Il Mistero del Disco di Festo: Un Enigma dell’Antichità

Disco di Festo (foto modificata)-foto originale da wikipedia

Il Disco di Festo

Come accennato questo misterioso manufatto fu scoperto dall’archeologo Luigi Pernier, lo ha rimosso da uno strato di terra nera che ha permesso di datare contestualmente il disco tra il 1850 a.C. e il 1600 a.C.

Con un diametro di circa 16 centimetri e uno spessore di 1 centimetro, il disco presenta una serie di misteriose incisioni su entrambi i lati. Le incisioni consistono in una serie di simboli, compresi cerchi, linee e figure umane stilizzate.

Nota: Luigi Pernier di famiglia agiata si laureò in Lettere all’Università di Roma avendo come relatore Rodolfo Lanciani. Si specializzò alla Scuola di Archeologia di Roma, conseguendo il diploma nel 1901, dopo aver trascorso dei periodi di formazione a Creta presso la Missione Archeologica Italiana diretta da Federico Halbherr.

Linguaggio Sconosciuto

La più grande sfida degli studiosi è stata decifrare il significato di questi simboli. Nonostante gli sforzi intensi, il linguaggio utilizzato sul Disco di Festo non è stato identificato in nessuna lingua conosciuta, rendendolo un enigma linguistico senza precedenti.

Il Disco di Festo infatti è insolito per una serie di ragioni, la più importante, è unico nel suo genere forse ad eccezione dell’Ascia di Arkalochori.

Origine e significato

L’origine precisa del disco è oggetto di dibattito. Gli studiosi lo attribuiscono alla civiltà minoica, risalente al secondo millennio a.C., rendendolo uno dei più antichi manufatti scritti mai scoperti. Tuttavia, la datazione precisa e la sua funzione esatta rimangono sconosciute.

La scrittura stessa, secondo gli studiosi moderni è stata creata carcando caratteri preformati nell’argilla ancora morbida, tutto ciò dimostrerebbe l’uso di caratteri mobili.

Nota: Il Disco di Festo è stato trovato vicino a una particolare tavoletta con scrittura standard di questo periodo nota come lineare A. Il lineare A era il sistema di scrittura principale utilizzato dai Minoici (Cretesi) dal 1800 al 1450 aC. Nessun testo in lineare A è mai stato decifrato.

Le teorie sull’uso e sul significato del disco sono molteplici. Alcuni suggeriscono che potrebbe essere un calendario lunare, una rappresentazione di una storia mitologica o addirittura un documento religioso.

Simbologia

Il Disco di Festo è formato da ben 45 misteriosi simboli presumibilmente stampati individualmente, secondo gli esperti nonostante alcuni simboli siano dello stesso tipo probabilmente furono realizzati con timbri diversi.

Dalle analisi inoltre, si è scoperto che molti dei simboli presenti sul disco furono cancellati per poi essere timbrati nuovamente con lo stesso simbolo o con uno diverso.

Gli studiosi hanno impiegato varie metodologie, compresa l’analisi statistica dei simboli, per cercare di risolvere il mistero. Le tecnologie moderne, come la scansione laser e la fotografia ad alta risoluzione, sono state utilizzate per studiare i dettagli del disco.

Nota: Nel disco oltre ai simboli, si possono vedere particolari segni, simili a trattini e barre tratteggiate impresse nell’argilla, questi a differenza dei 45 simboli sembrano essere stati disegnati a mano.

Teorie Contestate

Nonostante anni di ricerca, non esiste ancora un consenso unanime sulla vera natura del Disco di Festo. Le teorie avanzate sono spesso oggetto di critiche e dibattiti accesi tra gli esperti.

Molte teorie si concentrano sull’aspetto linguistico del disco. Alcuni esperti suggeriscono che potrebbe trattarsi di una forma primitiva di scrittura, forse una lingua non ancora decifrata. Tuttavia, non esiste consenso sulle lettere o sui simboli rappresentati, rendendo difficile stabilire un modello linguistico coerente.

Altri studiosi si sono focalizzati sulle immagini incise sul disco, proponendo interpretazioni basate su simboli religiosi, mappe astronomiche o miti culturali. Le figure umane stilizzate e altri simboli potrebbero rappresentare divinità, eventi celesti o rituali misteriosi. Tuttavia, le interpretazioni sono spesso soggettive e non supportate da prove concrete, ragion per cui alcuni esperti contestano l’approccio alla decifrazione, suggerendo che potrebbero esserci errori metodologici o presupposti non validi nelle interpretazioni proposte.

Inoltre la mancanza di chiarezza nel linguaggio o nell’iconografia impedisce di formulare un’interpretazione definitiva accettata dalla comunità accademica.

Il persistere delle dispute accademiche e delle teorie contrastanti riguardo al Disco di Festo illustra la complessità e la sfida nel comprendere oggetti antichi così enigmatici. Tuttavia, questo non scoraggia gli studiosi, ma alimenta piuttosto la ricerca continua e l’utilizzo di nuove metodologie e tecnologie per affrontare il mistero.

Il futuro potrebbe portare innovazioni tecnologiche o nuove scoperte archeologiche che permetteranno una migliore comprensione del disco e della civiltà che l’ha prodotto.

Importanza Storica e Culturale

Indipendentemente dalla sua funzione esatta, il Disco di Festo è un importante reperto storico che offre preziose informazioni sulla civiltà antica, sollevando interrogativi sulle capacità culturali e linguistiche dei popoli dell’età del bronzo, rendendo il reperto un pezzo cruciale del mosaico storico. La sua scoperta e la sua enigmatica natura sottolineano l’importanza della continuità della ricerca archeologica nel gettare luce sul passato umano.

La complessità delle incisioni suggerisce una sofisticata conoscenza artistica e tecnologica della civiltà che lo ha prodotto. L’abilità necessaria per realizzare un manufatto così intricato apre finestre sulla capacità tecnologica, artistica e simbolica di quest’antica cultura.

La conservazione e lo studio del Disco di Festo sono essenziali per mantenere viva la memoria delle civiltà del passato. L’analisi e la documentazione accurata di manufatti come questo disco permettono di preservare la storia dell’umanità per le generazioni future.

Conclusioni

Il mistero attorno al Disco di Festo rimane irrisolto, ma gli avanzamenti tecnologici e nuove scoperte potrebbero un giorno portare a una comprensione più chiara di questo antico manufatto e della cultura del tempo.

Questo disco sepolto da millenni rimane uno dei più grandi enigmi dell’antichità, invitando costantemente gli studiosi a scrutare nel passato per svelare il suo significato.

web site: BorderlineZ

Altri articoli di BorderlineZ
I Grandi Enigmi dell’Umanità: Segreti Impossibili da Svelare

L'essere umano, con tutta la sua conoscenza e progresso, si scontra ancora con misteri irrisolti che sfidano la comprensione e Read more

Il mistero delle sfere metalliche di KLERKSDORP

Le sfere metalliche di Klerksdorp sono sfere dall'aspetto metallico con un diametro compreso da 1 a 2 centimetri, ritrovate nei Read more

La misteriosa civiltà dei Maya
Piramide Maya

L’antica e misteriosa popolazione dei  Maya nacque in Mesoamerica, dove sviluppò una civiltà all’avanguardia nota per l'arte, l’architettura e per Read more

Il mistero della piramide in Antartide

La nota piramide dell’Antartide, chiamata Nunatak, consiste in una formazione rocciosa che nel passare del tempo ha dato vita ad Read more

0 0 voti
Vota l'articolo

Chat ufficiale BorderlineZ

Novità: E' disponibile il nuovo canale Telegram al seguente link:

BorderlineZ_Channel, si uno dei primi a iscriverti.

La navigazione in questo sito e totalmente gratuita, non chiederemo mai soldi o offerte (tramite paypal) a nessuno. Ma siccome mantenere un sito come questo ha i suoi costi ti chiediamo solo un piccolo favore, se ti piace BorderlineZ condividi più che puoi in nostri articoli nei vari social, per noi sarebbe molto importante. - Grazie e buona Navigazione

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre informato

E’ la prima volta che sei su BorderlineZ ?

Se ti è piaciuto l’articolo mi raccomando, torna a trovarci e iscriviti alla notra newsletter gratuita per rimanere informato. Commenta anche l’articolo se lo ritieni utile. Ufologia, Paranormale, Mistero, Complotto, Cronaca tradizionale etc.

Dai un’occhiata ai nostri ultimi video su YOUTUBE

  1. Il mistero del Disco di Colgante - BorderlineZ
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 2 months ago By BorderlineZ Official Channel
  2. Le Chiavi di Salomone, evocare e comandare i Demoni
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 2 months ago By BorderlineZ Official Channel
  3. Il Mistero della donna Vampiro di Pien in Polonia - BorderlineZ
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 3 months ago By BorderlineZ Official Channel
  4. LE TRAGICHE STORIE DEI TESTIMONI DI ROSWELL (PARTICOLARI POCO CONOSCIUTI) - PARTE PRIMA
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 4 months ago By BorderlineZ Official Channel
  5. 7 misteriosi luoghi di origine aliena - BorderlineZ
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 4 months ago By BorderlineZ Official Channel
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Translate »
0
Commenta l'articolox