Operazione Interloper, l’indagine UFO che nessuno conosce

Tutti coloro che hanno interessi sulle tematiche UFO, normalmente hanno una certa familiarità con le indagini ufficiali riportate ad esempio con il Project Blue Book, il Robertson Panel e il Condon Committee. Ma probabilmente molti non hanno mai sentito parlare di studi come Operation Interloper. 

IMPORTANTE: Tutto il materiale di questo articolo è vincolato dai diritti d’autore appartenenti ad Antony Bragalia, la riproduzione di questo testo può essere fatta solo ed esclusivamente tramite l’autorizzazione e relativa attribuzione dell’autore originale.

Fonte dell’articolo originale: Antony Bragalia

web site: https://www.ufoexplorations.com/

Anthony Bragalia ha indagato a lungo sul fenomeno UFO. Dalla denuncia di uno dei casi UFO più famosi (Socorro) come uno scherzo studentesco, alla scoperta degli scienziati coinvolti nello studio dei detriti del “metallo della memoria” dell’incidente di Roswell, le sue scoperte sono sempre stimolanti e persino provocatorie.

Operazione Interloper (intruso)

Esiste un corpo di studi sugli UFO, sebbene ufficialmente non riconosciuto, e condotto da funzionari, che fino ad oggi il governo degli Stati Uniti tiene nella più totale segretezza. Tali studi sugli UFO possono essere condivisi tra persone del governo in completa segretezza. Questo perché tali rapporti di studio “privati” sono esenti dalle richieste del Freedom of Information Act. 

Quando si tratta di tali studi sugli UFO, è palese che nulla è chiaro su cosa sia realmente ufficiale, semi-ufficiale o indipendente. 

Il maggiore Dewey Fournet

maggiore Dewey Fournet

Il maggiore Dewey Fournet ha avuto una brillante carriera come veterano sia nella Seconda Guerra Mondiale che della Guerra di Corea. Ha avuto anche una buona carriera nell’intelligence dell’aeronautica partecipando al il progetto Blue Book.

Secondo un organigramma del Blue Book, aveva il titolo come Ufficiale di collegamento con il Pentagono. Stranamente, Fournet ha anche dedicato molto tempo ed energie conducendo le proprie indagini sugli UFO. 

A quanto pare Fournet ha sviluppato e studiato anche casi che erano al di fuori degli studi ufficiali del Progetto Blue Book, indagando sistematicamente su uno studio nello studio. Questi studi furono contrassegnati come “non classificati”, in pratica questi file non circolarono al di fuori degli ambienti ufficiali, e alcuni furono conservati da Fournet fino alla sua morte nel 2000.

Questi studi fanno riferimento proprio all’Operazione Interloper diretta da Fournet contemporaneamente al suo incarico al Blue Book all’inizio degli anni ’50.

Nota: Il nome scelto da Fournet per la sua indagine era di per sé significativo. Infatti per Operazione Intruso si intende come un qualcuno che si intromette in una regione o sfera di attività senza autorizzazione. Un intruso si presenta dove non dovrebbe. Gli intrusi non sono invitati. Se Fournet credeva che questi casi di UFO rappresentassero una percezione errata, una frode o un fenomeno naturale, perché ha usato di proposito l’appellativo di “Intruso”? Coloro che si intromettono senza autorizzazione, che non ne fanno parte e che non sono invitati sono conosciuti come Alieni.

Come accennato Fournet si era inspiegabilmente e indipendentemente impegnato a raccogliere, confrontare e commentare casi che spesso non facevano parte del sistema Blue Book.

Il ricercatore Jan Aldrich, esperto di tutti i fenomeni UFO, afferma che i documenti di Fournet visti, includono l’analisi di avvistamenti UFO risalenti a prima del 1947 (data famosa che ricorda lo schianto di Roswell), così come casi dei primi anni ’50 che derivano da varie fonti ufficiali, rapporti pubblicati e alcuni articoli su riviste. Ma quali sono i file segreti di Fournet?

Il file segreti di Fournet

Aldrich indica che i file Fournet sono “incompleti”. Riferisce che Fournet era noto per amministrare bene i suoi file, ma ci sono chiaramente più rapporti, avvistamenti e altro materiale relativo all’Operazione Interloper e questi mancano. Alcuni esempi di questi rapporti sugli “incidenti” dell’Operazione Interloper risalgono al 1951 e al 1952 e sono evidenziati di seguito dove è possibile scaricarli tramite il pulsante di download.

L’incidente 26 e 27

L’incidente 28 di seguito dove ho visto che viene riportato anche dal NICAP leggiamo:

OPERAZIONE NON CLASSIFICATA INTERLOPER – Rapporti recenti INCIDENTE N. 28

Fonte: Tenente Thomas A. Featherstone, USN, Classe IX, Naval Intelligence School

All’inizio di maggio 1952, il tenente Featherstone stava utilizzando l’attrezzatura GCA al NAS, Willow Grove, Pennsylvania. Le condizioni meteorologiche erano pessime; cella di 250 piedi; visibilità a meno di un miglio.
Mentre attendeva un aereo in arrivo, questo ufficiale, nella posizione di primo direttore, notò un bersaglio vicino al centro del telescopio. Al successivo passaggio dell’antenna, il bersaglio era avanzato di quasi cinque miglia. È stato visto muoversi mentre la traccia lo superava. Al quarto passaggio della marcia, l’oggetto ha raggiunto il limite di 10 miglia del campo di applicazione.

Tra la seconda e la quarta scansione, controllò il mirino del secondo regista, pensando che fosse stata un’illusione, o un malfunzionamento del suo set. Il contatto era visibile su entrambi gli ambiti.Il cambio funziona a 32 giri al minuto. La velocità dell’oggetto, quindi, era di circa 3.600 mph.

Il bersaglio in partenza ha seguito esattamente la tratta nord-est della portata del NAS, scomparendo sulla rotta 060°.

La mattina seguente le condizioni meteorologiche erano le stesse. Un secondo bersaglio in rapido movimento è stato rilevato dal radar, su un rilevamento di 120°, diretto verso la stazione di tiro. Quando intercettò la parte sud-ovest della distanza, l’oggetto cambiò rotta a 060° e seguì la distanza fino al limite della distanza. scopo.L’apparecchiatura GGA del NAS Willow Grove dispone di due canali radar, ciascuno indipendente dall’altro. Il primo avvistamento è avvenuto sul canale A; il secondo, sul canale B. L’antenna di ricerca è costruita in modo tale da non ottenere alcuna ricezione oltre i 6.000 piedi. Tuttavia, durante il tempo inclemente, è noto che la trave raggiunge altezze di 8.000 piedi,

Da questi specifici file si può ricavare che:

L’indagine è intermilitare (i casi presentati provengono dalla Marina degli Stati Uniti)

L’indagine sui casi è stata condotta in tutta la nazione

​Esistono un minimo di 28 file di strani fenomeni e probabilmente molti di più (il numero di caso di riferimento più alto noto è “Incidente n. 28”). Possiamo anche dedurre che esiste materiale esistente sugli altri casi dell’Operazione Interloper, così come dettagli su chi altro si era unito a Fournet in questo studio.

Chi c’era veramente dietro l’operazione Interloper?

Il tipo di operazione di ricerca condotta da Fournet richiedeva uno spazio ufficio e forniture minime, un servizio telefonico e una segretaria (dopo tutto, questi casi venivano scritti su un manuale). Da considerare che il tempo impiegato da Fournet in questa operazione durante l’orario d’ufficio come dipendente dell’esercito costituiva una violazione, se l’attività non fosse in qualche modo ufficialmente riconosciuta. Tutto ciò era molto strano se consideriamo che:

  • Non è possibile trascorrere la giornata lavorativa svolgendo l’amministrazione degli affari governativi e contemporaneamente conducendo affari personali. I fascicoli dei casi UFO dell’Operazione Interloper di Fournet risalgono al 1951 e al 1952, due anni durante i quali stava anche esaminando i fascicoli dei casi UFO per il Progetto Blue Book.
  • Il tempo è denaro. Ogni momento in cui Fournet ha lavorato su Interloper ha tolto il lavoro che era stato pagato e autorizzato a svolgere per Blue Book. A meno che il suo lavoro non ne fosse in qualche modo parte.
  • Nel caso in cui avesse svolto il suo lavoro sull’Interloper a casa, ciò avrebbe significato che Fournet era un uomo ossessionato, che lavorava giorno e notte sugli UFO e che era in grado di accogliere altri membri dell’operazione. Ovviamente non è stato così.
  • Si creerebbe un conflitto di interessi consentire ai funzionari di lavorare in privato su argomenti su cui già lavoravano già per 8 ore al giorno al servizio del governo. Inoltre perché condurre studi paralleli sugli UFO a meno che tale studio non riguardava altro?

In poche parole, il governo ha pagato il conto e ha “compartimentato” e offuscato il progetto Interloper sotto il Blue Book, pur potendo negare la consapevolezza se mai gli fosse stato chiesto.

Un precedente per l’operazione Interloper: l’IPU

Nel 1982, il defunto ricercatore John Frick scoprì la menzione di una “Unità di fenomeno interplanetario” (o IPU) su una stampa di computer generata da un gruppo all’interno del Dipartimento della Difesa. 

Ciò portò a ulteriori scoperte, e cioè che l’IPU era stata sotto la supervisione del generale Douglas MacArthur e che aveva operato dal 1945 almeno fino al 1951.

Le richieste FOIA hanno ottenuto l’ammissione da parte del governo degli Stati Uniti che l’Unità, sebbene esistesse, era semplicemente un “oggetto di interesse” personale per un anonimo vice capo di stato maggiore dell’intelligence. 

L’hanno ulteriormente denigrata affermando che l’Unità mancava di “funzione, missione o autorità” formale. Si scopre che l’agente dell’intelligence di MacArthur interessato agli UFO sarebbe poi salito di grado come il generale Charles Willoughby.

Per le stesse ragioni per cui l’Operazione Interloper non poteva essere opera di uno solo, l’Unità Fenomeno Interplanetario non lo era. Una “Operazione” e una “Unità” sono termini militari che riflettono il coinvolgimento di più di un singolo individuo. 

Si ritiene ora che la “fondazione” dell’IPU sia stata affidata al generale Willoughby, al generale MacArthur e all’immediato superiore di MacArthur, il generale George C. Marshall

In modo simile all’IPU di MacArthur, l’Operazione Interloper del Maggiore Fournet ha l’apparenza di essere un “oggetto di interesse” privato da parte di un singolo ufficiale mentre è molto più di questo. Ed entrambi gli studi sugli UFO hanno titoli eloquenti, uno relativo agli “interplanetari” e l’altro agli “intrusi”.

Qual’è lo scopo di tutta questa negazione

 Se il tutto viene richiesto con un’indagine FOIA, il governo può semplicemente affermare che qualsiasi menzione di tale progetto UFO era semplicemente di interesse personale per un particolare ufficiale o funzionario. Ciò consente loro di rinnegare la conoscenza o commentare tale studio sugli UFO. 

In pratica tale indagine, esula dai normali doveri e dalla routine di quella persona e si trattava quindi di uno sforzo privato. La negazione diventa plausibile, cioè diventa credibile.

La verità, però fu, che tali “sforzi privati” furono poi offerti e condivisi direttamente con i funzionari governativi e allo stesso tempo senza riconoscere che una cosa del genere sia mai accaduta. Un tale “accordo” non scritto consente la libertà da occhi curiosi, protegge dalle ripercussioni, isolando e spostando il coinvolgimento.

web site: BorderlineZ

Altri articoli di BorderlineZ
Dolores Barrios, la donna che è arrivata dal pianeta Venere

Meno di un decennio dopo il noto caso dell'UFO crash di Roswell, un gruppo formato da alcuni ricercatori dichiarò, che Read more

Progetto Blue Book e gli oggetti volanti non identificati

Dal 1947 al 1969, l'Aeronautica investigò su oggetti volanti non identificati nell'ambito del Progetto Blue Book. Il progetto, con sede Read more

Il mistero delle tombe giganti di Saqqara, chi sono i veri costruttori?

Le tombe giganti di Saqqara, sono uno dei misteri più complessi e intrecciati che riguardano in prima linea i siti Read more

Il mistero del Monte Musinè

Nel cuore delle maestose Alpi italiane, il Monte Musinè si erge imponente, avvolto da un'aura di mistero e fascino. Questo Read more

0 0 voti
Vota l'articolo

Chat ufficiale BorderlineZ

Novità: E' disponibile il nuovo canale Telegram al seguente link:

BorderlineZ_Channel, si uno dei primi a iscriverti.

La navigazione in questo sito e totalmente gratuita, non chiederemo mai soldi o offerte (tramite paypal) a nessuno. Ma siccome mantenere un sito come questo ha i suoi costi ti chiediamo solo un piccolo favore, se ti piace BorderlineZ condividi più che puoi in nostri articoli nei vari social, per noi sarebbe molto importante. - Grazie e buona Navigazione

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre informato

E’ la prima volta che sei su BorderlineZ ?

Se ti è piaciuto l’articolo mi raccomando, torna a trovarci e iscriviti alla notra newsletter gratuita per rimanere informato. Commenta anche l’articolo se lo ritieni utile. Ufologia, Paranormale, Mistero, Complotto, Cronaca tradizionale etc.

Dai un’occhiata ai nostri ultimi video su YOUTUBE

  1. Il mistero del Disco di Colgante - BorderlineZ
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 1 month ago By BorderlineZ Official Channel
  2. Le Chiavi di Salomone, evocare e comandare i Demoni
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 2 months ago By BorderlineZ Official Channel
  3. Il Mistero della donna Vampiro di Pien in Polonia - BorderlineZ
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 3 months ago By BorderlineZ Official Channel
  4. LE TRAGICHE STORIE DEI TESTIMONI DI ROSWELL (PARTICOLARI POCO CONOSCIUTI) - PARTE PRIMA
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 3 months ago By BorderlineZ Official Channel
  5. 7 misteriosi luoghi di origine aliena - BorderlineZ
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 4 months ago By BorderlineZ Official Channel
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Translate »
0
Commenta l'articolox