Il fallimento della ricostruzione in scala della Piramide

ricostruzione in scala della Piramide

La Visione di Yoshimura Takashi

Takashi, noto imprenditore giapponese, ha concepito l’idea di costruire una replica in scala 1:7 della Grande Piramide di Cheope nel cuore del Giappone. La sua visione era di creare un’attrazione turistica senza precedenti, offrendo ai visitatori un’esperienza unica e affascinante del mondo antico egiziano senza la necessità di viaggiare fino all’Egitto.

Negli anni ’80, Takashi ha avviato il progetto con grande entusiasmo e sostegno finanziario. Il sito scelto per la costruzione della replica è stato nella prefettura di Shizuoka, nella regione centrale del Giappone. Tuttavia, la riproduzione in scala ridotta di una struttura così imponente e complessa come la Piramide di Cheope si è rivelata essere una sfida titanica.

Le Complicazioni Tecniche che riguardano la ricostruzione in scala della Piramide

Il progetto che riguarda la ricostruzione della Piramide in scala 1:7, nonostante l’uso di tecnologia moderna, ha affrontato numerose complicazioni tecniche, che stranamente gli antichi egizi riuscirono ad evitare, tra cui la precisione richiesta per la costruzione delle strutture in pietra, la resistenza dei materiali utilizzati e la riproduzione accurata delle dimensioni e delle proporzioni della piramide originale. Inoltre, a tutto il resto si aggiunse la mancanza di esperienza nel replicare un’opera architettonica così iconica, il tutto ha ostacolato il progresso del progetto.

Piramide di Cheope, foto: Nina (wikipedia)

I principali problemi tecnici, che hanno ostacolato il progetto di ricostruzione della Piramide di Cheope in Giappone includono:

  1. Precisione nella costruzione: La necessità di replicare con precisione le dimensioni e le proporzioni della piramide originale richiedeva un’elevata precisione nella costruzione delle strutture in pietra, una sfida tecnica considerevole.
  2. Resistenza dei materiali: Trovare materiali adatti e resistenti che potessero sopportare il peso e le condizioni climatiche era essenziale per la stabilità della replica.
  3. Riproduzione delle tecniche antiche: Ricreare le tecniche di costruzione antiche utilizzate nella Grande Piramide, che comprendevano l’uso di blocchi di pietra massicci e la precisione nell’allineamento delle strutture, rappresentava una sfida tecnica significativa.
  4. Inesperienza nel settore: La mancanza di esperienza nel replicare un’opera architettonica così complessa e iconica come la Piramide di Cheope ha portato a una curva di apprendimento ripida e a errori durante il processo di costruzione.
  5. Difficoltà logistiche: Coordinare la logistica necessaria per trasportare e posizionare le enormi pietre per la costruzione della replica, così come gestire il lavoro di costruzione su vasta scala, ha rappresentato una sfida tecnica considerevole.

In sintesi, la complessità tecnica nel replicare una struttura così complessa e monumentale come la Piramide di Cheope, insieme alla mancanza di esperienza nel settore e alle sfide logistiche, ha contribuito ai problemi tecnici che hanno alla fine portato al fallimento del progetto.

Nonostante gli sforzi e gli investimenti, il progetto di ricostruzione in scala della piramide di Takashi in Giappone alla fine fallì. Le complicazioni tecniche insormontabili e i problemi finanziari hanno portato alla sospensione e infine all’abbandono del progetto. La replica in scala ridotta della Grande Piramide di Cheope non è mai stata completata e il sogno di portare un’icona dell’antico Egitto in Giappone è svanito.

Ma quindi come fecero gli Egizi a realizzare un colosso del genere?

La realizzazione della Grande Piramide di Cheope è stata un’impresa straordinaria per l’epoca e rimane un enigma per molti studiosi anche oggi. Gli antichi egizi hanno utilizzato tecniche e strumenti sofisticati per la costruzione delle piramidi, sebbene possano sembrare rudimentali rispetto alle moderne tecnologie, questo almeno è quello che spiega l’archeologia moderna che cerca di arrampicarsi su supposizioni senza base e prove concrete al 100%.

Senza entrare nel merito della tecnologia egizia, senza scomodare la teoria degli antichi costruttori extraterrestri o di civiltà super avanzate prima degli antichi faraoni, consideriamo quale tecnologia ha fallito in Giappone per mettere su una copia della Piramide in scala 1:7.

Nel progetto di ricostruzione della Piramide di Cheope in Giappone, sono state impiegate diverse tecnologie per tentare di replicare la maestosità dell’originale. Tuttavia, è importante notare che il progetto è stato avviato negli anni ’80, quindi le tecnologie disponibili all’epoca erano meno avanzate rispetto a quelle attuali. Alcune delle tecnologie utilizzate includono:

  1. Tecnologia di costruzione tradizionale: Sono state impiegate tecniche di costruzione tradizionali per la manipolazione e la posa delle pietre, sebbene ci fosse l’intento di riprodurre le tecniche antiche utilizzate nella costruzione della Piramide di Cheope.
  2. Ingegneria strutturale: Gli ingegneri hanno utilizzato principi di ingegneria strutturale per progettare e costruire la replica, cercando di garantire la stabilità e la resistenza della struttura.
  3. Tecnologie di misurazione e allineamento: Per garantire la precisione nella costruzione e nell’allineamento delle strutture, possono essere state impiegate tecnologie di misurazione avanzate disponibili all’epoca, come strumenti di livellamento e strumenti topografici.
  4. Macchinari da cantiere: Sono stati utilizzati macchinari da cantiere convenzionali per il trasporto e la posizionamento delle pietre e per il lavoro di scavo e preparazione del sito.
  5. Tecnologie di modellazione e progettazione assistita al computer (CAD): Anche se meno diffuse negli anni ’80 rispetto a oggi, è possibile che siano state impiegate tecnologie di CAD per aiutare nella progettazione e nella pianificazione della replica della piramide.

Nonostante l’uso di queste tecnologie, il progetto ha incontrato numerosi problemi tecnici che hanno alla fine portato al suo fallimento.

Conclusioni

Il fallimento del progetto di Takashi rappresenta una lezione importante sull’importanza della pianificazione accurata, della competenza tecnica e della gestione finanziaria nella realizzazione di progetti di tale portata. Sebbene l’ambizione possa essere un motore potente per l’innovazione e il progresso, è fondamentale accompagnare tale ambizione con una solida base di conoscenze e risorse per garantire il successo a lungo termine.

web site: BorderlineZ

Altri articoli di BorderlineZ
Ufologi morti in circostanze “misteriose”

Quelle che vi racconterò sono le vicende di alcuni ricercatori di ufologia, non importa se le tematiche che la riguardano Read more

Avvistamento UFO di Cennina, Toscana

Nel luglio del 1954, la tranquilla cittadina di Cennina, situata nelle pittoresche colline della Toscana, è stata il teatro di Read more

Il caso UFO del vulcano Popocatepetl in Messico

Il caso che riguarda l’UFO del vulcano Popocatepetl, da sempre mette in discussione i vari teorici della cospirazione e non, Read more

Lista di oltre 300 importanti titoli di libri sugli ufo – BorderlineZ

Quanto segue è una lista di importanti titoli di libri sul tema UFO. L'elenco è stato recuperato dai vari siti Read more

5 2 voti
Vota l'articolo

Chat ufficiale BorderlineZ

Novità: E' disponibile il nuovo canale Telegram al seguente link:

BorderlineZ_Channel, si uno dei primi a iscriverti.

La navigazione in questo sito e totalmente gratuita, non chiederemo mai soldi o offerte (tramite paypal) a nessuno. Ma siccome mantenere un sito come questo ha i suoi costi ti chiediamo solo un piccolo favore, se ti piace BorderlineZ condividi più che puoi in nostri articoli nei vari social, per noi sarebbe molto importante. - Grazie e buona Navigazione

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre informato

E’ la prima volta che sei su BorderlineZ ?

Se ti è piaciuto l’articolo mi raccomando, torna a trovarci e iscriviti alla notra newsletter gratuita per rimanere informato. Commenta anche l’articolo se lo ritieni utile. Ufologia, Paranormale, Mistero, Complotto, Cronaca tradizionale etc.

Dai un’occhiata ai nostri ultimi video su YOUTUBE

  1. BIOTECNOLOGIA ALIENA - BorderlineZ
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 4 days ago By BorderlineZ Official Channel
  2. Giorgia Meloni #giorgia_meloni
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 7 days ago By BorderlineZ Official Channel
  3. Attentato a Trump, i conti non tornano
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 7 days ago By BorderlineZ Official Channel
  4. #ufo #alieni
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 8 days ago By BorderlineZ Official Channel
  5. Italia #liberta
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 9 days ago By BorderlineZ Official Channel
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Suspiria
5 mesi fa

infatti le piramidi non sono state fatte dagli egiziani, sono molto più antiche e non sono tombe

Nibiru
4 mesi fa

Si anche per me la costruzione delle piramidi è stata spinta e orchestrata da qualcuno che aveva tecnologia molto superiore a quello nostra, gli antichi egizi hanno trovato tutto bello e pronto senò non si spiega. Poi se vogliamo credere alle gru in legno e ai tronchi per spostarle che ben venga , ma io non ci credo…c’è stata la mano di qualcuno esageratamente evoluto a livello tecnologico

4
0
Commenta l'articolox