Possessioni demoniache, i quattro casi più agghiaccianti

I demoni almeno considerando le culture popolari sono sempre esistiti, nessuno con estrema certezza può dimostrare se si tratta di verità o di semplici credenze, possiamo limitarci solo a credere oppure no.

A parte questo, le possessioni demoniache e i relativi casi di esorcismi sono sempre stati all’ordine del giorno, in questo articolo vi parleremo di quattro presunti casi di possessione demoniaca che hanno fatto la storia. 

Possessioni demoniache

1.Il caso di Clara Germana Cele

possessioni demoniache

Possessioni demoniache – Foto di Cla Germana Cele durante un esorcismo

Prima metà del 900Clara Germana Cele era una studentessa cristiana di 16 anni presso la Missione di San Michele a Natal, nel Sud Africa.

Clara, come tutte le sere, si chiuse nella sua stanza, ma a differenza di tutte le altre volte, dopo qualche ora, cominciò a parlare ad alta voce, apparentemente mentre era da sola.

La madre stranizzata, si avvicino alla porta, e si rese conto che la figlia stava pregando, ma in maniera molto strana, infatti dalla sua voce uscivano parole totalmente senza senso.

Il giorno dopo, la giovane, cominciò a comportarsi in maniera strana senza alcun apparente motivo.

L’avversione di Clara agli oggetti sacri

Con il passare dei giorni la giovane iniziò a manifestare segnali inequivocabili di presunta possessione demoniaca, come la tipica avversione agli oggetti sacri.

Inoltre iniziò a sviluppare anche una notevole avversione al contatto con altre persone, diventando particolarmente aggressiva e violenta.

Nota: Uno tra i segni più significativi che riguardarono questo particolare caso, era dato dal fatto che Clara era in grado di parlare e comprendere correttamente altre lingue, che fino a poco tempo prima lei sconosceva totalmente. 

La possessione

Viste le condizioni sospette della giovane, vennero chiamati due preti per praticare un esorcismo, Clara alla vista dei preti cercò di strangolarne uno.

Il prete descrisse la sua forza come sovrumana, quel giorno molte decine di persone assistettero alla sua levitazione (oltre tre metri da terra) mentre il sacerdote leggeva le Sacre Scritture.

La ragazza secondo le testimonianze, riuscì ad essere liberata dal maligno dopo due lunghi giorni di preghiera e rituali ufficiali, che le permisero finalmente di continuare a  vivere la sua vita in maniera serena e felice.

2. La casa dei demoni

possessioni demoniache

Possessioni demoniache – La casa degli Ammons

Questa è l’incredibile storia di una famiglia alle prese con fenomeni di possessione, tutto ebbe inizio nel 2011 quando una famiglia composta da nonna, madre e tre bambini si trasferiscono a Gary nell’Indiana.

Il tutto è stato corroborato dalla testimonianza della polizia e di altri funzionari della sanità, ne ha scritto e parlato anche l’Indianapolis Star che si è occupato del tema raccogliendo documenti e facendo molte interviste con funzionari di polizia, con il Department of Children Services ( un ente pubblico che si occupa di bambini), psicologi, membri della famiglia e un sacerdote cattolico.

Primi segni del maligno

Il primo segno del maligno si manifestò con le mosche, grandi mosche nere che infestavano continuamente a sciami la casa, fra l’altro a dicembre, un periodo di freddo non favorevole per gli stessi insetti.

Durante la notte (dopo mezzanotte) spesso si sentivano passi pesanti e lo scricchiolio della porta fra pianoterreno e cucina.

Una notte, Rosa Campbell, la madre di Latoya Ammons, si svegliò e vide una figura maschile camminare nel soggiorno, subito si affrettò per andare a vedere chi c’era, ma non trovò nessuno tranne che grandi impronte umide di scarpe.

Il 10 marzo 2012, gli eventi cominciarono a prendere una brutta piega, erano le due di notte, Campbell e Ammons stavano in casa con un gruppo di amici, quando Ammons entrò nella camera da letto di sua madre, e cominciò a urlare, la figlia di dodici anni stava levitando, inconscia, sopra il letto.

I presenti cominciarono a pregare intorno a lei, e dopo un pò di tempo la ragazzina scese, quando si svegliò, non ricordava nulla.

Campbell e Ammons chiesero aiuto alle chiese del posto, ma la maggior parte si rifiutarono di ascoltarle, quindi alla fine si rivolsero a due chiaroveggenti, questi scoprirono che la loro casa era assediata da più di duecento demoni.

Secondo Ammons i tre figli, allora di 7, 9 e 12 anni avevano sorrisi maligni e le loro voci diventavano profonde, anche Ammons sentiva la testa leggera e calda, quando era posseduta, il suo corpo si scuoteva e non riusciva a controllarlo.

Nota: La famiglia si rivolse anche al medico di casa, il dott. Geoffrey Onyeukwu, il 19 aprile 2012 esso dichiarò allo Star:

“In vent’anni non mi è mai accaduto niente di simile. Quando sono entrato in casa ho avuto paura”.

I bambini maledirono il medico con voci innaturali, un rapporto medico che riguarda il più piccolo dei bambini dice:

“fu sollevato e buttato contro il muro senza che nessuno lo toccasse”.

L’interesse del DCS

Ben presto il caso fu di interesse del DCS, Valerie Washington era la funzionaria che si occupò del caso, e visitò la famiglia in ospedale, mentre parlava con la madre, il piccolo cominciò a ringhiare, mostrando i denti, e le pupille scomparvero, gli occhi mostravano solo il bianco.

Poi serrò le mani intorno al collo del fratello maggiore e si rifiutò di lasciare la presa finché gli adulti non gli staccarono le mani dal collo. Più tardi la Washington e un infermiera, Willie Lee Walker, portarono i due bambini in una stanzetta per parlare con loro. Il piccolo cominciò di nuovo a ringhiare verso il fratello, e disse in una voce profonda, innaturale:

“E’ tempo di morire, ti ucciderò”. 

Washington nel suo rapporto al DCS, conferma che il bambino di 9 anni, con uno strano sorriso sul volto cominciò a camminare all’indietro su un muro fino al soffitto e poi saltò sopra sua nonna, atterrando sui piedi, alla polizia fu detto che il bambino è scivolato sul pavimento, sul muro e sul soffitto.

Il DCS decise che i bambini fossero separati dalla madre in via precauzionale.

L’esorcismo

Il 20 aprile 2012 a don Michael Maginot, della parrocchia di St. Stephen fu chiesto di praticare un esorcismo sul figlio di 9 anni, questo si offrì di incontrarsi con la famiglia qualche giorno più tardi.

Durante l’incontro accaddero cose strane, una luce nel bagno si accendeva e si spegneva senza motivo, un tenda si muoveva senza vento e sul pavimento della stanza apparivano quelle strane impronte umide.

Maginot rimase in quella casa per ben quattro ore, e ne uscì convinto che la famiglia fosse tormentata dai demoni, consigliò alle due donne di andare altrove.

Maginot scrisse al vescovo, mons. Dale Melczek per avere il permesso di celebrare un esorcismo, inizialmente la richiesta non fu accolta, allora Maginot celebrò un esorcismo minore (che non necessita di autorizzazione), quel giorno erano presenti anche due agenti, e l’assistente sociale.

Infine Maginot ebbe il permesso dal vescovo e eseguì l’esorcismo maggiore, due volte in inglese e una volta in latino, dopo il terzo esorcismo i problemi svanirono, la famiglia si trasferì a Indianapolis, e visse tranquillamente.

3.L’esorcismo di Emily Rose

possessioni demoniache

Possessioni demoniache – Anneliese Michel

Il celebre film di Scott Derrickson è ispirato ad un controverso episodio di cronaca. Anneliese Michel, una ragazzina di 16 anni dopo una lunga degenza in un ospedale psichiatrico, cominciò a manifestare comportamenti da possessione demoniaca, tanto che i genitori decisero di sottoporla a un esorcismo.

La vicenda

La storia di Annielise si svolse ai tempi di Paolo VI e a quel tempo scosse l’intera Germania. Anneliese Michel, presunta indemoniata, figlia di un falegname bavarese morì nel 1976 a soli ventiquattro anni.

Gli esorcisti che seguirono il suo caso, furono tutti condannati in tribunale, in quanto per lungo tempo praticarono alla ragazza quello che fu definito ciarlataneria medievale.

Resta il fatto che la ragazza secondo le dichiarazioni riusciva a parlare con voci maschili e diversificate,  faceva a pezzi qualsiasi oggetto sacro, manifestava una forza sovrumana e parlava in aramaico, latino e greco antico.

possessioni demoniache

Finte possessioni demoniache, accuse alla Chiesa

Anneliese morì il giorno esatto che aveva predetto, ci sono molte registrazioni audio che riguardano il suo caso. Il tribunale sentì solo il parere dei medici e degli psichiatri che giudicarono la ragazza semplicemente epilettica.

Il vescovo locale, prima di autorizzare l’esorcismo si assicurò che non si trattasse di malattia mentale,  l’esorcismo non si sostituì alle cure, bensì le affiancò, tutto però fu vano Anneliese morì ugualmente.

Il caso, scatenò le solite accuse alla Chiesa, tanto che teologi e vescovi tedeschi, intimiditi, chiesero al Papa di abolire la pratica dell’esorcismo, il Vaticano si limitò a farsi consegnare l’intero dossier, e tutto finì nel silenzio.

4.L’esorcismo di Roland Doe

Possessioni demoniache – presunta foto di Roland Doe

Era la fine degli anni ’40, quando un ragazzo di 14 anni, sconvolto per la morte di una zia, tentò di contattare il suo spirito attraverso una tavola Ouija, questo fu l’inizio di una serie di esorcismi intensi e molto violenti.

Roland Doe nacque nel 1935, e aveva circa 14 anni al momento della sua presunta possessione diabolica.
Secondo i resoconti, Roland (grazie a sua zia Harriet), sapeva usare una tavola Ouija che usò per contattare lo spirito della zia defunta.

Possessioni demoniache – Tavola Ouija

All’interno della casa di Roland, gli oggetti domestici levitavano o venivano scagliati per tutta la stanza, i mobili rovesciati e le immagini religiose vibravano sulle pareti, a quanto pare gli strani eventi si verificarono anche a scuola, dove il ragazzo dalla sua scrivania avrebbe scivolato attraverso il pavimento di fronte a molti testimoni.

Il primo esorcismo

Edward Hughes, fu il prete cattolico, che condusse il primo esorcismo al Georgetown University Hospital, quel giorno il ragazzo riuscì a liberarsi dalle sue catene e dopo aver  strappato una molletta dal materasso, ferì il braccio del prete.

Come molti altri casi di possessione demoniaca Roland parlava con una voce diversa dalla sua, mostrava una forte avversione per gli oggetti sacri e aveva un’incredibile forza.

Nota:Alcune fonti affermano che almeno uno degli esorcismi praticati al ragazzo sono stati osservati da ben 48 persone, nove delle quali gesuiti.

Per molti il tutto è stato un imbroglio, per via di varie incoerenze logiche e storiche nella versione “ufficiale” degli eventi.

web site: BorderlineZ

0 0 voti
Vota l'articolo

E’ la prima volta che sei su BorderlineZ ?

Se ti è piaciuto l’articolo mi raccomando, torna a trovarci e iscriviti alla notra newsletter gratuita per rimanere informato. Commenta anche l’articolo se lo ritieni utile. Ufologia, Paranormale, Mistero, Complotto, Cronaca tradizionale etc.

Dai un’occhiata ai nostri ultimi video su YOUTUBE

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

iscrizione newsletter borderlinez

Tieniti informato iscrivendoti alla nostra Newsletter

Ti informeremo solo per le news riguardanti i nostri articoli

BorderlineZ odia lo spam

ISCRIVITI ADESSO!!!

0
Commenta l'articolox
()
x