L’incidente Ufo di Roswell e il segreto di Albert Einstein

In una confessione registrata nel 1993 e mai resa pubblica prima, l’assistente di Albert Einstein, nell’estate del 1947, fece la sbalorditiva ammissione che lei e il professore erano stati trasportati in aereo a Roswell, nel New Mexico, sotto la direzione del governo ed esaminarono i detriti e i corpi extraterrestri ritrovati nello schianto.

IMPORTANTE!!! Tutto il materiale di questo articolo è stato concesso a BorderlineZ sotto autorizzazione del noto Ufologo Anthony Bragalia. Questo significa che tale articolo è protetto dai diritti di autore e non può essere divulgato senza specifica autorizzazione e attribuzione.

Diritti di Autore: Anthony Bragalia

Sito personale dello studioso: UFO Explorations

Anthony Bragalia ha studiato a lungo il fenomeno UFO. Dall’esposizione di uno dei casi UFO più famosi come quello di Socorro conosciuto come il caso Ufo di Lonnie Zamora come scherzo studentesco, alla ricerca degli scienziati coinvolti nello studio dei detriti “memory metal” dell’incidente di Roswell, le sue scoperte sono sempre inequivocabilmente stimolanti e persino provocatorie.

Roswell e il segreto di Albert Einstein

In questo articolo parleremo dell’intervista all’assistente di Albert Einstein e di tutto quello che ne è uscito fuori. Ma chi era l’assistente del noto scienziato?

Parliamo di Shirley Wright, figura che ha conseguito due dottorati di ricerca ed è stata accademica presso le università della Florida per quasi 50 anni. In un momento della sua vita, sentì l’obbligo nei confronti della storia di rivelare la verità. Agì in base a ciò, permettendo a se stessa di registrare e dettagliare il viaggio che lei ed Einstein fecero nel luglio del 1947 per esaminare un velivolo e un equipaggio provenienti da un altro mondo. 

Chi era Shirley Wright

Shirley Wright

Shirley Wright come accennato, ha conseguito due dottorati di ricerca, uno in chimica e uno in scienze fisiche. Ha condotto una gran bella vita molto produttiva. Dal suo necrologio apparso sul Miami Herald nel luglio del 2015 si apprende anche che era un’educatrice e insegnante universitaria, un membro delle Suore Domenicane e una studentessa di uno degli scienziati più famosi al mondo, ossia il grande Albert Einstein.

Shirley, è morta il 1 luglio del 2015 all’età di 85 anni. È nata a Boston, ma ha trascorso la sua infanzia a Chicago. Da adolescente si è trasferita a Miami Beach, dove i suoi genitori hanno costruito il Tropicaire Hotel, che in seguito gestì per molti anni.

Fu un’insegnante e una scienziata devota, conseguendo dottorati di ricerca in chimica fisica e scienze fisiche. Professoressa di chimica presso l’MDCC per oltre 50 anni. Fu una studentessa del Dr. Albert Einstein al Princeton Shirley ha insegnato all’Università di Miami e al Barry College ed è stata anche istruttrice presso la JMH School of Nursing e la Hialeah High School. È stata la prima donna presidente dell’MDCC.

Era membro del Terz’Ordine delle Suore Domenicane. Per oltre 50 anni, Shirley ha donato borse di studio a studenti di eccellenza nelle scienze. Una persona generosa, ha sostenuto molte associazioni di beneficenza e ha aiutato gli amici bisognosi.

Puoi visualizzare il necrologio archiviato al seguente link: Shirley Wright

La sua storia a Roswell è stata originariamente raccontata dal defunto ricercatore UFO Leonard Stringfield nelle voci della sua serie monografica “Status Report – UFO Crash Retrievals” pubblicata privatamente all’inizio degli anni ’90. 

Stringfield menzionò nel suo libro il nome di una ricercatrice in Florida che incontrò la dottoressa Wright per intervistarla, una donna di nome Sheila Franklin. La Franklin era attiva nell’organizzazione statale Mutual UFO Network (o semplicemente MUFON). Stringfield e Franklin collaborarono per documentare ciò che la donna aveva da dire.

Nota: Il MUFON, Mutual UFO Network, è la più grande organizzazione mondiale di ricerca e studio del fenomeno ufologico. Con migliaia di iscritti in tutto il mondo e centinaia di investigatori certificati, indaga e analizza le migliaia di segnalazioni pervenute annualmente, ricorrendo rigorosamente al metodo scientifico.

​Franklin e Wright avevano un amico in comune, fu proprio attraverso questo collegamento che Franklin venne a sapere che Wright aveva menzionato che lei ed Einstein avevano fatto il viaggio a Roswell. L’amico organizzò un incontro tra Franklin e Wright. Franklin registrò e prese appunti durante la testimonianza di Wright a Roswell quando i due si accordarono per incontrarsi a Miami, Florida, nel novembre 1993.

Nota: L’intervista fu registrata su ben due nastri ma a quanto pare il secondo è andato perduto

La ricercatrice Sheila Franklin

Tutta la storia sulla vicenda che riguarda Roswell e il segreto di Albert Einstein

Wright spiegò a Franklin che nel 1947 era stata scelta tra un numero di studenti dotati per lavorare per il professor Einstein durante l’estate del 1947. Era stata sottoposta ad approfonditi controlli di sicurezza e di referenza perché il suo lavoro l’avrebbe messa in una posizione delicata. 

Einstein prese in simpatia Wright e la portò ovunque. Ha ricordato Einstein come “cordiale, comprensivo e amichevole con tutti i suoi studenti”.

Ma fu nel luglio di quell’anno che accadde un evento che rimase vividamente impresso nella sua memoria per tutta la vita. Lo aveva accompagnato a partecipare a una particolare conferenza che si svolgeva in una base aerea dell’esercito del sud-ovest con la partecipazione di militari e altri scienziati. 

Avevano volato da Princeton a Chicago con un volo di linea, dove avevano preso un altro volo per un piccolo aeroporto civile. Quando atterrarono pioveva, e un colonnello in impermeabile li guidò per circa 50-75 miglia attraverso il deserto fino alla base. Sono stati portati in un hangar pesantemente sorvegliato. Fu lì che Wright ed Einstein si resero conto di avere a che fare con qualcosa di ultraterreno.

Di seguito la descrizione che diede dell’imbarcazione stivata nell’hangar:

” Era a forma di disco concavo. Le sue dimensioni raggiungevano un quarto del pavimento dell’hangar.” 

L’imbarcazione appariva in qualche modo danneggiata su un lato. Ha detto che sfortunatamente non è riuscita ad avvicinarsi abbastanza per vedere i dettagli più fini poiché l’imbarcazione era circondata da guardie, fotografi e specialisti che la stavano studiando.

Wright ha detto che:

 “il corpo della nave era quello che oggi definirei un materiale piuttosto riflettente, ma quando ti avvicinavi ad esso, era piuttosto opaco”. 

Ha aggiunto: 

“erano molto curiosi di sapere quali fossero i materiali”.

Franklin chiese a Wright cosa interessava di più ad Einstein? Wright rispose: 

“Propulsione e altro sull’universo”. 

Poi ha aggiunto: 

“Non è rimasto affatto turbato vedendo le prove reali. Non ho registrato nei miei appunti i suoi commenti iniziali ma ha detto qualcosa, nel senso che non era sorpreso che venissero sulla terra e che questo gli ha dato speranza … che potremmo imparare di più sull’universo. Il contatto dovrebbe essere un vantaggio per entrambi i nostri mondi. “

Franklin chiese quale fosse stata la reazione personale di Wright alla visione della scena. Wright ha risposto: 

“La mia reazione è stata meraviglia, metà curiosità e forse metà paura”.

Ma a Wright ed Einstein fu mostrato qualcosa di più di un semplice velivolo.

All’interno dell’hangar della base aerea c’erano anche creature extraterrestri, disse di loro:

 “Ad alcuni specialisti è stato permesso di guardarli più da vicino, compreso il mio capo. A me sembravano tutti uguali, tutti e cinque. Erano alti circa un metro e mezzo, senza capelli, con grandi teste ed enormi occhi scuri, la pelle era grigia con una leggera sfumatura verdastra, ma per la maggior parte i loro corpi non erano esposti, essendo vestiti con abiti attillati. Ma ho visto che non avevano ombelico e genitali.”

Più avanti , ci fu un’altra tappa, assieme ad Einstein furono scortati da jeep per circa 50 miglia attraverso il deserto, fino a un edificio solitario e isolato con guardie alla porta. Entrati nell’edificio, furono accolti da un ufficiale in un’area dove personale in uniforme e personale medico erano riuniti attorno a una barella su cui una creatura si dibatteva dal dolore. 

Emetteva suoni insoliti, ma non “parlava mai”. La stessa Wright venne tenuta a distanza, ma lo descrisse come un bipede grigiastro, forse un po’ più umano degli altri che aveva visto in precedenza. 

Il suo torso era grottescamente espanso, dichiarò: 

“Deve essere stato un caso nuovo, ma non mi è stato detto nulla e in breve tempo siamo stati tutti licenziati dall’edificio.”  

Wright disse a Franklin che in seguito aveva sentito che la creatura era sopravvissuta.

Wright disse che Einstein: 

“aveva l’autorizzazione giusta, fece un rapporto, (che lei non vide mai). Mi fu semplicemente detto di tenere la bocca chiusa”. 

Anche se non le è stato chiesto di firmare alcun documento, le è stato ricordato il suo impegno a non dire nulla. Franklin ricorda che Wright aveva detto che il viaggio a Roswell sarebbe stato negato, che non ci sarebbe stata alcuna documentazione scritta del viaggio e che qualsiasi prova che fosse mai stata fatta sarebbe stata cancellata. 

Alcune delle testimonianze di Wright possono essere ascoltate direttamente sul sito di Anthony Bragalia a questo link: Le registrazioni di Shirley Wright.

Ascoltando la sua voce e il suo comportamento, la storia di Wright impressiona per come risponde alle domande mirate di Franklin, infatti Wright risponde in modo coerente e veritiero.

Con questa testimonianza la Wright non aveva nulla da guadagnare, infatti non guadagnò nulla nel raccontare la sua storia, non cercò mai soldi o tornaconto di nessun tipo. Non cercò nemmeno la fama, infatti la sua dichiarazione fu questa, unica e sola, fino alla sua morte.

Cercando di convalidare i fatti

Anche se Wright aveva dichiarato che non sarebbe stata trovata nessuna traccia cartacea del loro viaggio a Roswell, furono fatti ugualmente dei tentativi. 

Gli archivi Albert Einstein dell’Università Ebraica di Gerusalemme e l’Einstein Papers Project del Caltech furono entrambi contattati per vedere se c’era qualche indicazione su dove si trovasse Einstein nel periodo dal 7 al 20 luglio 1947 (il periodo successivo all’incidente).

Sebbene le possibilità di ottenere tale documentazione fossero molto basse, fu necessario affrontarle. Di fatto fu spiegato che Einstein non aveva lasciato Princeton nel luglio di quell’anno, ma si scoprì che gli archivi di Albert Einstein presentarono una lettera di un associato datata 21 luglio 1947 (che non può essere riprodotta senza il loro permesso) che fa riferimento ad Einstein nel fare un viaggio in barca a vela. 

La risposta fu che Einstein si rammaricò di non poter andare a causa della comparsa dei sintomi di un’ulcera. L’autore della lettera ha affermato che sentire quella notizia fu sorprendente. 

Il fatto che Einstein abbia sofferto di un’ulcera (forse esacerbata dallo stress), e questo dopo aver visto i manufatti di Roswell circa due settimane prima può essere di per sé significativo.

L’intervista che parla di Einstein e gli UFO

Frank Edwards è stato uno dei primi pionieri della radio e autore di numerosi libri sugli UFO, incluso il classico ” UFO: Serious Business” . Era un nome familiare in tutta l’America negli anni ’50 e ’60. 

In una conferenza tenuta a un pubblico di Detroit, nel 1956, Edwards fece affermazioni su Einstein che credeva fossero vere in base alle sue fonti e alla sua comprensione delle circostanze storiche. E queste affermazioni sono a dir poco straordinarie. 

Edwards sosteneva che solo quattro anni prima, nel 1952, Albert Einstein aveva consegnato un messaggio urgente all’allora presidente Harry Truman. Avendo un forte interesse per il fenomeno UFO, Einstein avvertì che la politica di Truman di “abbattimento” degli UFO su DC non era saggia. Anche questa rarissima registrazione di due minuti può essere ascoltata sul link riportato sopra, nel sito ufficiale di Anthony Bragalia.

Cosa ha detto Albert Einstein riguardo agli alieni

È noto che Einstein ha affrontato il tema degli extraterrestri intelligenti solo quattro volte.

Prima di Roswell, era favorevole alla realtà aliena, dopo Roswell, era contraddittorio. In una dichiarazione ha detto che la gente “vede qualcosa ” ma che “non vuole saperne di più”, sosteneva di avere una conoscenza solo superficiale dei fenomeni, e si è persino rifiutato di commentare il presunto incidente di Roswell.

​​Già nel 1920 Einstein sospettava che la vita extraterrestre intelligente fosse reale, e che il contatto fosse possibile. Un articolo del gennaio 1920 del Daily Mail di Londra, il corrispondente chiese allo scienziato le sue opinioni sulla vita extraterrestre.

In quel periodo il pioniere della radio Guglielmo Marconi aveva recentemente parlato allo stesso giornale di segnali misteriosi che ipotizzava potessero provenire da Marte. Cosa pensava Einstein? 

“Ci sono tutte le ragioni per credere che Marte e gli altri pianeti siano abitati … Perché la Terra dovrebbe essere l’unico pianeta che sostiene la vita umana? …”

Nel 1952 fu riferito che Einstein scrisse all’evangelista Louis Gardner in risposta alla domanda di Gardner sugli UFO: 

“Queste persone hanno visto qualcosa . Che cosa sia non lo so e non sono curioso di saperlo”. 

Ciò che è più interessante nella citazione di Einstein è ciò che non viene detto. Sebbene Einstein ammetta che il fenomeno è reale (“Queste persone hanno visto qualcosa “, sottolinea Einstein), dice che non vuole sapere esattamente cosa vede la gente. 

Questo è ovviamente falso da parte di Einstein. Da quando la scienza esita a incoraggiare la ricerca di soluzioni ai misteri? La sua risposta è stata chiaramente una “schivata”.

Sempre nel 1952, in una lettera datata 12 novembre, Einstein dà una breve risposta al defunto e controverso autore degli UFO, Albert K. Bender. Bender chiese cosa pensasse Einstein del fenomeno del disco volante. 

Einstein rispose: 

“Caro signore, non avendo esperienza e avendo solo una conoscenza superficiale dell’argomento, mi dispiace di non poter soddisfare la sua richiesta. Cordiali saluti, Albert Einstein”

Apparso sul quotidiano Irish Times di mercoledì il 9 luglio 1947 si legge quanto segue:

“Il Dipartimento della Guerra degli Stati Uniti ha dichiarato ieri sera che non avevano notizie del disco volante del New Mexico e stavano verificando con Roswell. Il professor Einstein ha detto a un corrispondente dell’UP che non aveva assolutamente nessun commento da fare.”

Adesso si può capire il perchè il grande Einstein scelse di non dire nulla dell’accaduto, lui era lì e giurò di non dirlo mai a nessuno.

web site: BorderlineZ

Altri articoli di BorderlineZ
I corpi Alieni presentati al congresso del Messico

Il 12 settembre in un'udienza al Congresso del Messico, un ufologo messicano ha presentato quelli che secondo lui sono corpi Read more

L’incidente Ufo della famiglia Blake a Mellon (Winsconsin)

L’incidente UFO di Mellon avvenuto intorno alla metà degli anni 70 nel Winsconsin, anche se poco noto è forse uno Read more

Il Pentagono crea una divisione per studiare gli Ufo

Il Pentagono sta formando una nuova task force per indagare sugli UFO che sono stati osservati da aerei militari statunitensi, Read more

Lo studio Segreto sugli UFO dell’esercito USA

Oltre sessant'anni fa, i leader che comandavano l'esercito degli Stati Uniti d'America erano giunti a una conclusione sorprendente sui veicoli Read more

0 0 voti
Vota l'articolo

Chat ufficiale BorderlineZ

Novità: E' disponibile il nuovo canale Telegram al seguente link:

BorderlineZ_Channel, si uno dei primi a iscriverti.

La navigazione in questo sito e totalmente gratuita, non chiederemo mai soldi o offerte (tramite paypal) a nessuno. Ma siccome mantenere un sito come questo ha i suoi costi ti chiediamo solo un piccolo favore, se ti piace BorderlineZ condividi più che puoi in nostri articoli nei vari social, per noi sarebbe molto importante. - Grazie e buona Navigazione

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre informato

E’ la prima volta che sei su BorderlineZ ?

Se ti è piaciuto l’articolo mi raccomando, torna a trovarci e iscriviti alla notra newsletter gratuita per rimanere informato. Commenta anche l’articolo se lo ritieni utile. Ufologia, Paranormale, Mistero, Complotto, Cronaca tradizionale etc.

Dai un’occhiata ai nostri ultimi video su YOUTUBE

  1. Assange #giornalismo
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 19 hours ago By BorderlineZ Official Channel
  2. CREARE UN SIGILLO SECONDO LE TRADIZIONI ESOTERICHE
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 20 hours ago By BorderlineZ Official Channel
  3. IBRIDI ALIENI? LA TEORIA DEGLI ALIENI GRIGI
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 1 day ago By BorderlineZ Official Channel
  4. La Foresta più Misteriosa del Mondo, Hoia Baciu
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 3 months ago By BorderlineZ Official Channel
  5. Attentato in Russia - Annuncio a tutti gli idioti
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 3 months ago By BorderlineZ Official Channel
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
0
Commenta l'articolox