La lumaca “aliena” dallo scheletro di ferro

La particolare lumaca di ferro (Crysomallon squamiferum) originaria delle acque dell’Oceano Indiano, ha una caratteristista che la rende totalmente differente dai suoi simili, infatti questa creatura indossa una solidissima  corazza di solfuro di ferro che mantiene alla larga i suoi predatori. 

Crysomallon squamiferum

Crysomallon squamiferum – img. dal web

Crysomallon squamiferum

Il particolare gasteropode è nativo delle acque dell’Oceano Indiano e vive in un ambiente molto singolare, infatti sta in prossimità delle acque idrotermali, dove la stessa acqua del mare viene riscaldata continuamente dal magma.

A differenza di tutte le altre lumache, questa ha un guscio molto particolare, infatti è ricoperto da uno strato di solfuro di ferro.

Nota: Il solfuro ferroso è il sale di ferro (II) dell’acido solfidrico. A temperatura ambiente si presenta come un solido grigio-nero, quasi inodore.

La parte inferiore invece è ricoperta totalmente da numerosi appendici o anse simili a piccoli piedi.

Tutto ciò rispecchia una complessa strategia d’adattamento che rende la lumaca particolarmente resistente, soprattutto dagli attacchi esterni.

Il guscio totalmente corazzato e le appendici lungo il corpo infatti riescono ad assorbire molto bene i colpi causati dai predatori come ad esempio i granchi.

Nota: I solfuri rilasciati dalle anse sono tossici

Da dove deriva l’armtura di ferro?

Come spiega Shana Goffredi del Occidental College potrebbero esserci diverse spiegazioni.

La prima spiegazione riguarda particolari  batteri che favoriscono questa unica struttura, in teoria i solfuri rilasciati dalle anse vengono mineralizzati proprio dall’azione di questi batteri.

Nella seconda spiegazione, invece, si ipotizza che siano gli stessi  gasteropodi a produrre tali sostanze ferrose.

Crysomallon squamiferum

Crysomallon squamiferum

Pare anche che la lumaca stessa sopravviva proprio grazie a questi batteri incorporati nella sua struttura, infatti grazie ad un processo di chemiosintesi, tali microorganismi trasformano le sostanze disciolte in acqua in una sorta di zucchero, che la lumaca sfrutta per rimanere in vita, nonostante sia dotata anche di un apparato gastrico (primitivo).

La chemiosintesi batterica è un processo che, a differenza della fotosintesi clorofilliana che utilizza l’energia solare, sfrutta l’energia liberata da alcune reazioni inorganiche per produrre sostanze organiche: trasforma, quindi, alcune sostanze inorganiche a più bassa energia (entalpia) in alcune con più alta energia. Questo processo emette energia che la cellula usa per trasformare delle sostanze inorganiche a bassa energia – ad esempio acqua (H2O) e anidride carbonica (CO2) – in sostanze organiche a più alta energia come ad esempio il glucosio (C6H12O6). 

fonte chemiosintesi: Wikipedia

web site: BorderlineZ

0 0 voti
Vota l'articolo

E’ la prima volta che sei su BorderlineZ ?

Se ti è piaciuto l’articolo mi raccomando, torna a trovarci e iscriviti alla notra newsletter gratuita per rimanere informato. Commenta anche l’articolo se lo ritieni utile. Ufologia, Paranormale, Mistero, Complotto, Cronaca tradizionale etc.

Dai un’occhiata ai nostri ultimi video su YOUTUBE

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

iscrizione newsletter borderlinez

Tieniti informato iscrivendoti alla nostra Newsletter

Ti informeremo solo per le news riguardanti i nostri articoli

BorderlineZ odia lo spam

ISCRIVITI ADESSO!!!

0
Commenta l'articolox
()
x