I Fiori di Bach: Una Profonda Analisi delle Essenze Floreali

img. creata con AI

I Fiori di Bach

Edward Bach cenni storici

Edward Bach come accennato è stato un medico britannico e omeopata nato nel 1886 e deceduto nel 1936. È famoso per aver creato il sistema delle essenze floreali noto come i Fiori di Bach.

Indice dei contenuti

Bach ha studiato medicina a Londra e ha ottenuto diversi gradi accademici. La sua carriera medica è iniziata come ricercatore in immunologia, ma successivamente si è interessato all’omeopatia e alla salute emotiva. Questo interesse lo ha portato a sviluppare il suo sistema di guarigione basato sulle essenze floreali.

Durante la sua ricerca, Bach si rese conto dell’importanza dell’equilibrio emotivo per il benessere generale dell’individuo. Ha trascorso molto tempo nello studio delle piante e della natura, identificando 38 fiori e piante selvatiche che, secondo lui, avevano proprietà capaci di influenzare positivamente gli stati emotivi umani.

Bach ha sviluppato un metodo di preparazione delle essenze floreali che coinvolgeva l’uso dell’energia solare e metodi di infusione. Credeva che catturare l’essenza energetica dei fiori potesse aiutare a trattare gli squilibri emotivi e mentali.

fiori di bach
Edward Bach

Durante la sua vita, ha viaggiato e ha continuato a sperimentare e a raffinare il suo sistema di guarigione. Alla fine, si è stabilito nella campagna inglese e ha dedicato il suo tempo allo studio e alla diffusione delle sue scoperte.

Nonostante le critiche e le sfide, Bach ha continuato a sostenere la sua convinzione che trattare le cause emotive delle malattie fosse fondamentale per il recupero e il mantenimento della salute. Anche oggi, i Fiori di Bach sono utilizzati da molte persone come opzione complementare per il benessere emotivo e mentale. La sua eredità è rimasta una parte significativa della medicina alternativa e olistica, influenzando le pratiche di guarigione e il modo in cui consideriamo l’importanza delle emozioni nella salute generale.

Bach credeva ciecamente che le malattie fossero il risultato di uno squilibrio mentale ed emotivo e che le essenze floreali potessero riarmonizzare questi disturbi sutili. Le piante venivano selezionate per le loro proprietà energetiche e la loro capacità di influenzare gli stati d’animo umani.

Nota: Moderni test clinici effettuati sulla floriterapia a quanto pare hanno dimostrato che, nella più favorevole delle ipotesi, tali terapie possono funzionare solo come placebo. Il tutto è stato confermato dal medico tedesco Edzard Ernst: «L’ipotesi che i rimedi floreali siano associati ad effetti superiori al placebo non è supportata da dati provenienti da studi clinici rigorosi».

Da una revisione sistematica delle ricerche scientifiche del 2009 è emerso che «La maggior parte delle prove disponibili sull’efficacia e la sicurezza dei fiori di Bach presenta un elevato rischio di bias (deviazione dalla norma o dalla razionalità nei processi mentali di giudizio).

Come vengono preparate le essenze floreali

Il processo di preparazione delle essenze floreali di Bach è un aspetto centrale del sistema che Edward Bach ha sviluppato. Questo metodo mirava a catturare l’essenza energetica e sottile dei fiori per utilizzarla nel trattamento degli squilibri emotivi e mentali. Il processo di preparazione segue alcune fasi chiave:

1. Scelta dei Fiori: Bach identificò 38 fiori e piante selvatiche, ciascuno associato a uno stato emotivo specifico. La scelta dei fiori era basata sulle proprietà che credeva avessero un impatto positivo sugli stati d’animo umani.

2. Metodo di Infusione Solare o di Ebollizione: Una volta individuati i fiori appropriati, Bach utilizzava due metodi principali per estrarre l’essenza floreale.

  • Infusione Solare: Questo metodo coinvolgeva il posizionamento dei fiori freschi in una ciotola di acqua di sorgente esposta alla luce solare diretta. L’energia solare doveva trasmettere l’essenza del fiore all’acqua durante il processo di infusione, che poteva durare diverse ore.
  • Ebollizione: In alternativa, alcuni fiori venivano bolliti in acqua per estrarre la loro essenza. Questo metodo richiedeva l’ebollizione dei fiori stessi in acqua per un periodo di tempo specifico.

3. Filtraggio e Conservazione: Una volta che l’energia dei fiori veniva trasferita all’acqua, la soluzione veniva filtrata per rimuovere i residui dei fiori. L’essenza ottenuta veniva poi conservata aggiungendo una piccola quantità di brandy o altra bevanda alcolica, che serviva come conservante per preservare l’essenza floreale nel tempo.

4. Diluizione: Le essenze ottenute venivano diluite ulteriormente, solitamente in rapporti di 1:10 o anche 1:1000 con una soluzione di acqua e alcool. La diluizione riduceva la concentrazione dell’essenza floreale, rendendola pronta per l’uso.

5. Utilizzo: Le essenze venivano utilizzate in diversi modi, come l’aggiunta di gocce in una bevanda, l’applicazione topica o l’inalazione.

Le 38 Essenze Floreali

Ogni fiore è associato a uno specifico stato emotivo. In totale Bach individuò 38 fiori che analizzeremo nel dettaglio.

L’Agrimony (Agrimonia eupatoria) è uno dei 38 fiori nel sistema dei Fiori di Bach, identificato da Edward Bach per affrontare specifiche condizioni emotive. Questo fiore è associato alla maschera della gioia e alla sofferenza nascosta dietro un’apparenza allegra e socievole. Il suo impiego è rivolto a chi affronta conflitti emotivi interni pur mostrando un’esteriorità positiva.

Agrimony (Agrimonia eupatoria) – Foto by Pethan wikipedia

L’Agrimony è una pianta erbacea perenne che cresce in molte zone dell’Europa, dell’Asia e del Nord America. È caratterizzato da piccoli fiori gialli e foglie pennate. È stato usato tradizionalmente per le sue proprietà medicamentose, ma è diventato più noto come rimedio per le questioni emotive grazie al lavoro di Edward Bach.

Il rimedio di Agrimony è raccomandato per coloro che mascherano le loro vere emozioni dietro una facciata di allegria. Queste persone tendono ad evitare conflitti interni o sentimenti di disagio, spesso manifestando esteriormente un atteggiamento gioioso e socievole. Sono persone che evitano le discussioni o preferiscono sopprimere le loro preoccupazioni, creando una sorta di sofferenza silenziosa.

L’utilizzo dell’Agrimony può aiutare ad affrontare il conflitto interiore, consentendo un’espressione più autentica delle emozioni senza la necessità di nasconderle dietro un sorriso finto. Il fiore incoraggia l’integrità emotiva, permettendo a chi lo utilizza di affrontare i problemi interiori con coraggio e sincerità.

L’Agrimony rappresenta un approccio alla guarigione delle emozioni attraverso l’onestà e l’accettazione delle proprie sensazioni interiori. Edward Bach ha dedicato la sua ricerca a identificare questi rimedi per affrontare i disagi emotivi, offrendo un’opzione per coloro che desiderano un approccio più olistico al benessere emotivo e mentale.

Infine, l’Agrimony, rappresenta un’opportunità per esplorare la connessione tra emozioni, benessere interiore e salute generale, offrendo un’alternativa complementare nel mondo della cura emotiva.

Altre Curiosità su Agrymony: L’Agrimonia è una particolare pianta in cui l’uso specifico risale addirittura all’uomo preistorico. Grazie alle sue notevoli caratteristiche, le più grandi civiltà l’hanno utilizzata sia a scopo curativo sia alimentare.

A quanto pare nel passato molte persone anche Re l’hanno utilizzata sia per particolari riti magici sia come veleno oltre che per lenire le ferite di guerra.

Ai tempi di Plinio il vecchio, veniva utilizzata per le affezioni al fegato, oggi è noto che le qualità di questa pianta conferiscono proprietà antinfiammatoria, astringente, cicatrizzante, diuretica, emostatica e analgesica.

L’Aspen (Populus tremula – Pioppo tremulo) è associato alla paura e all’ansia di origine sconosciuta. Questo fiore è particolarmente rilevante per coloro che sperimentano ansia o preoccupazione senza una causa specifica o razionale.

Aspen (Populus tremula – Albero Pioppo tremulo) – img. Mark Wagner (wikipedia)

L’Aspen è un albero presente in molte aree del mondo, caratterizzato dalle sue foglie tremolanti quando soffia il vento, da cui deriva anche il nome comune “popolo tremulo”. È un albero maestoso, spesso associato a sensazioni di mistero e di connessione con il mondo spirituale.

Il rimedio di Aspen è consigliato per coloro che affrontano una sorta di ansia indefinibile, un senso di inquietudine o preoccupazione senza una causa chiara. Queste persone possono sperimentare sensazioni di apprensione, paura o disagio senza essere in grado di identificare la fonte di queste emozioni.

L’utilizzo dell’Aspen può aiutare a portare alla luce questi stati emotivi indefiniti, consentendo una comprensione e una gestione migliori dell’ansia di origine sconosciuta. Il fiore incoraggia la fiducia nell’affrontare le paure che sfuggono alla comprensione, offrendo un senso di sicurezza e di calma interiore.

L’Aspen offre un approccio delicato per affrontare l’ansia sconosciuta, permettendo a chi lo utilizza di affrontare le preoccupazioni indefinibili con una maggiore consapevolezza e tranquillità. È uno strumento nel vasto arsenale dei Fiori di Bach, sviluppato per affrontare le complessità delle emozioni umane e per favorire un equilibrio emotivo più profondo.

Altre Curiosità su Aspen: Esiste una leggenda o superstizione che riguarda questo albero, si dice che bruciando l’alburno del pioppo su un braciere in rame rosso e poi mettendo dei cardi in un tronco cavo di venerdì, si avrà la certezza di guadagnare in un arco di tempo minimo grosse somme di denaro.

In Inghilterra, ancora oggi, si dice che per sapere se verrà pioggia, basta stare sotto un pioppo. Se le foglie fanno un forte rumore o tintinnio, presto ci saranno forti piogge.

I cristiani considerarono questo albero come maligno, questo perchè avevano la brutta abitudine di bollare come maligni tutti quegli alberi che erano sacri per coloro che amavano la natura.

Il Beech (Fagus sylvatica) è associato alla tolleranza e all’accettazione delle differenze negli altri. Questo fiore è particolarmente rilevante per individui che possono essere critici, giudicanti o intolleranti nei confronti di coloro che li circondano.

Il Beech è un albero maestoso originario dell’Europa e delle zone temperate dell’Asia. Si caratterizza per la sua elegante chioma e per la corteccia liscia. La pianta ha una lunga storia in vari contesti culturali ed è stata identificata da Bach per le sue proprietà energetiche nella gestione delle emozioni.

Il rimedio di Beech è consigliato per individui che mostrano una mancanza di tolleranza e comprensione verso le differenze altrui, trovando difficile accettare gli altri come sono.

L’utilizzo del Beech mira a stimolare l’empatia, la comprensione e la tolleranza verso le diversità. Il fiore incoraggia la capacità di vedere al di là dei difetti degli altri, accogliendo con compassione le differenze individuali e coltivando un atteggiamento più aperto e accettante.

Il Beech rappresenta un invito a un’apertura mentale e un’empatia più profonda verso gli altri. È uno strumento nel vasto repertorio dei Fiori di Bach, sviluppato per affrontare le sfide delle relazioni umane e per promuovere un’atmosfera di comprensione e tolleranza reciproca.

Altre Curiosità su Beech: secondo alcune antiche credenze, quando si avvista la mancanza di vegetazione nel sottobosco delle faggete, ciò è da ricondurre ad una probabile danza di streghe che avendo calpestato il terreno proprio in quel punto lo hanno reso improduttivo.

Le gemme sono consigliate per l’effetto benefico sui reni, infatti vengono utilizzate per contrastare l’insufficienza renale, utili anche per litiasi e obesità da ritenzione idrica.

Secondo la tradizione popolare, si dice che consumando un infuso di vino bianco misto alla cenere di legno di faggio abbia effetti benefici per coloro che sono affetti da calcolosi urinaria, inoltre le foglie venivano impiegate con uso topico anche contro gengiviti e stomatiti.

Il Centaury (Centaurium erythraea) è associato alla tendenza ad essere eccessivamente servizievoli, sacrificando i propri bisogni per soddisfare gli altri. Questo fiore è particolarmente rilevante per coloro che hanno difficoltà a dire di no, finendo per essere sfruttati o dominati dagli altri.

Il Centaury è una pianta erbacea dai fiori rosa o viola appartenente alla famiglia delle Gentianaceae, comune nelle zone dell’Europa. Cresce tipicamente nei prati e lungo i bordi delle strade. Edward Bach ha identificato questo fiore per le sue proprietà energetiche nel trattare specifici disturbi emotivi.

fiori di bach
Centaurium erythraea – img. Assianir (wikipedia)

Il rimedio di Centaury è consigliato per individui che mostrano una forte propensione ad accontentare gli altri a discapito dei propri bisogni.

L’utilizzo del Centaury mira a rafforzare la capacità di affermarsi, di fissare confini sani e di dire di no quando necessario, senza sentirsi in colpa. Il fiore incoraggia a coltivare una maggiore consapevolezza dei propri bisogni e a trovare un equilibrio tra l’aiutare gli altri e prendersi cura di sé stessi.

Il Centaury rappresenta un invito a coltivare la propria autostima e a stabilire confini sani nelle relazioni con gli altri. È uno strumento nel vasto repertorio dei Fiori di Bach, sviluppato per affrontare le sfide dell’affermazione personale e per promuovere un equilibrio più armonioso tra dare e ricevere.

Altre Curiosità su Centaury: Centaurium erythraea può essere utilizzata come rimedio naturale in caso di inappetenza, possibili difficoltà digestive, emicrania, ferite (cicatrizzante) e addirittura puo combattere l’infestazione da pidocchi. Le proprietà benefiche, sono concentrati nelle sommità fiorite della pianta, tra queste abbiamo gli acidi grassi, gli acidi fenolici, i triterpeni, gli steroli, gli alcaloidi, i glicosidi etc.

Si racconta inoltre (Plinio), che il Centaurium in genere prenda il suo nome dal centauro Chirone, che utilizzò la pianta per guarire una ferita causata da una freccia avvelenata lanciata da Ercole mentre combatteva proprio contro i centauri. Da questo si potrebbe intuire che questa particolare pianta probabilmente veniva considerata magica e curativa contro i velini e la febbre.

Il Cerato (Ceratostigma willmottiana) è associato all’incertezza decisionale e alla mancanza di fiducia nelle proprie scelte. Questo fiore è particolarmente rilevante per coloro che hanno difficoltà a prendere decisioni autonome e costanti, cercando costantemente l’approvazione altrui.

Il Cerato è una pianta erbacea dai fiori blu appartenente alla famiglia delle Plumbaginaceae. È originario dell’Asia e delle regioni mediterranee. Edward Bach ha individuato questo fiore per le sue proprietà energetiche nel trattare specifici disturbi emotivi.

Ceratostigma Willmottianum – img. dal web

Il rimedio di Cerato infatti è molto consigliato per individui che mostrano un’eccessiva incertezza decisionale, che chiedono costantemente consigli agli altri e che hanno poca fiducia nelle proprie capacità decisionali. Queste persone tendono a dubitare costantemente delle loro scelte.

L’utilizzo del Cerato mira a rafforzare la fiducia interiore e a sviluppare la capacità di prendere decisioni indipendenti. Il fiore incoraggia a seguire l’intuito e a fidarsi delle proprie capacità, promuovendo una maggiore sicurezza nelle proprie scelte.

Il Cerato rappresenta un invito a coltivare la fiducia nelle proprie decisioni e a seguire la propria voce interiore. È uno strumento nel vasto repertorio dei Fiori di Bach, sviluppato per affrontare le sfide dell’incertezza decisionale e per promuovere un approccio più fiducioso e consapevole alla vita.

Altre Curiosità su Cerato: nessuna curiosità significativa trovata tranne che a scopo ornamentale.

Il Cherry Plum (Prunus cerasifera) è associato alla paura di perdere il controllo e di agire impulsivamente. Questo fiore è particolarmente rilevante per coloro che temono di non riuscire a gestire i propri impulsi o di cedere alla propria ansia.

Il Cherry Plum è un albero originario dell’Europa e dell’Asia occidentale, noto per i suoi fiori bianchi e rosa. Appartiene alla famiglia delle Rosaceae ed è stato individuato da Edward Bach per le sue proprietà energetiche nella gestione delle emozioni.

Il rimedio di Cherry Plum è consigliato per individui che vivono una forte paura di perdere il controllo delle proprie azioni o della propria mente. Queste persone possono sperimentare una tensione interna e la sensazione di essere sull’orlo di cedere agli impulsi.

L’utilizzo del Cherry Plum mira a favorire la calma interiore e a promuovere la capacità di affrontare i momenti di tensione senza cedere al panico o all’impulsività. Il fiore incoraggia a sviluppare una maggiore stabilità emotiva e a gestire le emozioni intense senza sentirsi sopraffatti.

Il Cherry Plum in definitiva rappresenta un invito a trovare un equilibrio interiore, anche in situazioni di tensione estrema.

Altre Curiosità su Cherry Plum: Viene apprezzato per i frutti, che maturano tra giugno-luglio (a seconda delle varietà) e possono essere usati per preparare confetture. Hanno un ruolo importante nella cucina georgiana, in cui vengono utilizzati per la produzione della salsa tkemali e per la preparazione di piatti come la zuppa kharchò e lo stufato chakapuli.

Nella cucina azera vengono consumati sotto forma di salsa o come condimento per zuppe e piatti a base di pesce.

La pianta è mellifera, i fiori sono molto bottinati dalle api, ma non si riesce a produrne miele monoflorale per la limitata diffusione della specie.

Il Chestnut Bud (Aesculus hippocastanum) è associato alla difficoltà di imparare dagli errori del passato. Questo fiore è particolarmente rilevante per coloro che tendono a ripetere gli stessi errori senza acquisire nuove lezioni o esperienze.

Il Chestnut Bud è un albero originario del sud-est dell’Europa e dell’Asia occidentale, noto per i suoi grandi fiori bianchi e rosa. Appartiene alla famiglia delle Sapindaceae ed è stato individuato da Edward Bach per le sue proprietà energetiche nel trattare specifici disturbi emotivi.

Il rimedio di Chestnut Bud è consigliato per individui che hanno difficoltà a imparare dagli errori passati. Queste persone possono ripetere ciclicamente gli stessi errori o modelli di comportamento senza acquisire nuove conoscenze o senza crescere dalla loro esperienza.

L’utilizzo del Chestnut Bud mira a favorire la consapevolezza e la capacità di riflessione. Il fiore incoraggia a essere più attenti alle lezioni che la vita offre, a riflettere sulle esperienze passate e ad adottare un atteggiamento di apprendimento continuo.

Altre Curiosità su Chestnut Bud: L’Ippocastano grazie all’escina contenuta in esso costituisce un valido aiuto per il trattamento di tutti quei disturbi caratterizzati da insufficienza venosa e dai sintomi ad essa associati, quali  gonfiore, dolore e prurito. Inoltre da uno studio su 80 pazienti è emerso che la pianta ha proprietà benefiche per chi è affetto da emorroidi.

Anticamente alla castagna si attribuivano notevoli poteri tra cui la ricchezza e la guarigione da malattie. Si pensava che tenendo una castagna in tasca, questa portasse fortuna attirando verso di se molto denaro.

Il Chicory (Cichorium intybus) è associato all’egoismo emotivo e alla possessività affettiva. Questo fiore è particolarmente rilevante per coloro che possono manifestare un affetto eccessivamente possessivo o manipolativo verso gli altri.

Il Chicory è una pianta erbacea comune in molte regioni dell’Europa e dell’Asia occidentale, con fiori blu luminosi e foglie lanceolate. Appartiene alla famiglia delle Asteraceae ed è stato individuato da Bach per le sue proprietà energetiche nel trattare specifici disturbi emotivi.

fiori di bach
Chicory fiore – Cichorium intybus – foto by Alvesgaspar (wikipedia)

Il rimedio di Chicory è consigliato per individui che manifestano un attaccamento eccessivo o un affetto che tende a essere manipolativo o egoistico. Queste persone possono agire in modo dominante o possessivo, cercando di controllare le persone attorno a loro attraverso un affetto condizionato.

L’utilizzo del Chicory mira a favorire la capacità di amare senza legami egoistici, permettendo un affetto più genuino e disinteressato verso gli altri. Il fiore incoraggia ad essere più altruisti, lasciando andare il bisogno di controllo e permettendo agli altri di essere liberi.

Altre Curiosità su Chicory: La cicoria in generaleha uno stretto legame al sole e all’aria. Secondo le tradizioni esoteriche ha una moltitudine di proprietà definite magiche tra cui: forza, divinazione, favori, invisibilità, apertura di serrature, rimozione di maledizioni etc.

 Si dice che strofinare l’ olio o semplicemente il succo che si ricava dalla cicoria sul corpo permetta di ottenere favori da persone di un certo calibro.

La cicoria ha molte proprietà benefiche anche per l’alimentazione. Inoltre le foglie e i fiori possono essere aggiunte a verdure varie. Questa pianta viene anche usata in alcune particolari bevande alcoliche per migliorarne il gusto. L’inulina presente in essa può essere fermentata per creare una particolare bevanda molto salutare. La cicoria è anche usata come pianta medicinale, preventiva e terapeutica a scopo umano e animale.

Il Clematis (Clematis vitalba) è associato alla tendenza a essere sognatori, distanti o disinteressati alla realtà. Questo fiore è particolarmente rilevante per coloro che possono essere inclini a evadere dalla vita reale immaginandosi in mondi fantastici o in un futuro idealizzato.

Il Clematis è una vite rampicante con fiori bianchi o verdastri appartenente alla famiglia delle Ranunculaceae, comune in molte zone dell’Europa. Edward Bach ha individuato questo fiore per le sue proprietà energetiche nel trattare specifici disturbi emotivi.

fiori di bach
Clematis vitalba -Foto scattata da 
BerndH (wikipedia)

Il rimedio di Clematis è consigliato per individui che mostrano un disinteresse verso la realtà presente, preferendo sognare ad occhi aperti o vivere in un mondo interiore più fantasioso. Queste persone possono essere distanti, disattente o apatiche nei confronti della vita quotidiana.

L’utilizzo del Clematis mira a favorire la presenza mentale e la consapevolezza della realtà. Il fiore incoraggia a canalizzare la creatività e l’immaginazione in modo costruttivo, aiutando a tradurre i sogni e le visioni in azioni concrete nella vita quotidiana.

Il Clematis rappresenta un invito a integrare i sogni e l’immaginazione con la realtà, ad essere presenti nel momento presente e ad agire per trasformare i desideri in realtà.

Altre Curiosità su Clementis: Viene raccolta allo stato selvatico per uso locale come alimento, medicina e fonte di materiali.

Il Crab Apple (Malus pumila) è associato alla purificazione mentale e alla tolleranza verso se stessi. Questo fiore è particolarmente rilevante per coloro che possono essere eccessivamente critici verso il proprio aspetto fisico o mentale.

Il Crab Apple è un albero della famiglia delle Rosaceae, noto per i suoi piccoli frutti rossi e per i fiori bianchi o rosati. Originario dell’Europa, è stato identificato da Bach per le sue proprietà energetiche nel trattare specifici disturbi emotivi.

Fiori di Bach
Malus pumila (fiore) – Crab Apple – foto: by Opioła Jerzy (wikipedia)

Il rimedio di Crab Apple è consigliato per individui che si sentono disgustati o sgradevoli riguardo a un aspetto specifico di sé stessi, che può essere fisico, mentale o emotivo. Queste persone possono essere ossessionate dalla pulizia o dalla perfezione eccessiva.

L’utilizzo del Crab Apple mira a favorire un senso di purificazione interiore e accettazione di sé. Il fiore incoraggia a liberarsi dalla critica eccessiva verso se stessi, permettendo di abbracciare l’intero essere con gentilezza e accettazione.

Il Crab Apple è uno strumento sviluppato per affrontare le sfide dell’auto-immagine distorta e per promuovere un approccio più amorevole e accettante verso se stessi.

Altre Curiosità su Crab Apple: Nessuna curiosità rilevante trovata oltre a quello che il frutto, come noto, è’ una ricca fonte di Carboidrati (pectina e fruttosio), Fibre, Vitamina C (in % maggiore), Vitamina A, Vitamina E, Vitamina K, Sali minerali (in particolare potassio, fosforo e calcio).

L’Elm (Ulmus procera) è associato alla sensazione di sopraffazione e di momentanea incapacità di far fronte a responsabilità o compiti. Questo fiore è particolarmente rilevante per coloro che di solito sono sicuri e competenti, ma talvolta si sentono sopraffatti dai propri impegni.

L’Elm è un albero originario dell’Europa, con foglie dentate e fiori piccoli e verdi. Appartiene alla famiglia delle Ulmaceae ed è stato individuato da Edward Bach per le sue proprietà energetiche nel trattare specifici disturbi emotivi.

Il rimedio di Elm è consigliato per individui che, nonostante siano normalmente affidabili e competenti, possono sperimentare momenti di sopraffazione e dubbio verso la propria capacità di affrontare le responsabilità. Queste persone possono sentirsi momentaneamente incapaci di far fronte ai propri compiti.

L’utilizzo dell’Elm mira a favorire il recupero della fiducia e dell’autostima. Il fiore incoraggia a vedere oltre i momenti temporanei di sfiducia, a trovare equilibrio tra le proprie responsabilità e a riconoscere che le difficoltà possono essere superate.

Sebbene l’efficacia delle essenze floreali di Bach non sia sempre supportata da prove scientifiche definitive, molti sostenitori credono nell’impatto sottile e nell’efficacia energetica dei fiori nel promuovere il benessere emotivo.

L’Elm rappresenta un invito a superare momenti di incertezza e di sentirsi sopraffatti, a ritrovare fiducia nelle proprie capacità e a riconoscere che è normale sentirsi momentaneamente travolti dalle responsabilità. È uno strumento nel vasto repertorio dei Fiori di Bach, sviluppato per affrontare le sfide della momentanea sensazione di sopraffazione e per promuovere un ritorno alla fiducia e all’equilibrio interiore.

Altre Curiosità su Elm: L’albero di olmo secondo alcune tradizioni è associato agli Elfi ed è collegato alla morte e alla rinascita, anche per il suo utilizzo nelle bare.

Si credeva che se le foglie dell’olmo fossero cadute prima del previsto sarebbe seguite malattia del bestiame. Un mito scandinavo racconta degli Dei che trasformarono un Olmo e un Frassino nei primi esseri umani.

Il Gentian (Gentiana amarella) è associato allo scoraggiamento e alla difficoltà nel fronteggiare le sfide. Questo fiore è particolarmente rilevante per coloro che tendono a scoraggiarsi facilmente di fronte agli ostacoli.

Il Gentian è una pianta con fiori azzurri appartenente alla famiglia delle Gentianaceae, diffusa in molte zone dell’Europa. Edward Bach ha individuato questo fiore per le sue proprietà energetiche nel trattare specifici disturbi emotivi.

Gentiana amarella – foto: Kenraiz (wikipedia)

Il rimedio di Gentian è consigliato per individui che si scoraggiano facilmente quando affrontano difficoltà o ostacoli nella vita. Queste persone possono sentirsi demotivate di fronte ai contrattempi e ai problemi, perdendo la fiducia nella possibilità di superarli.

L’utilizzo del Gentian mira a favorire la capacità di affrontare gli ostacoli con più determinazione e speranza. Il fiore incoraggia a sviluppare una maggiore resilienza, ad affrontare le sfide con più ottimismo e a trovare la forza interiore per superare le difficoltà.

Il Gentian è uno strumento sviluppato per affrontare le difficoltà dello scoraggiamento e per promuovere una maggiore resilienza e ottimismo interiore.

Altre Curiosità su Gentian: La pianta della Gentiana ha proprietà digestive, aiuta a combattere la gastrite, ha proprietà vermifughe (in quanto impedisce che si formino parassiti nell’intestino), stimola l’appetito (utile per combattere l’anoressia), ha proprietà coleteriche (stimola la produzione della bile da parte del fegato), ha proprietà astringenti (aiuta a combattere la diarrea), ha proprietà antifermentative nell’intestino.

Il Gorse (Ulex europaeus) è associato alla disperazione e alla mancanza di speranza. Questo fiore è particolarmente rilevante per coloro che possono sentirsi completamente privi di speranza riguardo alla propria situazione o alla propria salute.

Il Gorse è un arbusto spinoso con fiori gialli appartenente alla famiglia delle Fabaceae, comune in molte zone dell’Europa. Edward Bach ha individuato questo fiore per le sue proprietà energetiche nel trattare specifici disturbi emotivi.

fiori di bach
Gorse foto: Joxemai (wikipedia)

Il rimedio di Gorse è consigliato per individui che si trovano in uno stato di profonda disperazione, sentendo che non c’è speranza o soluzione per migliorare la propria situazione. Queste persone possono essere scoraggiate e avere difficoltà a trovare la luce all’interno delle loro circostanze.

L’utilizzo del Gorse mira a favorire il recupero della speranza e della fede. Il fiore incoraggia a trovare la forza interiore per affrontare le sfide, ad aprirsi a nuove possibilità e a credere che la situazione possa migliorare.

Il Gorse è uno strumento nel vasto repertorio dei Fiori di Bach, sviluppato per affrontare la disperazione e per promuovere un ritorno alla speranza e alla fiducia nella vita.

Altre Curiosità su Gorse: Secondo alcune credenze Ulex europaeus protegge dalle negatività, in Galles a quanto pare si pianta vicino le case per proteggerle dalle fate che non sono in grado di attraversarlo Inoltre è usato nei riti di denaro perchè attira l’oro.

Il Heather (Calluna vulgaris) è associato all’egocentrismo e alla necessità costante di attenzione. Questo fiore è particolarmente rilevante per coloro che manifestano una grande preoccupazione per se stessi e trovano difficile ascoltare gli altri.

Il Heather è un arbusto a fiorellini rosa appartenente alla famiglia delle Ericaceae, originario dell’Europa. Edward Bach ha individuato questo fiore per le sue proprietà energetiche nel trattare specifici disturbi emotivi.

fiori di bach
Calluna vulgaris (Heather) – foto: bdk (wikipedia)

Il rimedio di Heather è consigliato per individui che sono costantemente centrati su se stessi e hanno una grande necessità di attenzione e di condivisione delle proprie esperienze con gli altri. Queste persone possono avere difficoltà a mostrare empatia verso gli altri e a essere presenti per loro.

Il fiore incoraggia a sviluppare e a coltivare un “orecchio empatico” e ad accettare che le relazioni sono un equilibrio tra dare e ricevere, a superare l’egocentrismo e a sviluppare una maggiore capacità di ascolto.

In definitiva è un’opzione complementare per coloro che desiderano esplorare metodi olistici per il benessere emotivo e mentale, cercando di coltivare relazioni più empatiche e più bilanciate.

Altre Curiosità su Heather: a quanto pare questa pianta in varie culture ha una ricca storia e folklore, spesso associata a particolari riti di protezione, fortuna, amore etc. In medicina può essere usata per il trattamento di problemi respiratori e malattie della pelle.

L’Holly, o Agrifoglio (Ilex aquifolium), è associato alla negatività, all’odio e alla mancanza di amore. Questo fiore è particolarmente rilevante per coloro che lottano con sentimenti di gelosia, rabbia e chiusura emotiva.

L’Holly è un arbusto sempreverde con foglie lucide e bacche rosse, appartenente alla famiglia delle Aquifoliaceae, comune in molte regioni d’Europa. Edward Bach ha individuato questo fiore per le sue proprietà energetiche nel trattare specifici disturbi emotivi.

Come accennato il rimedio di Holly è consigliato per individui che sperimentano sentimenti di gelosia, odio, invidia o rabbia. Queste persone possono avere difficoltà ad aprirsi all’amore, essere suscettibili e avere una mancanza di compassione verso gli altri.

L’utilizzo dell’Holly mira a favorire l’apertura al amore incondizionato e alla compassione. Il fiore incoraggia a superare la gelosia e la rabbia, permettendo di accogliere e donare amore senza condizioni.

L’Holly rappresenta un invito a superare la negatività e ad aprire il cuore all’amore e alla compassione. È uno strumento sviluppato per promuovere un approccio più aperto e amorevole verso gli altri, cercando di superare sentimenti negativi e di abbracciare l’amore incondizionato e la compassione.

Altre Curiosità su Holly: Le radici, i fiori e le foglie dell’agrifoglio sono utilizzati per creare vari estratti curativi, medicinali e decotti. Le tisane a base di agrifoglio hanno proprietà depurative. È stato inoltre dimostrato che l’estratto ottenuto dalle foglie fresche è adatto anche nella cura dell’ittero.

Già gli antichi Romani le attribuivano poteri speciali, come quello di allontanare le forze del male, ragion per cui usavano porre i rametti sulle porte di casa.

Anche per gli antichi Celti l’agrifoglio era sacro, il suo legno veniva utilizzato per la costruzione di porte e armi. Inoltre era considerato il gemello sempreverde della quercia.

Il Caprifoglio (Lonicera caprifolium), noto anche come Honeysuckle, è associato alla nostalgia, alla rimembranza e alla difficoltà nel vivere nel presente. Questo fiore è particolarmente rilevante per coloro che possono essere attaccati al passato e lottare nell’accettare il cambiamento.

Il Caprifoglio è un rampicante con fiori profumati e vistosi, appartenente alla famiglia delle Caprifoliaceae, comune in molte regioni d’Europa. Edward Bach ha individuato questo fiore per le sue proprietà energetiche nel trattare specifici disturbi emotivi.

fiori di bach
Caprifoglio, foto di Enrico Blasutto (wikipedia)

Il rimedio di Honeysuckle è consigliato per individui che vivono nel passato, rimembrando con nostalgia e rimpianto esperienze o relazioni passate. Queste persone possono avere difficoltà ad abbracciare il presente e ad accettare il cambiamento.

L’utilizzo del Caprifoglio mira a favorire l’accettazione del presente e ad abbracciare il flusso naturale della vita. Il fiore incoraggia a vivere appieno il momento attuale, a lasciar andare il passato e a guardare avanti con speranza, ottimismo e di accettare il cambiamento come parte fondamentale della propria crescita personale.

Altre Curiosità su Honeysuckle: Il caprifoglio, secondo le credenze simboleggia l’amore, la passione e la devozione. Viene spesso associato alla fedeltà, in quanto i suoi fiori sono legati tra loro, simboleggiando l’unione duratura di due persone.

Il Carpino (Carpinus betulus), o Hornbeam, è associato alla stanchezza mentale, alla noia e alla mancanza di motivazione. Questo fiore è particolarmente rilevante per coloro che si sentono stanchi mentalmente all’inizio di una nuova giornata o di un compito.

Il Carpino è un albero della famiglia delle Betulaceae, comune in molte zone d’Europa, noto per le sue foglie dentate e i fiori verdastri. Edward Bach ha individuato questo fiore per le sue proprietà energetiche nel trattare specifici disturbi emotivi.

Il rimedio di Hornbeam è consigliato per individui che sperimentano stanchezza mentale e noia, ma non per cause fisiche evidenti. Queste persone possono sentirsi demotivate all’idea di affrontare le proprie responsabilità quotidiane.

L’utilizzo del Carpino mira a favorire un senso di rinnovata energia mentale e motivazione. Il fiore incoraggia a superare la stanchezza mentale, a riacquistare interesse e motivazione verso i compiti e le sfide quotidiane.

Altre Curiosità su Hornbeam: Questa pianta possiede alcune proprietà medicinali e può essere utilizzata come emostatica e oftalmica.

L’Impatiens (Balsamina ghiandolosa) è associato all’impazienza, alla fretta e alla necessità di tranquillità interiore. Questo fiore è particolarmente rilevante per coloro che tendono ad essere iperattivi mentalmente e agitati. In teoria dovrebbe essere il fiore che più si mi addice. 🙂

L’Impatiens è una pianta nota per i suoi fiori colorati e appartenente al genere delle Impatiens, diffusa in molte regioni del mondo. Edward Bach ha individuato questo fiore per le sue proprietà energetiche nel trattare specifici disturbi emotivi.

fiori di bach
Impatiens, foto di Forest & Kim Starr (wikipedia)

Il rimedio di Impatiens è consigliato per individui che sono impazienti, nervosi e desiderosi di fare tutto in fretta. Queste persone possono essere frustrate dalla lentezza degli altri e dalla mancanza di rapidità nelle situazioni.

L’utilizzo dell’Impatiens mira a favorire una maggiore pazienza e calma interiore. Il fiore incoraggia a rallentare, ad accettare i tempi degli altri e a trovare una tranquillità interiore che permetta di affrontare le situazioni senza tensioni.

L’Impatiens è uno strumento sviluppato per affrontare le sfide dell’impazienza e per promuovere un approccio più rilassato e calmo verso la vita quotidiana.

Altre Curiosità su Impatiens: Secondo alcune credenze il genere impatiens e un fiore che porta fortuna ed energia positiva nell’abitazione in cui sono collocati. Impatiens viene anche associato al chakra sacrale, particolare chakra che governa la passione, la creatività e l’emotiva.

I fiori impatiens si dice che possono essere usati durante la meditazione ai fini di raggiungere il proprio sé interiore.

In medicina a quanto pare questo particolare fiore ha particolari proprietà curative e possano essere utilizzati per alleviare stress, ansia e depressione. 

CONTINUA ARTICOLO===>>

Altri articoli di BorderlineZ
Paura della morte, la Necrofobia
Rappresentazione della Morte

La Necrofobia, consiste in una paura anormale della morte o dei cadaveri in genere, per quanto strano possa sembrare è Read more

La leggenda della strega di Salaparuta che rapiva i bambini

Questa leggenda, tipica della Sicilia, tratta di una strega che viveva nel bosco vicino al paesino di Salaparuta, questa a quanto pare Read more

Necronomicon il libro maledetto dei morti
Rappresentazione Necronomicon

Il Necronomicon è un libro leggendario considerato da molti un testo maledetto. Si dice che tale libro porti alla pazzia a chiunque Read more

Il fantasma dell’Alaskan Hotel

Storie di fantasmi che raccontano di case, castelli e a volte luoghi come cimiteri infestati ne esistono una gran quantità, Read more

5 2 voti
Vota l'articolo

Chat ufficiale BorderlineZ

Novità: E' disponibile il nuovo canale Telegram al seguente link:

BorderlineZ_Channel, si uno dei primi a iscriverti.

La navigazione in questo sito e totalmente gratuita, non chiederemo mai soldi o offerte (tramite paypal) a nessuno. Ma siccome mantenere un sito come questo ha i suoi costi ti chiediamo solo un piccolo favore, se ti piace BorderlineZ condividi più che puoi in nostri articoli nei vari social, per noi sarebbe molto importante. - Grazie e buona Navigazione

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre informato

E’ la prima volta che sei su BorderlineZ ?

Se ti è piaciuto l’articolo mi raccomando, torna a trovarci e iscriviti alla notra newsletter gratuita per rimanere informato. Commenta anche l’articolo se lo ritieni utile. Ufologia, Paranormale, Mistero, Complotto, Cronaca tradizionale etc.

Dai un’occhiata ai nostri ultimi video su YOUTUBE

  1. Il mistero del Disco di Colgante - BorderlineZ
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 2 months ago By BorderlineZ Official Channel
  2. Le Chiavi di Salomone, evocare e comandare i Demoni
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 2 months ago By BorderlineZ Official Channel
  3. Il Mistero della donna Vampiro di Pien in Polonia - BorderlineZ
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 3 months ago By BorderlineZ Official Channel
  4. LE TRAGICHE STORIE DEI TESTIMONI DI ROSWELL (PARTICOLARI POCO CONOSCIUTI) - PARTE PRIMA
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 4 months ago By BorderlineZ Official Channel
  5. 7 misteriosi luoghi di origine aliena - BorderlineZ
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 4 months ago By BorderlineZ Official Channel
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Bing Bang
26 giorni fa

mmm, sono particolarmente scettico riguardo la terapia dei fiori di Bach. Penso sia solo un semplice placebo, inoltre su tutta la storia c’è un giro di business pazzesco

Translate »
2
0
Commenta l'articolox