Lo studio Segreto sugli UFO dell’esercito USA

Lo studio Segreto sugli UFO dell'esercito USA

Lo studio Segreto sugli UFO

IL GOVERNO USA AMMETTE GLI STUDI ESISTENTI

​Circa trent’anni fa il defunto ricercatore Richard Hall (associato ai gruppi di ricerca civile sugli UFO MUFON e NICAP) venne a conoscenza dell’esistenza di un’unità militare dell’esercito americano attiva negli anni Quaranta e Cinquanta. Da li si cominciò ad intuire che esisteva uno studio segreto sugli UFO.

Attraverso la sua ricerca e le sue fonti aveva stabilito che il nome di questa unità di studio era “Unità del fenomeno interplanetario” o IPU. Alla fine lo stesso governo degli Stati Uniti sarebbe costretto ad ammettere che anche loro avevano “memoria istituzionale” di tali studi sugli UFO condotti da questa illusoria Unità sul Fenomeno Interplanetario.

Il 6 settembre 1980, Hall presentò una richiesta formale ai sensi del FOIA all’esercito americano. La sua è stata la prima FOIA a richiedere dettagli sull’IPU. Hall ha ricevuto una risposta dall’Ufficio del Capo di Stato Maggiore per l’Intelligence. Le successive due importanti richieste FOIA arrivarono negli anni successivi. L’ex ricercatore William Steinman ricevette risposte un po’ più dettagliate sull’IPU dallo stesso ufficio il 16 maggio 1984. Ancora più tardi, il 12 marzo 1987, l’esercito rispose alla richiesta dell’autore e ricercatore Timothy Good di ulteriori informazioni sull’Unità.

Di seguito tutti i documenti che riguardano lo studio segreto sugli UFO disponibili anche per il download:

Risposta FOIA di Richard Hall, 1980

Risposta FOIA di William Steinman, 1984

Timothy Good Risposta FOIA, 1987

Ma cosa ha ammesso esattamente l’esercito USA?

L’esercito americano ha fatto alcune ammissioni ufficiali piuttosto sorprendenti sull’IPU. Dalle informazioni raccolte collettivamente da questi tre documenti apprendiamo che:

  • L’esercito americano conferma che all’interno del loro dipartimento di controspionaggio esisteva infatti una “Interplanetary Phenomenon Unit” o IPU
  • L’IPU fu “sciolta” alla fine degli anni ’50
  • I registri dell’IPU furono “consegnati” all’Aeronautica Militare (AFOSI) in collaborazione con il Progetto Blue Book (a conferma che l’IPU si occupava del fenomeno UFO)
  • L’unità era un “progetto interno” come “oggetto di interesse” per un anonimo assistente capo di stato maggiore dell’intelligence
  • L’unità (secondo loro) mancava di “funzione, missione o autorità” formale
  • È solo attraverso la “memoria istituzionale” che l’Esercito conosce l’esistenza dell’IPU

Le scarse risposte dell’esercito a questi ricercatori sono false e internamente incoerenti. E solo dopo ripetute indagini per molti anni l’esercito ha offerto queste tacite ammissioni sull’IPU. Concordano sul fatto che esistesse un’IPU, ma ne minimizzano l’importanza e affermano che sostanzialmente non ne sanno più nulla. Si contraddicono su questo rivelando che i file si riferivano agli UFO (poiché indicano che furono rilasciati al Project Blue Book dell’Air Force). Ma non dicono sotto gli auspici di chi ciò è stato fatto, né come fanno a sapere che è così. E ci dicono quando l’unità è stata “sciolta”, ma non indicano come fanno a sapere che ciò è vero. In qualche modo sanno quando è finita l’IPU, ma non dicono nulla su quando è stata istituita.

Hanno detto che è attraverso la “memoria istituzionale” che conoscono l’IPU. Il loro uso dell’espressione “memoria istituzionale” è più che curioso. La “memoria istituzionale” è definita come “fatti, concetti ed esperienze conservati da un gruppo di persone nel tempo”. Trascende qualsiasi persona e richiede anche la trasmissione continua di informazioni all’interno di un gruppo. L’Esercito in sostanza ammette che tra le sue fila c’è chi ricordava o conosceva l’IPU.

Allora chi è all’interno dell’esercito e dell’aeronautica americana che conosce l’Unità del fenomeno interplanetario? Cosa è stato detto sull’IPU – e chi lo ha detto? L’Esercito non lo dice.

Altre incongruenze

Esistono altre incongruenze molto gravi riscontrate nelle loro risposte FOIA sull’IPU. Sebbene sostengano che i file IPU siano stati dati al Progetto Blue Book dell’Air Force, stranamente non vi è alcuna menzione dell’IPU negli archivi Blue Book! Inoltre, l’ex portavoce del Blue Book, colonnello Bill Coleman, quando fu interrogato, ha detto dell’IPU che “non ne aveva mai sentito parlare”. E la stessa AFOSI non ha mai rilasciato i file dell’IPU, anche se l’esercito sostiene che è lì che risiedono.

E il termine stesso “Unità” nel gergo militare riflette sempre il coinvolgimento di più di un ufficiale. Quindi c’era necessariamente un gruppo di ufficiali dell’esercito che ritenevano che il fenomeno avesse avuto origine fuori dal pianeta, e non semplicemente un individuo come implica l’esercito.

Ci sono volute richieste FOIA che duravano da oltre un decennio per ottenere dettagli sostanziali sull’IPU dall’esercito. Fu solo negli anni ’90 che il governo affermò che i registri dell’IPU erano stati “distrutti”. È stato necessario lavorare con diversi rispondenti alle richieste FOIA per ottenere “bocconcini” di informazioni sull’IPU. E anche allora queste curiosità venivano analizzate in incrementi. Alla fine i funzionari dovettero dire che i registri dell’IPU erano semplicemente “andati”.

Ora è abbondantemente chiaro che il governo non è del tutto disponibile riguardo all’Unità del Fenomeno Interplanetario. L’Esercito e l’Aeronautica si stanno delegando a vicenda la responsabilità dei registri dell’IPU. È evidente che questo offuscamento è intenzionale e deliberato: se fossero sinceri e aperti, dovrebbero ammettere che fin dall’inizio, i leader militari e di intelligence della nostra nazione avevano concluso che gli UFO provenivano da altri pianeti.

Cosa succede quando si chiedono ulteriori informazioni?

L’organizzazione civile di ricerca sugli UFO CUFON ha ottenuto risposte non integrali ai loro tenaci sforzi FOIA per saperne di più sull’IPU. Hanno individuare documenti sull’IPU nel 1992. Cinque anni dopo (nel 1997) hanno riferito di aver presentato 20 richieste FOIA all’esercito e alle organizzazioni correlate.

Hanno stabilito che, indipendentemente dalle nuove informazioni o fonti aggiuntive fornite sull’Unità – e indipendentemente dall’agenzia a cui inviavano le richieste FOIA – ricevevano risposte predefinite con le stesse parole.

Hanno concluso che non venivano effettuate ricerche di documenti valide e che ciò violava la legge FOIA. In qualche modo queste agenzie governative avevano collaborato insieme per sviluppare risposte FOIA standardizzate alle richieste sull’IPU. Apparentemente il governo era ormai esasperato e non ha nemmeno più tentato di offrire risposte dirette a domande specifiche sull’IPU.

 I RECORD DELL’IPU SONO STATI DISTRUTTI?

​Incredibilmente, dopo anni in cui altri hanno cercato di ottenere anche solo l’ammissione dell’esistenza di documenti IPU, CUFON ha ricevuto una risposta dall’Ufficio investigativo speciale dell’aeronautica militare (AFOSI) sostenendo che il materiale IPU “era stato distrutto” ad un certo punto in passato.

Tuttavia l’Air Force non ha potuto (o non ha voluto) dire chi ha distrutto i file o perché – e non ha offerto alcuna autorità o fonte al CUFON per avanzare tale affermazione. E questo contraddice le scoperte di un altro ricercatore il quale ha scoperto che i documenti non sono mai stati contrassegnati come “distrutti”. E ovviamente contraddice le prime risposte FOIA sull’IPU che coprivano l’esistenza di “se presenti” record.

Naturalmente è inconcepibile che tali documenti di militari di così alto rango vengano semplicemente distrutti senza la dovuta autorizzazione e senza ordini diretti.

GENERALE DOUGLAS MACARTHUR

GENERALE DOUGLAS MACARTHUR
GENERALE DOUGLAS MACARTHUR

Il Defense Central Index of Investigations (DCII) è un ramo molto poco conosciuto del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Si tratta di un “indice di controllo automatizzato” che identifica e riporta le indagini condotte da tutte le agenzie investigative del Dipartimento della Difesa. Questo data center militare e di intelligence è uno dei più complessi e completi esistenti.

All’inizio degli anni ’80, il defunto ricercatore John Frick di Melbourne, Florida, venne a conoscenza di una stampa del computer generata dal DCII che aveva correlato alcuni avvistamenti e indagini storiche sugli UFO, compresi quelli effettuati sotto il comando del generale Douglas MacArthur.

L’elenco degli avvistamenti era curiosamente terminato proprio l’anno in cui MacArthur aveva lasciato il Comando dell’area del Pacifico sud-occidentale. La prima riga della breve stampa diceva:

Frick approfondì questo argomento in un articolo apparso nell’edizione del 7 agosto 1982 di The News World, il giornale predecessore del New York Tribune. La sua ricerca aveva dimostrato che nel 1945 il generale MacArthur iniziò un progetto insolito. Lui e altri avevano iniziato a compilare e analizzare rapporti di oggetti non identificati nelle aree sotto il suo comando che volavano nei cieli sopra le Filippine e il Giappone.

Le indagini sugli UFO di MacArthur potrebbero essere continuate fino al 1951 o successivamente. Frick indicò anche che lo stesso MacArthur ebbe un avvistamento a Clark Field (Filippine), di quello che MacArthur era certo fosse un veicolo alieno. MacArthur aveva stabilito che alcuni di questi oggetti volanti anomali erano di origine interplanetaria. Il progetto IPU – e le conclusioni di MacArthur e dei suoi colleghi – purtroppo sono stati censurati e probabilmente non sono mai arrivati ​​a Truman.

Frick ha indicato che una delle sue fonti, l’ex agente dell’AFOSI Rudolph M. Schellhammer (ora deceduto), gli ha rivelato che i file IPU di MacArthur furono trasferiti nel 1962 all’AFOSI. Questo autore ha confermato che Rudolph Schellhammer era effettivamente un agente AFOSI sotto copertura, in consultazione con l’Associazione degli ex agenti speciali OSI. L’organizzazione è una società altamente selettiva di ex agenti Top-Secret che conta solo 114 membri. Schellhammer è stato inserito nella loro Hall of Fame.

Sorprendentemente, il generale MacArthur viene citato nel 1955 dal New York Times , parlando a un pubblico universitario:

MacArthur espresse un “sentimento” molto simile nelle osservazioni che pronunciò parlando all’Accademia militare di West Point nel 1962.

L’uso della parola “interplanetario” da parte di MacArthur è molto significativo alla luce del fatto che è il nome stesso di questo presunto progetto, “Unità del fenomeno interplanetario”. Continua con questo indizio “interplanetario” con l’uso della sua straordinaria frase “gente di altri pianeti”. Stava alludendo alla storia riguardo al suo coinvolgimento nella soppressa “Unità Fenomeno Interplanetario”?

L’esercito ha affermato che l’IPU era un “oggetto di interesse” per un “assistente capo di stato maggiore per l’intelligence” senza nome all’interno dell’esercito. Il vice capo di stato maggiore per l’intelligence del generale Douglas MacArthur era il colonnello Charles A. Willoughby. Willoughby fu successivamente nominato capo dello staff dell’intelligence di MacArthur. Willoughby e MacArthur furono vicini per decenni e alla fine Willoughby fu elevato al grado di Maggiore Generale.

Il generale Willoughby conobbe un tempo il colonnello dell’esercito Philip Corso, controverso abbellitore di Roswell. Forse Corso ha “raccolto” alcuni brandelli di verità sull’incidente dell’UFO di Roswell da Willoughby e successivamente li ha approfonditi. Si sapeva anche che Willoughby aveva indagato personalmente sugli incidenti UFO molto tempo dopo aver lasciato l’esercito all’inizio degli anni ’50 e essersi ritirato a Naples, Florida.

MacArthur stava lavorando in tandem con Willoughby – o Willoughby fu forse usato come “copertura” da MacArthur per i suoi studi sugli UFO? Questo potrebbe essere il motivo per cui una risposta FOIA dell’Esercito a un ricercatore alludeva al fatto che l’IPU era associato a un anonimo “Assistente Direttore dell’Intelligence dell’Esercito” durante il periodo di tempo. È di proposito che non hanno menzionato Willoughby per nome, né il suo capo, lo stesso generale Douglas MacArthur.

E l’autore e ricercatore Timothy Good afferma che le sue fonti avevano indicato che l’IPU in realtà non era sotto il comando diretto del generale Douglas MacArthur – ma piuttosto da qualcuno proveniente da un quartier generale ancora più alto.

Good sostiene che in realtà fu l’immediato superiore di MacArthur, il generale George C. Marshall (capo di stato maggiore dell’esercito e in seguito segretario alla Difesa degli Stati Uniti) a dirigere gli studi interplanetari sugli UFO di MacArthur.

GLI STUDI SOPPRESSI

Questi studi dell’esercito americano sul fenomeno UFO potrebbero essere stati (come suggerisce oggi l’esercito) un “affare privato” tra leader militari e di intelligence di alto rango. Forse una definizione così “rivelatrice” come “Unità del Fenomeno Interplanetario” è stata usata solo “privatamente” – ed è stata menzionata solo in modo molto selettivo.

È possibile che questo fosse il termine nascosto, “interno” per indicare il progetto e che si riferisse a un insieme di studi e file dai nomi meno suggestivi, ma che avevano comunque stabilito che la natura del fenomeno era interplanetaria. In ogni caso, il lavoro dell’unità rimane nascosto.

Ancora oggi l’esercito e l’aeronautica americana stanno sopprimendo la pubblicazione di questi primi studi sugli UFO. In realtà non sono stati mai distrutti e dovrebbero essere resi pubblici.

web site: BorderlineZ

Altri articoli di BorderlineZ
Abduction – I nove rapimenti alieni che hanno fatto la storia

Abduction è un termine inglese che ormai è entrato nell' uso comune del linguaggio ufologico, indica il rapimento di umani Read more

Pentagono ha diffuso un video ufficiale sugli UFO

In questi ultimi giorni, capita sempre più spesso, che le maggiori e più attendibili istituzioni mondiali, sembrano quasi volerci abituare Read more

I segreti del Libro di Enoch e gli antichi astronauti alieni

Il noto Libro di Enoch è un testo considerato apocrifo, la sua origine (giudaica) risale a circa il I secolo Read more

Il mistero dell’UFO di Calvine, file segreto bloccato fino al 2072

Il file segreto che riguarda nel dettaglio uno degli avvistamenti UFO più famosi della Gran Bretagna, potrebbe contenere particolari fotografie Read more

5 1 voto
Vota l'articolo

Chat ufficiale BorderlineZ

Novità: E' disponibile il nuovo canale Telegram al seguente link:

BorderlineZ_Channel, si uno dei primi a iscriverti.

La navigazione in questo sito e totalmente gratuita, non chiederemo mai soldi o offerte (tramite paypal) a nessuno. Ma siccome mantenere un sito come questo ha i suoi costi ti chiediamo solo un piccolo favore, se ti piace BorderlineZ condividi più che puoi in nostri articoli nei vari social, per noi sarebbe molto importante. - Grazie e buona Navigazione

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre informato

E’ la prima volta che sei su BorderlineZ ?

Se ti è piaciuto l’articolo mi raccomando, torna a trovarci e iscriviti alla notra newsletter gratuita per rimanere informato. Commenta anche l’articolo se lo ritieni utile. Ufologia, Paranormale, Mistero, Complotto, Cronaca tradizionale etc.

Dai un’occhiata ai nostri ultimi video su YOUTUBE

  1. La Foresta più Misteriosa del Mondo, Hoia Baciu
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 2 months ago By BorderlineZ Official Channel
  2. Attentato in Russia - Annuncio a tutti gli idioti
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 2 months ago By BorderlineZ Official Channel
  3. Sindrome dei Forza Giorgia, la favola completa
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 3 months ago By BorderlineZ Official Channel
  4. Il mistero del Disco di Colgante - BorderlineZ
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 5 months ago By BorderlineZ Official Channel
  5. Le Chiavi di Salomone, evocare e comandare i Demoni
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 5 months ago By BorderlineZ Official Channel
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Oldest
Newest Most Voted
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Mistery
2 mesi fa

Penso allora che i siti dedicati agli UFO come l’AARO siano semplici palliativi, in realtà il governo non ha mai avuto intenzione di rendere pubblico il fenomeno in maniera del tutto trasparente.

1
0
Commenta l'articolox