Il Mistero del Tempio di Kailasa: Un Capolavoro Scavato nella Roccia

tempio di kailasa
Tempio di Kailasa – foto: Pratheepps (wikipedia)

Il Tempio di Kailasa

Il Tempio di Kailasa è uno dei più grandi monoliti scavati al mondo, dedicato al signore induista Shiva. Costruito nel IX secolo d.C., sotto il regno del re Rashtrakuta Krishna I, il tempio rappresenta un’incredibile fusione di arte, architettura e ingegneria. La sua costruzione richiese il lavoro di migliaia di artigiani e impiegò decenni per essere completata.

Nota: Shiva è una delle divinità principali dell’induismo, nota come il distruttore e il trasformatore nell’ambito della Trimurti, la triade divina insieme a Brahma, il creatore, e Vishnu, il conservatore. Nella mitologia induista, Shiva è rappresentato come un dio dalla pelle blu, con quattro braccia e una serpe intorno al collo. Indossa un tridente chiamato “Trishula” e ha una terza occhio al centro della fronte, simbolo di saggezza interiore.

Un’enigmatica Creazione

Ciò che rende il Tempio di Kailasa particolarmente misterioso è il suo metodo di costruzione. Data la sua magnificenza e la sua complessità architettonica, molti studiosi si chiedono come gli antichi costruttori siano riusciti a realizzare un’opera così grandiosa. La roccia fu scolpita per creare un vasto complesso di santuari, altari e sculture, il tutto da un unico monolite.

tempio di kailasa
Mappa del tempio di Kailasa – foto: Internet Archive Book Images (wikipedia)

E’ proprio per questo motivo che sono nate moltissime teorie alternative non ufficiali che circondano il Tempio di Kailasa:

  1. Origine Divina: Alcuni credono che il tempio sia stato creato per ordine divino, con il contributo degli dei stessi o grazie a poteri sovrannaturali.
  2. Tecnologia Perduta: Ci sono teorie che suggeriscono l’uso di tecnologie avanzate o perdute dagli antichi, che potrebbero aver reso possibile la costruzione di una struttura così imponente.
  3. Manodopera e Risorse: Altri studiosi ipotizzano che la costruzione del tempio abbia richiesto una vasta manodopera e l’uso di risorse ingenti, anche se le prove di ciò rimangono elusive.
  4. Segreti Nascosti: Alcuni credono che ci siano camere segrete o passaggi sotterranei ancora da scoprire all’interno del tempio, che potrebbero contenere antichi tesori o conoscenze perdute.

L’origine divina del Tempio di Kailasa

Secondo alcune teorie non ufficiali e credenze popolari, il Tempio di Kailasa è stato costruito con l’aiuto di forze sovrannaturali o divinità stesse. Queste teorie attribuiscono la sua creazione non solo alla mano dell’uomo, ma anche all’intervento divino.

Alcuni credono che il tempio sia stato commissionato direttamente dagli dei, in particolare da Shiva stesso, poiché è dedicato a lui. Quindi fondamentalmente fu un luogo di venerazione e adorazione per i devoti della divinità.

Altri sottolineano la presunta connessione del tempio con il monte Kailash, la dimora mitica di Shiva secondo le scritture induiste. Secondo queste teorie, il Tempio di Kailasa potrebbe essere stato costruito come rappresentazione terrena del monte Kailash, creando così un ponte simbolico tra il mondo materiale e quello spirituale.

tempio di kailasa
foto: Sanjay Acharya 

La tecnologia perduta

La teoria della “tecnologia perduta” è una delle teorie non ufficiali più affascinanti e controverse riguardanti il Tempio di Kailasa. Secondo questa ipotesi, la costruzione del tempio non può essere spiegata completamente dalle tecniche e dagli strumenti conosciuti dell’epoca, suggerendo l’impiego di una tecnologia avanzata o di conoscenze sconosciute che sono andate perdute nel corso del tempo.

tempio di kailasa
Veduta esterna di una parete del tempio – foto: Vyacheslav Argenberg / http://www.vascoplanet.com/

Alcuni punti chiave di questa teoria includono:

  1. Scolpitura della roccia: La caratteristica più sorprendente del Tempio di Kailasa è la sua costruzione monolitica, scavata direttamente nella roccia viva di una montagna. La precisione e la complessità delle sculture e delle strutture all’interno del tempio sollevano domande su come gli antichi artigiani abbiano potuto scolpire una struttura così massiccia e dettagliata senza l’uso di moderni macchinari.
  2. Precisione architettonica: Le sculture all’interno del tempio mostrano un incredibile livello di dettaglio e precisione, con figure mitologiche, animali e decorazioni finemente lavorate. Questa precisione ha portato alcuni a ipotizzare l’uso di tecnologie avanzate o di tecniche ignote per l’epoca per raggiungere tali risultati.
  3. Dimensioni e scala: Il Tempio è uno dei più grandi monoliti scavati al mondo, con una vasta area di superficie e numerosi dettagli architettonici. Alcuni sostengono che la scala stessa del tempio, insieme alla sua complessità, suggerisca l’impiego di tecniche avanzate o di una conoscenza superiore per la sua realizzazione.
  4. Manodopera e risorse: Alcuni studiosi ritengono che la quantità di manodopera e le risorse necessarie per la costruzione del tempio siano state sottostimate e che potrebbero essere state impiegate tecnologie o metodi di cui non abbiamo conoscenza.

Ad oggi, non ci sono prove concrete che supportino l’ipotesi di una tecnologia avanzata, e la costruzione del Tempio di Kailasa rimane un enigma che continua a sfidare le spiegazioni razionali.

Possibili segreti nascosti

I “segreti nascosti” del Tempio di Kailasa sono oggetto di molte affascinati teorie, ma fino ad oggi non esiste alcuna prova concreta di camere segrete o passaggi sotterranei ancora da scoprire. Tuttavia, la magnificenza e la complessità del tempio hanno alimentato fantasie e ipotesi su possibili misteri nascosti all’interno della struttura.

Alcune di queste includono:

  1. Camere segrete: Alcune teorie suggeriscono che potrebbero esistere camere segrete o passaggi sotterranei non ancora scoperti all’interno del tempio. Queste camere ipotetiche potrebbero contenere antichi manoscritti, tesori o reliquie sacre.
  2. Rituali e pratiche occulte: Alcuni credono che il tempio fosse utilizzato per pratiche rituali segrete o per cerimonie occulte, e che queste pratiche potrebbero aver lasciato tracce nascoste all’interno della struttura.
  3. Reliquie sacre: Altri ipotizzano che il tempio possa nascondere reliquie sacre o oggetti di culto, sepolte o nascoste nei suoi recessi. Queste reliquie potrebbero includere oggetti venerati o simboli sacri associati a divinità induiste come Shiva.
  4. Scritture antiche: Ci sono anche teorie che suggeriscono che il tempio potrebbe contenere antiche scritture o testi sacri, forse nascosti in passaggi sotterranei o in cripte.

Manodopera e risorse

La questione della manodopera e delle risorse impiegate nella costruzione del Tempio di Kailasa è fondamentale per comprendere l’eccezionalità di questa impresa architettonica. Considerando le dimensioni e la complessità del tempio, sorgono diverse domande sulle risorse umane e materiali necessarie per completare un’opera di tale magnificenza nell’antica India.

Gli studiosi stimano che migliaia di artigiani e lavoratori siano stati impiegati nella costruzione del Tempio di Kailasa. Questo numero elevato suggerisce un impegno massiccio di manodopera nell’arco di molti anni.

Per realizzare le complesse sculture e le strutture architettoniche del tempio, è probabile che siano stati necessari artigiani altamente qualificati e specializzati in varie discipline, come scultori, scalpellini, muratori e altri.

La costruzione di una struttura così massiccia richiedeva un’efficace organizzazione del lavoro, con una gerarchia di supervisori e capi-artigiani che coordinavano le attività sul sito.

La roccia vulcanica della montagna di Ellora, dove è situato il tempio, è stata la principale risorsa materiale utilizzata per la costruzione. Questa roccia dura e resistente ha richiesto strumenti robusti per essere scolpita.

Gli artigiani avrebbero utilizzato una varietà di strumenti e attrezzature per scolpire la roccia e creare le sculture e le decorazioni del tempio. Questi potrebbero includere martelli, scalpelli, cunei di metallo e altre attrezzature manuali.

Il trasporto di materiali grezzi, strumenti e altre risorse al sito di costruzione del Tempio di Kailasa avrebbe richiesto una pianificazione logistica adeguata e l’impiego di mezzi di trasporto appropriati per superare le sfide geografiche e ambientali.

La costruzione del Tempio di Kailasa rappresenta un’imponente dimostrazione delle capacità umane e delle risorse disponibili nell’antica India. Tuttavia, nonostante gli sforzi di migliaia di lavoratori e l’impiego di risorse considerevoli, rimane un mistero il modo in cui gli antichi artigiani sono riusciti a realizzare un’opera di così grande magnificenza e complessità senza l’ausilio di tecnologie moderne.

Patrimonio Mondiale

Indipendentemente dalle da tutto, il Tempio di Kailasa continua a essere una delle meraviglie del mondo antico e un importante sito religioso e turistico. È stato dichiarato patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1983, garantendo la sua preservazione e la sua conservazione per le generazioni future.

Il Tempio di Kailasa rimane un enigma avvolto nel mistero e nella bellezza. La sua costruzione imponente e la sua storia antica continuano a ispirare meraviglia e ammirazione, mentre il suo fascino misterioso continua a sfidare le spiegazioni razionali. Forse, come molte grandi opere dell’umanità, il suo vero significato e la sua origine resteranno per sempre avvolti nel mistero.

web site: BorderlineZ

Altri articoli di BorderlineZ
I Vampiri in Sicilia – I Bosconero

Solitamente quando si parla di vampiri, alla maggior parte delle persone viene in mente il terrificante conte Dracula, molto noto  Read more

La Contessa Erzsébet Báthory: Tra Sadismo e Leggenda Vampirica

La storia della Contessa Erzsébet Báthory, nobile ungherese del XVI e XVII secolo, è avvolta in un mistero fitto di Read more

Hoia Baciu, la foresta più misteriosa del mondo

La Foresta di Hoia Baciu, situata nei pressi di Cluj-Napoca, Romania (Transilvania), è nota per i suoi enigmi senza risposta Read more

Il mistero della Lemuria

Si racconta che un'antichissima razza di esseri, abitasse una porzione di massa continentale, che per motivi sconosciuti, scomparve letteralmente dalla Read more

0 0 voti
Vota l'articolo

Chat ufficiale BorderlineZ

Novità: E' disponibile il nuovo canale Telegram al seguente link:

BorderlineZ_Channel, si uno dei primi a iscriverti.

La navigazione in questo sito e totalmente gratuita, non chiederemo mai soldi o offerte (tramite paypal) a nessuno. Ma siccome mantenere un sito come questo ha i suoi costi ti chiediamo solo un piccolo favore, se ti piace BorderlineZ condividi più che puoi in nostri articoli nei vari social, per noi sarebbe molto importante. - Grazie e buona Navigazione

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre informato

E’ la prima volta che sei su BorderlineZ ?

Se ti è piaciuto l’articolo mi raccomando, torna a trovarci e iscriviti alla notra newsletter gratuita per rimanere informato. Commenta anche l’articolo se lo ritieni utile. Ufologia, Paranormale, Mistero, Complotto, Cronaca tradizionale etc.

Dai un’occhiata ai nostri ultimi video su YOUTUBE

  1. BIOTECNOLOGIA ALIENA - BorderlineZ
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 4 days ago By BorderlineZ Official Channel
  2. Giorgia Meloni #giorgia_meloni
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 7 days ago By BorderlineZ Official Channel
  3. Attentato a Trump, i conti non tornano
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 7 days ago By BorderlineZ Official Channel
  4. #ufo #alieni
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 8 days ago By BorderlineZ Official Channel
  5. Italia #liberta
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 9 days ago By BorderlineZ Official Channel
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
0
Commenta l'articolox