I Catari Albigesi, un Movimento “Eretico” e la Repressione Cattolica

Origini e Dottrine dei Catari

Il termine “Catari” deriva dal greco “katharoi,” che significa “puri.” Questo movimento trovò terreno fertile in regioni come il Languedoc, dove la popolazione era insoddisfatta della corruzione e del potere temporale del clero cattolico. La loro dottrina era profondamente influenzata dal dualismo manicheo, che vedeva il mondo come una battaglia tra le forze del bene, associate allo spirito, e quelle del male, associate alla materia.

I Catari rifiutavano molti degli insegnamenti e dei sacramenti della Chiesa Cattolica. Credevano in una vita di austerità, negavano l’istituzione del matrimonio e sostenevano la reincarnazione. La loro forma di battesimo, il “consolamentum”, era considerata l’unico sacramento veramente necessario per la salvezza divina.

La Crociata Albigese

Come è facile immaginare l’influenza crescente dei Catari e la loro critica verso la Chiesa portarono a una risposta drastica da parte delle autorità ecclesiastiche. Papa Innocenzo III, nel 1209, lanciò alla Crociata Albigese, un’iniziativa militare per sradicare l’eresia cataro dal sud della Francia.

Il massacro di Béziers

La crociata fu caratterizzata da una violenza estrema e inaudita. Uno degli episodi più noti fu il massacro di Béziers del 22 luglio 1209, dove i crociati, sotto la guida di Simone di Montfort, uccisero migliaia di persone. La città fu presa d’assalto e distrutta, e non fu fatta alcuna distinzione tra catari e cattolici.

La difesa di Béziers era mal preparata, e quando i crociati si avvicinarono, i cittadini cercarono rifugio principalmente nella cattedrale di Saint-Nazaire e in altre chiese, credendo che sarebbero stati al sicuro in luoghi sacri. Tuttavia, i crociati violarono ogni norma di santuarietà, incendiando la città e massacrando indiscriminatamente la popolazione. Le cronache dell’epoca stimano che tra 7.000 e 20.000 persone furono uccise in quella sola giornata.

Secondo la leggenda, quando fu chiesto come distinguere gli eretici dai fedeli, l’inviato papale Arnaud Amaury rispose: “Uccideteli tutti; Dio riconoscerà i suoi.”

Nota: Arnaud Amaury, o Amalric, è stato un abate e arcivescovo cattolico francese dell’Ordine cistercense, fu incaricato da papa Innocenzo III di reprimere l’eresia catara in Occitania, divenendo uno dei maggiori istigatori della crociata albigese, della quale lo stesso pontefice lo nominò comandante.

La Caduta di Carcassonne

Dopo Béziers, i crociati si diressero verso Carcassonne, un’altra roccaforte catara. La città cadde il 15 agosto 1209. Nonostante la resa, molti abitanti furono imprigionati o espulsi. Carcassonne divenne un simbolo della resistenza infranta e del controllo esercitato dai crociati sulla regione.

La città di Carcassonne, situata nel sud della Francia, era una delle principali roccaforti dei Catari nel XII e XIII secolo. Sotto il controllo del visconte Raimondo Ruggero Trencavel, Carcassonne divenne un importante centro di resistenza contro la crociata albigese lanciata da Papa Innocenzo III nel 1209.

La città era ben fortificata, con doppie mura e un castello imponente, rendendola una delle più formidabili fortezze della regione.

Il 1 agosto 1209, le truppe crociate, guidate da Simone di Montfort, iniziarono l’assedio di Carcassonne. I crociati posizionarono le loro macchine d’assedio e iniziarono a bombardare le mura della città. Nonostante la resistenza determinata, gli abitanti di Carcassonne si trovarono presto in difficoltà a causa della mancanza di rifornimenti e delle condizioni igieniche precarie.

Raimondo Ruggero Trencavel cercò disperatamente di negoziare una tregua con i crociati, sperando di salvare la città e i suoi abitanti. Tuttavia, le trattative furono brevi e inefficaci. Il 15 agosto 1209, con la situazione che peggiorava e la fame che si faceva sentire tra i difensori, Trencavel decise di arrendersi.

In uno degli episodi più drammatici dell’assedio, Trencavel uscì dalla città per negoziare personalmente con Simone di Montfort. Fu immediatamente catturato e imprigionato. La città, ormai senza guida e sotto minaccia imminente, si arrese senza ulteriori resistenze.

Nonostante la resa, i crociati non mostrarono clemenza. Raimondo Ruggero Trencavel morì misteriosamente in prigione pochi mesi dopo, probabilmente per malattie o per avvelenamento.

La cacciata degli abitanti fu brutale: furono costretti a lasciare tutto alle spalle, con solo i vestiti che indossavano. La città fu ripopolata da crociati e coloni fedeli alla causa papale, trasformandosi in una roccaforte cattolica.

La caduta di Carcassonne rappresentò un duro colpo per il movimento cataro. La città, che era stata un simbolo di resistenza, divenne un bastione della repressione cattolica. Simone di Montfort consolidò il suo potere nella regione, e la campagna contro i Catari proseguì con ulteriori successi militari.

La caduta di Carcassonne è uno degli eventi più significativi della crociata albigese, evidenziando la determinazione della Chiesa Cattolica a sradicare l’eresia cataro. La brutalità dell’assedio e le conseguenze per gli abitanti mostrano la ferocia con cui fu condotta la crociata.

La Battaglia di Muret e la Consolidazione del Potere Crociato

La battaglia di Muret, combattuta il 12 settembre 1213, fu un evento cruciale nella crociata albigese. Questa battaglia rappresentò un punto di svolta nella lotta contro i Catari e consolidò il potere dei crociati nella regione del Languedoc.

La battaglia vide contrapporsi due forze principali: da un lato, i crociati guidati da Simone di Montfort, che rappresentavano gli interessi della Chiesa Cattolica e della monarchia francese, e dall’altro, le forze alleate dei Catari, guidate da Pietro II d’Aragona e Raimondo VI di Tolosa.

Pietro II d’Aragona, re d’Aragona e sostenitore dei Catari, decise di intervenire per proteggere i suoi vassalli e contrastare l’espansione del potere crociato. Raimondo VI di Tolosa, uno dei principali nobili della regione e sostenitore dei Catari, si unì a Pietro II con l’intento di difendere il proprio dominio e i suoi sudditi.

La battaglia iniziò con un assalto delle forze aragonesi e tolosane. Pietro II, confidente nella superiorità numerica delle sue truppe, avanzò con decisione contro le linee crociate. Tuttavia, Simone di Montfort era un abile stratega e sfruttò la disciplina e l’organizzazione delle sue truppe per resistere all’assalto iniziale.

La svolta decisiva avvenne quando Pietro II, forse per eccessiva sicurezza, si espose troppo in avanti. Simone di Montfort colse l’occasione e lanciò un contrattacco mirato. Le truppe crociate riuscirono a circondare e uccidere Pietro II, causando scompiglio e demoralizzazione tra le fila aragonesi e tolosane.

Con la morte di Pietro II, le forze alleate si disgregarono rapidamente. La cavalleria crociata sfruttò il caos per infliggere pesanti perdite ai nemici, costringendo alla fuga i sopravvissuti. La battaglia si concluse con una schiacciante vittoria per i crociati di Montfort.

Dopo la battaglia di Muret, la crociata albigese proseguì con ulteriori successi per i crociati. La caduta di Montségur nel 1244 segnò uno degli ultimi bastioni della resistenza catara.

Conseguenze e Fine del Movimento

La crociata continuò per diversi anni, portando alla devastazione di numerose città e al declino dell’influenza catara. Nel 1244, la caduta della fortezza di Montségur segnò un punto di svolta significativo. I difensori cataresi furono costretti ad arrendersi, e molti furono bruciati sul rogo.

Nonostante la brutalità della repressione, piccole comunità di Catari sopravvissero ancora per alcuni decenni. Tuttavia, con l’istituzione dell’Inquisizione, l’eresia catara fu praticamente estirpata entro la fine del XIII secolo.

Conclusione

La storia dei Catari e degli Albigesi è un capitolo oscuro nella storia del cristianesimo. La risposta violenta della Chiesa Cattolica contro questo movimento eretico evidenzia le tensioni religiose e politiche dell’epoca. Sebbene i Catari siano stati annientati, la loro memoria persiste come un simbolo della lotta per la libertà religiosa e la critica contro la corruzione ecclesiastica.

web site: BorderlineZ

Altri articoli di BorderlineZ
Il Tormento del Toro di Bronzo

Il toro di bronzo o toro di Falaride, un'invenzione ormai leggendaria attribuita allo scultore greco Perillo di Atene nel VI Read more

Auschwitz II-Birkenau e il lato Oscuro di IG Farben (ora Bayer)

Mentre molti di noi sono a conoscenza dell'atroce storia del campo di concentramento di Auschwitz durante l'Olocausto, non tutti sono Read more

Il pugnale megalitico in cristallo ritrovato nella penisola iberica

L’antico e affascinate reperto risale a 5.000 anni fa, solitamente si è abituati ad immaginare un’arma megalitica in materiali di Read more

Gerico, la città più antica del mondo
Scorcio dell’antica città di Gerico

Gerico è una città della Cisgiordania, situata in prossimità del fiume Giordano, circondata dal deserto di Giuda con una popolazione di Read more

0 0 voti
Vota l'articolo

Chat ufficiale BorderlineZ

Novità: E' disponibile il nuovo canale Telegram al seguente link:

BorderlineZ_Channel, si uno dei primi a iscriverti.

La navigazione in questo sito e totalmente gratuita, non chiederemo mai soldi o offerte (tramite paypal) a nessuno. Ma siccome mantenere un sito come questo ha i suoi costi ti chiediamo solo un piccolo favore, se ti piace BorderlineZ condividi più che puoi in nostri articoli nei vari social, per noi sarebbe molto importante. - Grazie e buona Navigazione

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre informato

E’ la prima volta che sei su BorderlineZ ?

Se ti è piaciuto l’articolo mi raccomando, torna a trovarci e iscriviti alla notra newsletter gratuita per rimanere informato. Commenta anche l’articolo se lo ritieni utile. Ufologia, Paranormale, Mistero, Complotto, Cronaca tradizionale etc.

Dai un’occhiata ai nostri ultimi video su YOUTUBE

  1. Giorgia Meloni #giorgia_meloni
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 2 days ago By BorderlineZ Official Channel
  2. Attentato a Trump, i conti non tornano
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 2 days ago By BorderlineZ Official Channel
  3. #ufo #alieni
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 3 days ago By BorderlineZ Official Channel
  4. Italia #liberta
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 4 days ago By BorderlineZ Official Channel
  5. Assange #giornalismo
    Source:Video su ufo e alieni BorderlineZ Published on 5 days ago By BorderlineZ Official Channel
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
0
Commenta l'articolox