appena arrivati a casa della ragazza, il giovane scese dall’auto per andare ad aprire la portiera della fidanzata, quando di colpo si fermo pietrificato a fissare la porta.

All’inizio la ragazza non riusciva a capire cosa c’era che non andava, poi si rese conto che la sua porta era ancora chiusa a chiave. Sorrise e lo aprì.

Tuttavia, il ragazzo rimase fermo ugualmente a fissare la maniglia della portiera.

La ragazza era perplessa e abbassò il finestrino, abbassò lo sguardo e iniziò a urlare in modo incontrollabile.

Là, appeso alla maniglia della porta, c’era un gancio di acciaio inossidabile insanguinato.

Urban leggend dal web

web site: BorderlineZ

Quanto è stato utile questo post?

Fai clic su una stella per votarla!

Voto medio 4.4 / 5. Conteggio voti: 55

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Miglioriamo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

condividi questo articolo
Share
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

iscrizione newsletter borderlinez

Tieniti informato iscrivendoti alla nostra Newsletter

Ti informeremo solo per le news riguardanti i nostri articoli

BorderlineZ odia lo spam

ISCRIVITI ADESSO!!!

Share
Share
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x