Preoccupa una possibile nuova variante indiana di Sars-Cov-2

L’arrivo di una nuova, preoccupante, ondata epidemica in India fa sospettare gli esperti che potrebbe trattarsi di una nuova variante più contagiosa, capace di evadere gli anticorpi preesistenti.

variante indiana

foto credit: SAJJAD HUSSAIN/AFP via Getty Images)

In India dopo mesi di tregua, i casi giornalieri di COVID sono tornati a crescere in maniera vertiginosa, basti pensare che si è già arrivati alla cifra record di 353mila nuovi contagi registrati il 25 aprile.

Molti esperti stanno cercando di capire cosa ha scatenato questa folle corsa improvvisa del virus in India. Si sospetta il diffondersi di una nuova variante virale di Sars-Cov-2, identificata con la sigla B.1.617, che potrebbe rivelarsi più infettiva e resistente alle vaccinazioni (al momento si tratta solo di ipotesi).

La potenziale variante indiana, come già detto conosciuta con la sigla B.1.617, è stata identificata nella seconda metà del 2020 e divenuta dominante in zone come lo Maharashtra, dove i nuovi casi di Covid-19 crescono a ritmo estremamente elevato, con 67mila nuovi contagi registrati lo scorso 24 aprile, per una popolazione di circa 114 milioni di abitanti.

Al momento, la variante non è ancora stata inserita tra quelle riconosciute come variant of concern, o varianti pericolose, da nessuna istituzione sanitaria, inoltre non è stato riconosciuto il suo contributo all’accelerazione dell’epidemia che si sta scatenando in india, tutto ciò per l’assenza di dati affidabili sulla sua effettiva prevalenza.

Caratteristiche della “variante indiana”

Presenta due tipi di mutazione identificate come L452R e E484Q:

  • La prima interessa la proteina spike e potrebbe effettivamente rendere più infettivo lo stesso virus
  • La seconda riguarda sempre la proteina spike e si ritiene potenzialmente in grado di rendere il virus meno suscettibile agli anticorpi sviluppati in seguito a una precedente infezione. Particolare che potrebbe spiegare il ritorno improvviso dell’epidemia in india.

Come dichiarato dagli esperti per confermare o smentire tali ipotesi ci vorrà ancora del tempo.

Altre varianti conosciute e confermate

Variante inglese B.1.1.7

Arrivata sul continente attraverso la Svizzera, è la più diffusa in Italia colpendo quasi tutte le regioni, ma si propaga molto velocemente:

  • in Campania salendo con un’incidenza del 13% nel giro di un paio di settimane
  • in Lombardia, dove rappresenta il 30% dei tamponi positivi e presto potrebbe salire al 60-80%
  • infine c’è l’Umbria, dove ormai quasi per due terzi è zona rossa.

Variante brasiliana P1

Dai primi studi, sembrerebbe più resistente alle terapie e ai vaccini fin qui sviluppati. In Italia si è diffuusa al centro, in particolare in Umbria e Abruzzo.

Variante sudafricana B.1.351

E’ studiata e controllata con molta attenzione dagli esperti, infatti a quanto pare sembrerebbe la versione più aggressiva del Covid. Sette sono i casi segnalati in Italia, sei in Alto Adige e uno in Liguria.

Variante ‘napoletana’ B.1.525

Questo tipo di variante è stata individuata nell’ambito di una ricerca dell’Istituto Pascale e dell’Università Federico II di Napoli, è ancora sembra semi-sconosciuta. Ne sono stati individuati una trentina di casi in Gran Bretagna e pochi altri casi sparsi in Nigeria, Danimarca e Stati Uniti.

Variante scozzese N439K

Pochi i dati a disposizione della comunità scientifca che riguardano questo tipo di variante, sembrerebbe che la mutazione derivi da quella inglese, quindi nello specifico stiamo parlando della variante di una variante.

web site: BorderlineZ

5 1 voto
Vota l'articolo

E’ la prima volta che sei su BorderlineZ ?

Se ti è piaciuto l’articolo mi raccomando, torna a trovarci e iscriviti alla notra newsletter gratuita per rimanere informato. Commenta anche l’articolo se lo ritieni utile. Ufologia, Paranormale, Mistero, Complotto, Cronaca tradizionale etc.

Dai un’occhiata ai nostri ultimi video su YOUTUBE

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

iscrizione newsletter borderlinez

Tieniti informato iscrivendoti alla nostra Newsletter

Ti informeremo solo per le news riguardanti i nostri articoli

BorderlineZ odia lo spam

ISCRIVITI ADESSO!!!

0
Commenta l'articolox
()
x